Home Windsurf Prodotti Starboard iSonic 2016, i test dei prototipi in Costa Brava
Pubblicità

Starboard iSonic 2016, i test dei prototipi in Costa Brava

0

Il lavoro delle aziende sui nuovi prodotti con i team rider e shaper non si ferma mai ovviamente, tutte le tavole 2015 sono già uscite. Già la scorsa settimana vi avevamo proposto qualche scatto dei primi prototipi Fanatic 2016 che abbiamo visto al PierWindsurf sul Lago di Garda. Invece durante il meeting Starboard in Costa Brava di questi giorni siamo riusciti a fotografare e quindi potervi proporre i primi prototipi dei prossimi iSonic 2016. Per ovvie ragioni non vi possiamo dire tanto di più se non mostrarvi alcune foto. Quello che invece ci è piaciuto e che abbiamo visto con i nostri occhi potendo descrivervelo è il metodo di lavoro di Remi Villa, a capo del progetto iSonic, insieme ad Alberto Menegatti. In questo caso è la misura 130 litri ad essere messa “sotto pressione”, con 3 differenti prototipi con piccole variazioni ma significative. In generale il team Starboard sta lavorando sull’ottenere una tavola leggermente più larga nel centro con una poppa più stretta e con qualche litro in più del dichiarato.
Molto interessante i piccoli inserti in carena, come fossero dei tasselli per le strap, in modo da aumentare e togliere peso in certi punti della tavola per cercare di ottenere il massimo del bilanciamento.
È sempre interessante vedere come i professionisti lavorano e portano avanti lo sviluppo delle tavole per darci poi la possibilità di avere sotto i piedi dei prodotti sempre più performanti.

IMG_0905Alberto Menegatti entra in acqua per provare il proto 2016 iSonic 130

IMG_0908Remi Villa e Alberto si confrontano

IMG_06243 prototipi 2016 a confronto con la tavola di serie 2015

IMG_0628Versione 2

IMG_0626Versione 1

IMG_0629Versione 3

TESTO E FOTO 4Windsurf

Articolo precedenteGarrett McNamara & Ale Marcianò: Nazarè two-in session
Articolo successivoDavid Ball’s It Alien Videopart
Ciao a tutti, sono Fabio Calò (ITA-720), ho iniziato a fare windsurf all’età di 13 anni e da quel momento è diventata la mia più grande passione, la mia vita. Finiti gli studi universitari ho iniziato a lavorare in un negozio di windsurf a Torino, poi agente di commercio e nel 2006 è iniziata la mia grande avventura con la redazione di 4Windsurf e poi anche di 4Sup. Sono stato campione italiano Wave di windsurf nel 2013 e 2015, altri ottimi risultati agonistici gli ho ottenuti anche nel freestyle sia in Italia che in Europa. Dal 2017 sono il direttore di una delle scuole più importanti del Lago di Garda, il PierWindsurf. Trasmetto la mia passione con progetti dedicati ai giovani come il Progetto Serenity di Malcesine, e organizzo Wave Clinics nel periodo invernale. Vivo a Torbole sul Garda e respiro l’aria del windsurf 365 giorni all’anno.
Pubblicità