Home Kitesurf News Sardinia Grand Slam: La fine dell’Italiano e l’inizio del Mondiale

Sardinia Grand Slam: La fine dell’Italiano e l’inizio del Mondiale

0

Sardinia Grand Slam: La fine dell’Italiano e l’inizio del Mondiale

14716053_10208099247894159_811108466895855292_n 

Garofalo e Coccoluto sono exequo i nuovi Campioni d’Italia. Francesca Bagnoli domina la categoria femminile mentre Francesco Contini vince tra gli Juniores.
Oggi in acqua i più forti rider internazionali per la prima giorn  ata del Sardinia Grand Slam, la finale della World Kite League

 

Arrivano i primi verdetti dal Sardinia Grand Slam. Ieri si sono svolte le premiazioni dei Campionati italiani assoluti di Kiteboard. In programma c’era soprattuto la finale nella categoria Open maschile tra i due amici laziali Gianmaria Coccoluto e Gabriele Garofalo.

Purtroppo il vento non è stato propizio e quindi il titolo di Campione Italiano 2016 è stato assegnato exequo ad entrambi gli atleti. Stesso discorso per la Finale Loser, che avrebbe assegnato la medaglia di bronzo in questa categoria. Sullo stesso gradino del podio sono saliti pari merito i fratelli Vicari (Andrea e Cristiano) e Francesco Contini.

14731180_10209429936162938_7514663086794209298_n

La lotta per l’oro si era già conclusa sabato invece nelle categorie Femminile e Juniores.

Tra le girls successo indiscusso di Francesca Bagnoli che conferma ancora una volta il livello internazionale del suo riding superando Giulia Piccioni (seconda) e la rivelazione al rosa di questa edizione, la quattordicenne bolognese Sofia Tomasoni (terza), per la prima volta in acqua in una competizione nazionale di freestyle.

Tra gli Juniores vittoria del sardo Francesco Contini sul laziale Andrea Vicari. Terzi exequo (anche questa finale loser era in programma ieri) Carrus e Carlucci.

Il livello raggiunto dai giovanissimi kiters in questa finale regala grandi speranze al movimento che ormai, oltre alle certezze di Coccoluto e Garofalo, tantissime giovani promesse pronte a spiccare il volo.

sardinia grand slam

“Queste giornate sono state abbastanza impegnative – è il commento di Gabriele Garofalo al termine della gara – le condizioni non erano certamente facili. Il livello dei rider era davvero alto ed è stata una gara davvero combattuta. Da un lato mi dispiace di non aver avuto modo di completare il tabellone e quindi disputare la finale per il primo e secondo posto. Dall’altro però sono davvero felice di dividere il titolo di Campione d’Italia con Gianmaria Coccoluto con il quale ho in comune, oltre alla passione per questa disciplina anche un’amicizia profonda che ci lega da tanti anni”.

Gli fa eco Gianmaria Coccoluto, campione d’Italia già nel 2014 e 2015: “Gareggiare con il mio “fratello” Gabriele Garofalo è stata davvero una bellissima esperienza. Lui è stato il mio insegnante di Kite 5 anni fa e siamo cresciuti insieme in questo sport e nel freestyle. Arrivare sul podio insieme e condividere con lui il titolo di campione d’Italia è il coronamento di un percorso fatto insieme”.

“Garofalo e Coccoluto hanno disputato una finale di campionato da vincenti – è il commento di Mirco Babini, presidente dell’IKA (International Kiteboarding Association) – hanno vinto tutte le loro heat mantenendo un livello tecnico davvero altissimo e riuscendo a dosare le loro prestazioni, preservando per le manche finali i trick migliori. Bravi, tecnici, tattici e dallo stile inconfondibile. Meritano assolutamente entrambi il titolo di Campioni d’Italia”.

“Purtroppo il vento non ha permesso di disputare la finale Big Air – continua Babini – ma questo non ha compromesso l’ottima riuscita dell’evento. Condizioni migliori non avrebbero inciso molto il risultato finale, la tecnicità degli atleti in acqua era talmente alta da esser chiara e palese anche con il vento rafficato di ieri”.

“Una nota di merito – conclude – va a tutti i giovani emergenti, dai fratelli Vicari, Contini e via via gli altri che hanno davvero entusiasmato in queste giornate di gare ed hanno dato dimostrazione di una crescita di livello importante”.

Ma lo spettacolo non è finito qui e da domani si entra nel vivo del Sardinia Grand Slam, la finale della World Kite League 2016 che assegnerà il titolo di campione del Mondo di Kiteboard nelle categorie Freestyle e Big Air.

L’evento è organizzato dalla GLEsport con la collaborazione tecnico sportiva dello Sporting Club Sardinia di Porto Pollo sotto l’egida della IKA (International Kiteboarding Association), e con il contributo della Regione Autonoma della Sardegna con l’assessorato al Turismo e del Comune di Palau. Ai nastri di partenza ci sono 30 atleti. A rappresentare i colori italiani nella categoria maschile saranno certamente Gianmaria Coccoluto, Gabriele Garofalo, Francesco Contini e Andrea Vicari e si attendono altre sorprese.