Home Mtb News Slavik e Beerten, pronostici confermati nel 4X
Pubblicità

Slavik e Beerten, pronostici confermati nel 4X

0

Slavik e Beerten, pronostici confermati nel 4X

In attesa delle finali della Uci Mountain Bike World Cup Val di Sole-Trentino 2012 – in programma nel primo pomeriggio di oggi – sotto i riflettori dello spettacolare tracciato delle “gobbe del cammello” di Commezzadura si sono svolte ieri sera le finali dell’unica tappa italiana del 4X Pro Tour, la più importante rassegna internazionale riservata agli specialisti del Four Cross.

I migliori interpreti della disciplina si sono sfidati in batterie da quattro ad eliminazione diretta (sedicesimi di finale, quarti, semifinali e finali) su un percorso di 450 metri, caratterizzato da 7 curve paraboliche e un dislivello di 70 metri, interamente visibile dalla zona d’arrivo. Uno show a portata di pubblico, che, non a caso, ha risposto alla grande, con ben 6.000 curiosi ed appassionati che hanno affollato il parterre ed hanno regalato la meritata cornice all’evento.

La gara maschile, che è entrata nel vivo già nel tardo pomeriggio con i sedicesimi di finale, ha regalato emozioni fino all’ultimo, con un podio che ha raccolto la creme del movimento e che ha rispecchiato fedelmente il pronostico della vigilia. A trionfare, infatti, è stato il vincitore delle qualificazioni di venerdì, l’atleta della Repubblica Ceca in forza alla Racing Specialized Tomas Slavik, protagonista di un appassionante braccio di ferro con il connazionale Michal Prokop, secondo. Tripudio ceco, quindi, con il britannico Scott Beaumont a completare il podio, lui che venerdì si era classificato terzo anche nelle prove di qualifica, proprio dietro a Slavik e Prokop.

Medesimo discorso per il quarto ed ultimo classificato della finalissima, lo svedese Felix Beckeman, mentre la finale B ha premiato il francese Derbier Quentin. Per quanto riguarda gli italiani, invece, il migliore è stato Francesco Petrucci della Cingolani Racing (38°), seguito da Davide Dolfin (43°), Stefano Balestracci (51°), Gabriele Giletta (55°) e Marco Ricci (59°).

Appassionante duello, infine, anche nella gara femminile, che ha vissuto sul testa a testa tra la britannica Katy Curd (dominatrice delle qualificazioni di venerdì) e l’olandese Anneke Beerten. Dopo essersi imposte entrambe nelle rispettive batterie dei quarti di finale e di semifinale, nella finalissima per l’oro la Beerten ha trovato le migliori traiettorie, riuscendo a tenersi alle spalle la Curd, costretta ad accontentarsi della piazza d’onore. Terzo posto per la francese Céline Gros e quarto per la svizzera Lucia Oetjen, mentre la finale di consolazione, per il quinto posto, ha visto trionfare la tedesca Steffi Marth, quinta anche venerdì nelle prove di qualifica.

Comunicato stampa

Pubblicità