Pubblicità

Telemark in Polsa: il raduno per gli appassionati del tallone libero

0

Il raduno di Telemark che si è svolto il 13 febbraio in Polsa, piccola ma caratteristica stazione sciistica del basso Trentino, è stata una manifestazione dove chiunque poteva provare le nuove tecnologie di attacchi o i diversi tipi di sci che potevano sfamare qualsiasi esigenza. C’è stato il supporto di Jean Claude Ellena e la sua “the m” una nuova concezione dello sci stallonato ma allo stesso tempo da alpinismo e c’era anche uno stand dedicato al Progetto Icaro per promuovere l’educazione alla sicurezza nella neve per i giovani appassionati di freeride.

Raduno_Telemark_Polsa_byNANO_012

Sembra che la pratica del telemark a Polsa, si sia proprio radicata negli anni e non solo, continua a coinvolgere tantissime persone ma allo stesso tempo le stravolge visto le sensazioni e le possibilità che ti da il telemark. Si, perché da oltre 20 anni, a Polsa, viene praticata assiduamente la disciplina del telemark; all’inizio un gruppetto di pochi ma che con il tempo sono riusciti a coinvolgere e hanno accolto vari e strampalati tipi di sciatori. E’ sempre stato così, chi prova il telemark lo fa perché probabilmente è spinto da amici o perché è stufo delle solite curve o perché usando i bastoni non spinge più la tavola con un piede solo.

Raduno_Telemark_Polsa_byNANO_010

L’aspetto interessante ed il cuore del discorso é che accomuna sulla neve appassionati e sorridenti sciatori di tutte le età. Con i raduni Teletrip in Polsa di anno in anno è cresciuta la voglia di partecipare per tanti a questa intrigante ed antica sciata, che altro non è che una ricerca di equilibrio sfruttando un affondo, dove il baricentro trovandosi vicino al terreno rende il tutto stabile o quasi.

Raduno_Telemark_Polsa_byNANO_021

Grazie a personaggi di calibro (grazie al Gurù dello sci a tallone libero: Paolo Zoller)  in questi anni si sono provati e testare innumerevoli soluzioni e combinazioni tra scarponi: rigidi, morbidi, medi, gambetti alti con tre o quattro ganci, soffietti modificati, linguette tagliate e poi riadattate; attacchi progressivi, vie di mezzo, attacchini per salire con le pelli; sci alti, bassi, leggeri, rocker, camber, fini, vecchi da gigante, speciale o da 130mm al centro.

Tutto questo adattando in maniera maniacale le diverse innovazioni che il telemark continua a proporre. E noi, quelli della Polsa, come dei “tranquilli  brillanti  fischiettanti sciatori domenicali” ci ritroviamo ad essere un bel gruppo numeroso non solo nei raduni che con un semplice sguardo sappiamo trasmettere le emozioni che ogni curva fatta ci sa dare.

Per vedere la gallery completa clicca qui.

Racconto di: Alberto Giacomolli e Davide Vitella

Foto: Fernando Biondani (www.nanophoto.it)