Pubblicità

RED BULL RALLY DOS VENTOS, UNA SFIDA UNICA.

0

Il Red Bull Rally dos Ventos é una sfida che ha dell’eccezionale, dove i riders devono trovare l’orientamento e completare un percorso tra acqua e dune sabbiose.

Competitors - Action

Ospite d’eccezione per questa prima edizione è stata la bellissima Susi Mai che è stata letteralmente colpita dalla difficoltà della gara:

Il terreno di gara è in un parco potetto di proprietà dello stato del Brasile dove solo per arrivarci ci vuole un permesso e un mezzo con grandi capacità di off-road, le regole sono molto semplici, bisogna trovare la strada più corta per andare dal punto A al punto B,  il bello è che non c’è solo acqua, ma immense dune sabbiose che ti fanno perdere completamente l’orientamento.

Le dune cambiano continuamente forma e posizione, rendendo impossibile prevedere dove ci sia acqua e dove no, inoltre il direttore di gara non ha svelato i punti di partenza e arrivo fino al giorno della gara, dove muniti di GPS, 45 rider sono andati letteralmente alla ricerca dell’arrivo.

“La chiave per andare veloci” dice Susi Mai, è passare la maggior parte del tempo in acqua e evitare di percorrere lunghi tragitti sulla sabbia.

just-a-little-stroll-across-the-sand

Il giorno della gara le condizioni erano molto favorevoli, tutti i riders erano armati con vele da 8 metri ma nessuno sapeva esattamente cosa fare, essendo la prima edizione ci sono state un sacco di prove, forse la pensata migliore è stata quella di Susi che la mattina della gara è andata a comprare della cera da mettere sul fondo della tavola per farla scivolare meglio sulla sabbia.

Tutti hanno avuti strategie diverse, alcuni hanno provato cose da pazzi, un ragazzo faceva salti incredibili per poi atterrare 40 metri sottovento direttamente sulla sabbia, un altro rider ha percorso 33 chilometri a piedi perchè si era perso!!

Susi Mai aveva perso totalmente l’orientamento e non era più in grado di capire dov’era il Nord e il Sud, nessuno avrebbe mai pensato che questa gara potesse essere così difficile.

Bruna Kajiya - Action

Il vincitore, un ragazzo del luogo ha completato la gara in soli 37 minuti senza mai togliersi la tavola dai piedi, la tecnica vincente è stata quella di trovare una posizione comoda e sicura nel Sand Riding per mantenere una velocità elevata anche su terra!

Beccatevi il video di questa straordinaria competizione!!!