Home Running News Ragusa prepara la sua maratona

Ragusa prepara la sua maratona

0

Ragusa prepara la sua maratona

Torna a Ragusa la “Hybla Barocco Marathon”, la kermesse podistica giunta all’undicesima edizione che nel 2014 è stata programmata per domenica 12 gennaio. Sarà il primo appuntamento sportivo di un certo rilievo del nuovo anno, La macchina organizzativa è già in moto, per dare lustro a una delle competizioni più attese dagli atleti di tutta Italia.

Tra i muri a secco, i paesaggi agresti della campagna iblea e i monumenti barocchi anche stavolta si annuncia una gara ricca di stimoli per i vari corridori che arriveranno, come da tradizione, da ogni parte della Penisola. E anche oltre. Ci sarà la possibilità di cimentarsi con il tracciato classico della maratona, 42 km e 195 metri, che si snoderà per le zone più suggestive della città di Ragusa. Partenza alle 8:00 del mattino da via Feliciano Rossitto.

Sarà assegnato, inoltre, il premio dedicato a Emiliano Ottaviano, indimenticato dirigente sportivo scomparso in giovane età. Ci sarà anche l’opportunità di sperimentare un’altra manifestazione competitiva, la “StraRagusa”, anche in questo caso giunta all’undicesima edizione, lunghezza 21 km circa, con il via che sarà dato intorno alle 9:45, sempre dalla stessa base di partenza. Altri eventi collaterali sono in fase di definizione e saranno comunicati nei prossimi giorni. L’arrivo della maratona è fissato, come sempre, nello splendido scenario monumentale nel cuore di Ragusa Ibla. L’organizzazione della Hybla Barocco Marathon è curata dall’associazione “Sicily iso ne” presieduta da Sebastiano La Mesa, con il supporto dell’associazione “No al doping” di Guglielmo Causarano ed Elio Sortino oltre al supporto dello Csain. “Così come è accaduto un anno fa – afferma La Mesa – possiamo dire, con un certo orgoglio, che stiamo facendo di tutto affinché si possa contare solo sulle nostre forze. Sappiamo che è un momento difficile ma non ce la sentiamo di perdere questo patrimonio sportivo, soprattutto dopo essere arrivati al giro di boa dei dieci anni. E quindi ci stiamo facendo forza e stiamo cercando di andare avanti lo stesso, in alcuni casi sostenuti da quegli amici che si sono prestati ad aiutarci in maniera del tutto spontanea e volontaria. E’ chiaro che speriamo di potere contare sul supporto che può arrivare dai nostri enti locali territoriali. Se diamo un’occhiata al panorama regionale e del Sud Italia, sono numerose le maratone scomparse dall’oggi al domani. Ci riteniamo fortunati e anche un pizzico incoscienti. La passione poer questa disciplina sportiva non è possibile contenerla”.

Sicilia Ragusa