Home Snowboard News Snowboardcross: l’Italia è tornata

Snowboardcross: l’Italia è tornata

0

Quattro italiani nei primi 8 posti in classifica generale fanno ben sperare in un’annata ricca di soddisfazioni. Non che in passato fossero mancate, ma quest’anno l’obiettivo è vincere, vincere tanto. Omar Visintin esordisce alla grande piazzandosi secondo, scavalcato solamente dallo statunitense Hagen Kearney. Con giallo. E’ infatti l’altoatesino che spiega cosa è successo dopo la decisione della giuria di ripetere la finale.

Nella big final ero arrivato al traguardo con margine perchè gli altri avversari si erano eliminati a vicenda. Poi mi hanno avvisato che bisognava rifare tutto quando ormai la concentrazione e l’adrenalina della gara era passata, per cui avevo solo da perderci. Alla fine sono riuscito a trasformare in energia positiva l’arrabbiatura, facendo nuovamente una buona run e recuperando un paio di posizioni dopo un avvio incerto. E’ andata bene, adesso posso dire di essere contento perchè sono state tutte run combattute, ho fatto vedere che l’allenamento estivo è stato proficuo e sapevo di essere in forma. La nostra squadra si è confermata la più forte, siamo stati competitivi anche nelle qualificazioni“.

E come dice Cesare Pisoni: “La squadra più forte del mondo è tornata!”

Siamo certi che Michela Moioli (Campionessa del Mondo in carica), oggi sesta, saprà presto riprendersi il posto che le spetta, ai vertici della classifica mondiale. E’ lei stessa che rassicura dal suo profilo social: 

“Oggi ho rotto il ghiaccio! Non mi aspettavo chissà che risultato su questa pista, che non mi si addice per le caratteristiche che ha. La Prima tappa della stagione per me è sempre la più impegnativa: faccio fatica a rimettermi in gara, a concentrarmi e a dare il massimo. Oggi invece mi sono stupita di me stessa, avevo l’atteggiamento giusto, ho dato il massimo e ho cercato in tutti i modi di arrivare alla finale ma alcuni errori non me l’hanno permesso. Purtroppo non sempre si può essere sul podio ed oggi mi sono dovuta accontentare di un amaro sesto posto. Sono felice però di come mi sono sentita e di come ho affrontato la pista. Meglio commettere degli errori tentando di provarci piuttosto che avere il rimpianto di non aver fatto nulla!”

Per la ranking femminile cliccate qui. Qui sotto invece la classifica generale maschile.