Pubblicità

SPOT OF THE WEEK:VENETO, SOTTOMARINA

0

Eccoci finalmente giunti al nuovo appuntamento con i best spot Italiani, la prima spiaggia che visiteremo è la meta dei cercatori di bora: SOTTOMARINA.

Sottomarina si trova nella parte est del Veneto, equidistante da Padova e Venezia (dove potrete lasciare le vostre fidanzate) la spiaggia è lunga 5 chilometri ed è kiteabile ovunque.

spot

Storia:

Lo spot è stato scoperto agli inizi degli anni ’80 da un gruppo di local che hanno cominciato a utilizzarlo con il windsurf, in spiaggia si possono trovare alcuni di loro che dopo trent’anni sono ancora attivi abbandonando il windsurf per seguire il kite, tra loro abbiamo incontrato Sergio Marcolini alias “Redmaster”, kiter esperto nonchè organizzatore dell’evento “king of diga”, una reunion freestyle che ha contato 100.000 spettatori e del quale se ne parla ancora oggi; proprio Sergio ci ha svelato i segreti di questo spot.

sergio

Sergio Redmaster, il nostro esperto dello spot.

ph:Paolo Fidelfatti

Acqua:

Ammettiamo che il colore dell’acqua non è un granchè, il fondale sabbioso e le molteplici alghe che crescono nella laguna vicina rendono il mare color verde fanghiglia, comunque la località è stata premiata con la bandiera blu anche per la purezza dell’acqua.

Alcuni mesi all’anno le alghe affiorano in superficie e si depositano in spiaggia o restano sul pelo dell’acqua rendendo difficile l’uscita con tavole da race.

zanetti

la diga offre un bellissimo sfondo per le foto.

rider:Matteo Zanetti  , ph:Franco Camuffo

Spiaggia:

La spiaggia è enorme, si può armare e decollare in qualsiasi punto senza dar fastidio a nessuno, di sicuro lo spazio non manca anche nelle giornate più affollate, la sabbia è pulita e composta da granelli medio-fini, con vento oltre i 20 nodi si alza e da fastidio agli occhi, sconsigliamo di portare spettatori in quanto a fine giornata dovreste sbatterli come tappeti per togliergli tutta la sabbia!

Venti:

Siamo arrivati al punto che più ci interessa, il vento, qui a Sottomarina si esce praticamente sempre, in estate si crea tutti i giorni un piccolo termico intorno agli 8-10 nodi utilizzabili con attrezzature da light wind, sconsigliamo però di affrontare questo spot nella stagione balneabile, la spiaggia si riempie di turisti, e la capitaneria di porto è sempre presente per far rispettare il limite dei 300 metri dalla costa, sono molto severi e le multe possono arrivare a 1000 euro; quindi uscire nella stagione balneabile è consigliato solo a riders esperti e con attrezzatura tecnica.

Diverso invece durante le pertrbazioni, la sabbia che vola fa scappare tutti i turisti e la capitaneria chiude un occhio per lasciar divertire noi kiters, dopo una perturbazione arriva quasi sicuramente il vento di Bora che soffia oltre i 25 nodi,più forte la mattina presto, in quei casi l’uscita diventa memorabile, la spiaggia si svuota dai bagnanti e si riempie di kiters e windurfers, nelle mareggiate più forti si possono vedere anche surfisti da onda.

Nei periodi non balneabili invece la Bora è spesso presente, si esce nei due spot sopravento, diga nord presso i bagni Tropical, da Gigetto o presso il bagno Splash, in questi bagni è possibile parcheggiare con pochi euro e avere servizi come l’acqua per lavare le vele o la doccia calda. La bora arriva side-on e crea al centro della spiaggia diverse onde tra il metro e i tre metri da sfruttare con il surf o come rampe per big air stratosferici, sotto la diga invece l’acqua quasi piatta permette ai freestylers di divertirsi.

