Home Mtb News Quante sorprese a Hoogerheide!

Quante sorprese a Hoogerheide!

0

Quante sorprese a Hoogerheide!

A due settimane dai Mondiali di Louisville la Coppa del Mondo di ciclocross si è chiusa ad Hoogerheide lanciando segnali per molti versi contraddittori a livello assoluto maschile, ma molto confortanti in chiave italiana per le altre categorie. La gara olandese ha infatti confermato come Gioele Bertolini sarà in America la carta migliore da giocare. I corridore della Selle Italia Guerciotti è salito ancora una volta sul podio, nella gara vinta dal dominatore olandese Mathieu Van Der Poel con 34 secondi sul connazionale Budding e 36 sull’azzurro, dimostratosi ancora una volta la principale alternativa ai tulipani. Bene anche Eva Lechner, ai piedi del podio nella gara femminile vinta dalla pluriolimpionica di casa Marianne Vos con 53” sulla connazionale Van Paassen e 1’12” sulla francese Lucie Chainel-Lefevre, l’altoatesina ha chiuso a 1’24”, bene anche Vania Rossi ottava a 1’56”. Detto della vittoria fra gli Under 23 del belga Witese Bosmans, è arrivata la prova Elite maschile è qui si è avuta la debacle dei belgi, che dopo aver dominato in lungo e in largo tutta la stagione sono addirittura finiti fuori dal podio. Il terreno gelato e coperto di neve non ha favorito questa volta i corridori in testa alla classifica, così dalla gara trasformatasi in una roulette è uscito fuori il nome del ceko Martin Bina, alla più importante vittoria della sua carriera, un successo che in chiave iridata acquisisce più valore pensando che era la sua prima prova di Coppa del Mondo dopo due stagioni di stop per infortunio. Bina ha preceduto di 7” l’landese Lars Van Der Haar e il vice campione svizzero Simon Zahner che nel giro finale si è liberato di Sven Nys, scivolato al primo giro e autore di una furiosa rimonta. Quinto l’iridato Niels Albert, un piazzamento più che sufficiente per aggiudicarsi la Coppa del Mondo. Per gli italiani giornata interlocutoria, con Fontana 17° e Franzoi 20°.

La challenge alla fine premia quindi Albert con 540 punti contro i 515 di Pauwels e i 506 di Nys, Franzoi è 13° con 266 punti. Fra le donne il trofeo di cristallo è dell’americana Katie Compton, assente a Hoogerheide per preparare i Mondiali di casa, fra gli Under 23 titolo a Wietse Bosmans, fra gli juniores a Mathieu Van Der Poel, unico a fare l’en plein di vittorie, con Bertolini sesto.