Pubblicità
Home Windsurf News Sa Barra Freestyle Contest, l’atto finale
Pubblicità

Sa Barra Freestyle Contest, l’atto finale

0

ROSSEL BERTOLDO VINCE IL SA BARRA CONTEST!
Giovanni Passani si prende la prova Junior e la Super Session.

gruppoSa Barra Contest episodio II

Rossel Bertoldo vince il Sa Barra Freestyle Contest! Il 24enne local di Sant’Antioco è il secondo vincitore della competizione organizzata dal Windsurfing Club Sa Barra dopo il successo dello scorso anno targato Jacopo Testa. Secondo Mattia Fabrizi, protagonista di una fantastica rimonta nel Double Elimination, terzo, Stefano Lorioli.
Giovanni Passani si aggiudica invece la prova Junior, battendo in finale il detentore del titolo Matteo Testa (terzo il 14enne Nicolò Tagliafico), e la mitica Super Session grazie ad un super Kabichuchi davanti a Jacopo Testa ed al padrone di casa Gigi Madeddu.

Jacopo TestaJacopo Testa

SA BARRA FREESTYLE CONTEST
Heat solide, manovre fluide, qualche supermoves al top della sua performance hanno permesso al freestyler del team White Reef (Gaastra/Tabou) nato a Desio, in provincia di Monza Brianza, e trasferitosi nel Sud Sardegna all’età di 16 anni, di conquistare il suo primo trofeo in carriera. Dopo il quinto posto del 2013 quello di Rossel Bertoldo è l’exploit più sorprendente dell’intera due giorni di gare, riuscendo ribaltare tutti i pronostici della vigilia che vedevano i già titolati Testa e Fabrizi pronti a darsi battaglia per la seconda ‘corona’ di Sa Barra.
Nel Single Elimination, disputato nelle classiche condizioni del Windsurfing Club Sa Barra (oltre 30 nodi per tutta la giornata con picchi che hanno superato anche i 40 nodi) ha vinto con merito la finale contro un combattivo Stefano Lorioli. Nel Double è riuscito ad arginare la spettacolare risalita di Mattia Fabrizi. L’atleta del team North/Fanatic, nostro rappresentante in coppa del Mondo, ha esaltato il pubblico vincendo dieci batterie consecutive a colpi di Culo, Burner e Air Skopu, compresa la prima finale del Double. Nel ‘resaling’, decisiva è stata la Kono normal di Rossel nel bordo di rientro, seguita da un super Burner one hand. Terzo, confermandosi da anni ormai sempre nei primi posti in Italia, Stefanino Lorioli, incredibilmente costante nelle sue heat con pochissimi errori e una professionalità da esempio per i più giovani.
Giù dal podio ma tra i migliori dell’intera manifestazione il più giovane dei fratelli Testa, Matteo, che conferma i progressi intravisti nell’ultima stagione agonistica. Il piccolo “gangster”, così come conosciuto dall’intero circus, si è espressa su livelli altissimi, con supermoves anche con vento fotonico. La sua tecnica sopraffina e lo stile inconfondibile stanno pian piano lasciando il segno, così come quelle del giovanissimo Nicolò Tagliafico, fantastico quinto posto a soli 14 anni davanti a campioni del calibro di Jacopo Testa (6°), sconfitto in una heat con vento davvero proibitivo (raffiche che nebulizzavano l’acqua), di Paolo Bacchini (7°) e del suo ‘maestro’ Gigi Madeddu (9°).
Degno di nota anche il bel 7° posto di Riccardo Marca, altro giovane talento del #sabarrastyle project, che a soli 17 anni sta dimostrando di poter avvicinare i big del freestyle italiano con qualche big moves molto apprezzata dalla giuria che, oltre agli atleti a rotazione (nuovo format già sperimentato con successo lo scorso anno) vedeva come giudice Aicw una leggenda del windsurf italiano come Gigi ‘Le Carro’ Colombo e come rider “fisso” l’infortunato Matteo Romeo.

Francesco CappuzzoFrancesco Cappuzzo

SA BARRA FREESTYLE JUNIOR CONTEST
Il freestyle italiano sembra avere un futuro già ben delineato e la prova Junior del Sa Barra Contest ne è conferma diretta. Non è stata una semplice sfida a colpi di spock e flaka, anche perché il numero degli iscritti al tabellone under 20 rappresentava esattamente la metà dei partecipanti al Contest. Ha vinto il romano Giovanni Passani, anche lui trasferitosi nel Sud Sardegna per legarsi al #sabarrastyle project. Ed i risultati sono subito arrivati. Kabichuchi, Kono da entrambe le mura, big Culo e Air Bob sono solo alcune delle manovre portate in acqua dal 18enne del team White Reef. Una finale senza esclusione di colpi contro Matteo Testa che già prima aveva sofferto contro un Nicolò Tagliafico ispiratissimo a colpi di Burner nonostante qualche linea di febbre accusata nella notte. Quarto Riccardo Marca, autore di una splendida rimonta nel Double Elimination con quattro heat consecutive vinte con grande autorevolezza. Quinto Francesco Cappuzzo, che a 17 anni dimostra già di essere un veterano del circuito con performance di altissimo livello.

