Home Mtb News Scattano gli Europei, subito la staffetta

Scattano gli Europei, subito la staffetta

0

Scattano gli Europei, subito la staffetta

Che Europeo sarà quello che vedremo da domani a domenica a Mosca, in particolare a Krylatskoye che nel 1980 ospitò le prove ciclistiche dei Giochi Olimpici? Già la rassegna continentale ogni anno è vista come un aperitivo delle più importanti Coppa del Mondo e Campionati Mondiali, figurarsi quest’anno nel quale ci sono anche i Giochi Olimpici. Per questo alcuni grossi nomi del panorama internazionale hanno scelto di passare la mano e rinunciare alla trasferta per prepararsi meglio per la rassegna a cinque cerchi, tra loro anche Marco Aurelio Fontana che ha deciso di rifiatare dopo un’ottima campagna primaverile. Questo mette un po’ in apprensione il cittì azzurro Pallhuber, che oltre a poter sperare nella gara Elite solo a qualche piazzamento, si trova un po’ sguarnito per la staffetta, vera possibilità di medaglia per la squadra, dovendo probabilmente scegliere fra Longo e Tiberi per sostituire il tricolore Fontana, ma avendo anche il dubbio se puntare su Kerschbaumer o Luca Braidot per la frazione Under 23.

Le gare russe, che inizieranno domani proprio con la staffetta, dovranno dare risposte alla selezione azzurra: proprio Kerschbaumer, reduce da una prima parte di stagione invero deludente, rischia di perdere il posto per Londra e nella gara Under 23 troverà coloro che gli hanno dato grossi dispiaceri in Coppa come l’austriaco Kerschbaumer, il ceko Cink ma anche lo stesso Braidot. Fra le Elite Eva Lechner dovrà finalmente dimostrare di essere in crescita di condizione, legittimando in un consesso molto più qualificato la bella impressione di sabato a Vermiglio. Qualche interessante piazzamento potrebbe arrivare anche dagli Juniores, con Bertolini e soprattutto la Collomb.

Allargando gli orizzonti, la gara Elite maschile è attesa domenica con curiosità: Kuhlavy vuole il tris di vittorie, ma più che il leader di Coppa, lo svizzero Schurter che sembra leggermente in calo rispetto a inizio stagione (probabilmente anche lui sta già pensando a Londra), il pericolo arriva dal grande Absalon, il francese reduce dalla vittoria di domenica in casa degli svizzeri a Berna, sul circuito che nel 2013 ospiterà proprio gli Europei. Il biolimpionico ha vinto gli Europei solo una volta, nel 2008 a Lamosano di Chies d’Alpago, una vittoria che gli portò bene e quindi vuole ripetere lo stesso percorso di avvicinamento all’oro olimpico. A Mosca poi molti si giocheranno le residue carte per essere selezionati per Londra e fra questi c’è curiosità intorno al grande ciclocrossista belga Sven Nys, che con un buon piazzamento a Mosca otterrebbe quella qualificazione che rappresenterebbe il coronamento di una grande carriera. Si comincia domani con la staffetta, venerdì spazio alle prove giovanili, sabato agli Under 23 e domenica alle gare Elite di chiusura.

Gabriele Gentili