Pubblicità
Home Windsurf News Raduno zonale Techno 293
Pubblicità

Raduno zonale Techno 293

0

Con ben ventiquattro partecipanti, sabato 6 e domenica 7 luglio, presso il Circolo Surf Torbole, si è svolto il raduno zonale rivolto alla classe Techno 293 OD. I circoli coinvolti, Fraglia Vela Malcesine, Associazione Velica Caldaro e Circolo Surf Torbole, hanno aderito a questo incontro con una eterogenea presenza di giovani atleti consentendo di operare con tutte le categorie della classe; si è da subito diviso in due gruppi, raggruppando i cadetti (Kids) che hanno utilizzato vele da 3,3 mq e 4,0 mq, mentre tutto il resto del gruppo ha lavorato separatamente essendo costituito da atleti appartenenti alle categorie esordienti (5) under 13 (2), under 15 (3) e under 17 (4).
Il primo giorno i lavori sono iniziati come da programma e il segretario di classe Vasco Renna ha dato un saluto ai partecipanti esponendo il lavoro da svolgere, dopo di che i tecnici coinvolti, Giorgia Brizio e Gianlorenzo Imbriaco, hanno iniziato a raggruppare i ragazzi in vista dell’uscita con il vento da nord.
Dopo avere assistito i ragazzi, soprattutto i meno esperti, al montaggio delle attrezzature, si è andati in acqua dove le due flotte hanno iniziato a lavorare su percorsi obbligati e dove ambedue i tecnici hanno effettuato riprese video per il commento in aula e soprattutto per le dovute analisi sulle posizioni sia in manovra che in andatura.
Alle 12:30 rientrati dalla prima sessione in acqua, si è svolto il pranzo, dove i ragazzi hanno potuto conoscersi meglio e commentare l’uscita in acqua.
Alle 14:30 si è nuovamente andati in acqua, in condizioni di vento attorno ai 15 nodi e il lavoro svolto ha interessato i più piccoli nel perfezionamento dell’approccio in boa con vento sostenuto sia in bolina che di poppa; il gruppo dei più grandi ha svolto un lavoro improntato sulla tattica in partenza e sull’approccio alla linea di partenza, essendo state effettuate numerose partenze a ripetizione con count down a due minuti con una regata su bastone al raggiungimento di quattro partenze. Infine si è lavorato sull’andatura al traverso con partenza lanciata e strambate in boa.
Al rientro, dopo avere riposto le attrezzature attorno alle 17:30 si è svolta una sessione di stiramento muscolare e si è effettuato un breve commento sulle due uscite sia della mattina che del pomeriggio.
Domenica 7, all’appuntamento delle 9:30 è stato nuovamente spiegato il programma giornaliero e ci si è dedicati alla compilazione delle schede atleta soprattutto per alcuni atleti intervenuti in ritardo. In questa occasione è stato valutato di sottoporre sia ai grandi che ai piccoli un breve questionario in forma anonima sulle abitudini alimentari, in modo tale da elaborare un quadro generale sulle abitudini degli atleti che si allenano in zona.
Stesso iter del giorno precedente, con uscita mattutina e pomeridiana, (con pausa pranzo) quindi con vento e onda differente nelle due sessioni, consentendo di lavorare sia sugli assetti che sulle manovre sia per i grandi che per i più piccoli.
Al rientro a terra attorno alle ore 16:30 si è effettuata la proiezione dei filmati delle due giornate, effettuando un commento su caso specifici e commenti generali con il coinvolgimento di tutti i ragazzi.
Un ulteriore saluto del segretario Vasco Renna e i ringraziamenti dei tecnici agli atleti, hanno portato alla conclusione di questa intesa attività.

foto copia 2

foto copia 8

Articolo precedenteStephanie Gilmore & Roxy
Articolo successivoTechno Slalom Cup 2013, le classifiche provvisorie e video
Ciao a tutti, sono Fabio Calò (ITA-720), ho iniziato a fare windsurf all’età di 13 anni e da quel momento è diventata la mia più grande passione, la mia vita. Finiti gli studi universitari ho iniziato a lavorare in un negozio di windsurf a Torino, poi agente di commercio e nel 2006 è iniziata la mia grande avventura con la redazione di 4Windsurf e poi anche di 4Sup. Sono stato campione italiano Wave di windsurf nel 2013 e 2015, altri ottimi risultati agonistici gli ho ottenuti anche nel freestyle sia in Italia che in Europa. Dal 2017 sono il direttore di una delle scuole più importanti del Lago di Garda, il PierWindsurf. Trasmetto la mia passione con progetti dedicati ai giovani come il Progetto Serenity di Malcesine, e organizzo Wave Clinics nel periodo invernale. Vivo a Torbole sul Garda e respiro l’aria del windsurf 365 giorni all’anno.
Pubblicità