Nei weekend ventosi lo spot diventa molto affollato, in acqua si trovano molti windsurf, sup, surf e moto d’acqua, bisogna prestare molta attenzione alle precedenze e saltare solo se si è sicuri che dall’altra parte dell’onda non ci sia nessuno, sono frequenti i casi in cui la cresta dell’onda nasconde windsurfer o moto d’acqua e la possibilità di non vederli è alta.

Meno presente è lo scirocco, con questo vento lo spot principale è la diga sud, che crea una barriera bloccando le onde e regalando un grosso spazio di acqua piatta e vento side-on.

emme

Se una folla di windsurfer vi insegue, meglio uscire veloci!  

rider:Enrico Manfrin , ph: Damiano Xodo

Temperatura:

Se in estate si può uscire anche senza la muta, in inverno è d’obbligo un muta bella spessa o preferibilmente una stagna, la temperatura del vento e dell’acqua mettono a dura prova anche i riders più esperti.

Corrente :

La corrente in genere non è presente, salvo con le forti mareggiate da sud autunnali che generano onde fino a quattro metri e condizioni solo per esperti, in questi casi è consigliato uscire alla diga sud, molto più easy.

Wave:

Nel corso del viaggio abbiamo incontrato un altro local storico: Nicola alias “mad”, presente dagli albori del kitesurf  e prima ancora nel windsurf, ora si diverte nel wave riding strapless, ci spiega che le onde migliori dello spot sono quelle sinistre e si trovano davanti ai bagni Splash o poco più giù, con lo scirocco si esce in diga sud e con la mareggiata possiamo trovare ottime onde a barre regolari (destre) sotto la diga, la direzione migliore del vento è side/side off mure a destra. 

Onde grosse attraggono anche surfisti da onda, di solito non creano problemi ma sempre meglio darci un occhio di riguadro, e ricordate che la precedenza da data ai surfisti, loro per prendere l’onda remano….

maddalena

Guardare Nicola “Mad” surfare mette voglia di buttarsi tra le onde.  

 ph:Michela Tognon

tips:

Lo spot in genere è privo di pericoli, tranne un grosso palo di ferro arrugginito che si trova a qualche decina di metri dalla diga nord, il palo era stato messo come segnalazione di una buca profonda ma le mareggiate hanno tolto il cartello e creato una punta tagliente proprio sulla cima, raccomando di starci il più alla larga possibile.

Le dighe proteggono dalle onde e regalano un mare più tranquillo, attenzione però a non navigare troppo vicini a esse, possono rivelarsi insidiose in caso di problemi.

Sul lungomare è presente il negozio specializzato in attrezzatura sportiva “Radica Spot” dove potete far riparare la vela e la scuola kite “Spinout” gestita da Pinuccio, è sua l’unica area kite dove armare nel periodo balneabile.

Sottomarina è un grande centro balneare quindi non ci sono problemi per alloggiare in qualche hotel sul lungomare, se invece volete dormire in furgone il parcheggio di fronte alla diga nord è un buon posto anche se a pagamento, in questi casi consiglio di parcheggiare dentro i bagni attrezzati per noi kiters.

I locals sono molto cordiali e disponibili, è consigliato chiedere sempre qualche consiglio se è la prima volta che frequentate lo spot.

Previsioni:

Le previsioni del tempo vengono fatte da un appassionato local, Trent kite, che ogni giorno su facebook aggiorna il meteo, per chi volesse il suo profilo e le sua pagina “meteo trent” sono aperte a tutti.

 

trent

Trent quando non fa le previsioni è in acqua per tentare il decollo.

Contatti:

Sergio,king of diga: https://www.facebook.com/pages/KING-OF-DIGA/30598947091?fref=ts oppure 041-403055

Radical spot: https://www.facebook.com/pages/Radical-Spot/364362957030992?fref=ts

Previsioni del tempo con Trent : https://www.facebook.com/trent.kite.3?fref=ts