 

Giovanni PassaniGiovanni Passani

SUPER SESSION
Dici Super Session e il campo gara del Sa Barra Freestyle Contest si trasforma un video in 3D. Rider che volano tra Kanochuchi, Doppia Culo, Spock Culo, Doppio Grubby e Doppio Eslide (fantastici quelli di Marco Vinante), Flaka Shaka e molto altro ancora. Vince il 18enne Passani che in un giorno solo si rifà del 9° posto del tabellone principale, frutto anche di incroci da brivido al primo turno (subito contro Mattia Fabrizi), tenendosi alle spalle nientemeno che Jacopo Testa e Gigi Madeddu. Quarto Vinante, tra i più in forma nelle batterie precedenti. Uno show che ha messo a dura prova giuria e pubblico, costretto a girare la testa in continuazione per non perdersi nemmeno una delle big moves realizzate dai rider in gara.

Matteo TestaMatteo Testa

SA BARRA GIRLS CONTEST
Nicole Bandini vince il testa a testa tra le due local del Windsurfing Club Sa Barra, superando seppur di poco Alice Casula. Nicole ha 15 anni e ha scelto il Sud Sardegna per allenarsi, trasferendosi qui dove proseguirà anche la scuola, Alice ha 18 anni ed è di Calasetta (un paese limitrofo a Sant’Antioco). Appassionate di freestyle, si sono sfidate a colpi di vulkan e tentativi di spock. Un bel punto di partenza per un movimento che pian piano sta iniziando a prender forma e sul quale il Windsurfing Club Sa Barra vuole continuare ad investire.

Nicole BandiniNicole Bandini

podio girls good

4WINDSURF
I ragazzi di Sa Barra ci hanno regalato un incredibile spettacolo ed è stato un piacere per noi seguirli. Grazie a tutti i ragazzi e ragazze che hanno partecipato al contest: Rossel Bertoldo, Mattia Fabrizi, Stefano Lorioli, Matteo Testa, Nicolò Tagliafico, Jacopo Testa, Riccardo Marca, Paolo Bacchini, Matteo Spanu,Francesco Cappuzzo, Giovanni Passani, Marco Vinante, Luca Pirina, Stefano Salemi, Francesco Farci, Nicole Bandini e Alice Casula.

Un ringraziamento speciale al padrone di casa Gigi Madedu e ai nostri collaboratori Francesca La Croce e Simone Pierini per il lavoro svolto.

Gigi Madeddu commenta: “Sono sfinito. Ho capito che per fare una buona gara non devo ne fare lo speaker ne l’organizzatore. Ad ogni modo è stato tutto molto divertente. Sono molto soddisfatto anche del metodo di giudizio che abbiamo utilizzato che ha esaltato le caratteristiche dei rider: 3 manovre per lato (mure a sinistra e a destra) con tentativi illimitati. Il vento ci ha sostenuto per due giorni consecutivi. Oggi abbaino effettuato il tabellone Juniores e poi non c’era più tempo per un altro Double. Abbiamo comunque messo ai voti la decisione se iniziare o meno un secondo tabellone e la maggioranza degli atleti ha votato per il no. Abbiamo così continuato con una Super Session spettacolare, anche se il vento era meno forte di ieri, oggi abbiamo usato le 4.8. Sono soddisfatto del mio 3° posto nella Super Session. Abbiamo avuto anche un bel pubblico, la TV e oggi c’erano anche tanti fotografi. Un successo pieno… e ha vinto  il rider che lo ha meritato di più: Rossel Bertoldo.”
Gigi LeCarro, giudice: “Ho assistito a un Sa Barra on fire come solo poche volte mi era capitato di vedere. Organizzazione perfetta e clima molto friendly in spiaggia. 18 rider dal livello tecnico molto elevato messi a dura prova dalle condizioni toste del primo giorno di gara, con vento a tratti con punte da 40 nodi! Per il ranking dell’anno scorso e la sorte, la parte alta del tabellone era un po’ più semplice della parte bassa dove abbiamo  assistito subito nel primo round allo scontro tra Giovanni Passani e Mattia Fabrizi. È passato per pochissimi punti Fabrizi come sapete. Successivamente nello scontro top level con Jacopo Testa, Mattia non è riuscito a passare il turno. I colpi di scena non sono mancati e nel turno successivo il giovanissimo Nicolò Tagliafico ha battuto Jacopo Testa in una heat con condizioni molto difficili. Jacopo ha purtroppo commesso troppi errori che hanno lasciato il campo scoperto al giovane promettente Nicolò che ne ha approfittato per battere il Campione Italiano con 4 manovre contro 3. Ha vinto il rider più costante dell’intero evento, Rossel Bertoldo, sicuramente la rivelazione di ieri. Fabrizi nonostante fosse uscito presto nel Single si è rifatto nel double e forse per stanchezza dopo 9 heat non è riuscito a vincere, comunque è stato molto bravo.”

podio super sessionIl podio della Super Session

Gigi MadedduGigi Madeddu

Riccardo MarcaRiccardo Marca

 

 

TESTO DI Simone Pierini, 4Windsurf
FOTO DI Francesca La Croce

Pubblicità
Advertisement