Pubblicità

Skarnitzl fa davvero sul serio

0

La rassegna del fine settimana internazionale si apre con il primo importante evento di cross country in Austria, il Kamptal Klassic Trophy a Langelois/Zobing, andato al sempre più sorprendente ceko Jan Skarnitzl in 1h41’13”, a 4” il padrone di casa Christoph Soukup e a 8” il connazionale Jiri Novak. 9° l’olimpionico Jaroslav Kuhlavy, a 2’28” e più staccato l’altro ceko Ondrej Cink, 16° a 4’07”. Nella gara femminile prima la slovena Blaza Klemencic in 1h22’01”, alle sue spalle la polacca Anna Szafraniek a 22” e la ceka Tereza Hurikova a 59”.

In Gran Bretagna apertura a Codham Park di Braintree delle British Series. Successo olandese per merito di Michiel Van Der Heijden in 1h46’21” davanti ai belgi Jonas De Backer a 33” e Robby De Bock a 1’24”, quarto il britannico Paul Oldham a 1’41”. Fra le donne prima la belga Githa Michiels in 1h29’13”, con 3’07” su Lee Craigie e 3’43” su Jessica Roberts.

Continua la stagione in Israele con la Maalot Taschicha International andata al campione locale Shlomi Haimy in 1h33’26”, a 1’29” Anton Gogolev (Rus) e a 2’32” il connazionale Omer Shubi. Fra le ragazze prima la russa Elena Gogoleva in 1h24’016”, con 33” su Paz Bash e 2’16” su Rotem Gafinovitz.

Partita a Leiria la Portugal Cup, con successo per lo spagnolo José Maria Sanchez Ruiz in 2h01’14” con 18” sul lusitano David Joao Serralheiro Rosa e 1’15” sull’iberico Pedro Romero Ocampo. In campo femminile vittoria della polacca Paula Gorycka in 1h29’29”, davanti alla connazionale Monika Zur a 51” e alla spagnola Lucia Vazquez Crespo a 1’07”.

Al via anche per la downhill le British Downhill Series ad Antur Stiniog in Galles. Primo posto per Danny Hart in 2’30”113, a 1”554 Josh Bryceland e a 1”743 Matthew Simmonds. Rachel Atherton non si è lasciata sfuggire la vittoria fra le donne in 2’45”616, con 2”980 su Manon Carpenter e 14”250 su Tahnee Seagrave.

OltreAtlantico in Messico partenza per il nuovo circuito Copa de los Vulcanes con la Perote Bike dominata dagli italiani, con successo per Marzio Deho (Cicli Olympia) che sui 50 km ha avuto ragione di Massimo De Bertolis, staccato a 4 km dalla conclusione a causa di una foratura in discesa. Tempo del vincitore 2h06’.

 

L'arrivo vittorioso di Deho (foto organizzatori) L’arrivo vittorioso di Deho (foto organizzatori)