Home Mtb News Torna la GF del Montello, si chiamerà “Terre Rosse”

Torna la GF del Montello, si chiamerà “Terre Rosse”

0

Torna la GF del Montello, si chiamerà “Terre Rosse”

I migliori biker del mondo solcheranno nuovamente prese e sentieri argillosi del Montello. Si chiamerà “La Terre Rosse” e andrà in scena nel luglio 2013: cambieranno nome e formula, ma si tratterà soprattutto del ritorno in grande stile della Granfondo del Montello, la Gunn Rita Marathon, kermesse di mountain bike, elevata dal suo ideatore Massimo Panighel al rango di campionato italiano (2009), europeo (2010) e mondiale (2011). Dopo un anno sabbatico, a venticinque mesi dall’happening iridato che incoronò lo svizzero Christoph Sauser, aficionados del rampichino ed orfani della popolare Granfondo, potranno battagliare ancora sui saliscendi della collina cara ai montebellunesi e a tutti i trevigiani. Il tam-tam su web e social network è iniziato da qualche giorno: c’è curiosità riguardo all’inedito format che Pedali di Marca ha pensato per il rilancio della sua “creatura”. Sarà una sorta di anno zero, fin dal nome scelto: “La Terre Rosse” è un omaggio ai terreni argillosi, al colore caratteristico del suolo del Montello. Ed è immediato il parallelo con la “Strade Bianche”, ormai una classica delle ruote sottili, l’epica gara di ciclismo che si disputa ogni anno sugli sterrati senesi. Ma nuovissima e spettacolare sarà pure la formula, che recepisce peraltro le recenti direttive dell’Uci, la Federciclo mondiale: un percorso unico per le tre tipologie classic, marathon ed extreme. Cioè non più tre tracciati distinti, ma un solo anello: a cambiare sarà il numero della tornate. Una soluzione efficace anche per richiamare e concentrare il pubblico: vengono in mente le dichiarazioni dell’elvetico Sauser, che dopo il trionfo al mondiale 2011, paragonò il Montello ad uno stadio. E non c’è allora ipotesi migliore di quella ideata da Panighel & soci: un solo circuito per tutti. L’allegra banda ha però in serbo un’altra gustosa chicca: si darà vita, per la prima volta, a un Team relay, l’emozionante prova a squadre suddivisa in frazioni, un’entusiasmante staffetta da vivere tutta d’un fiato. Infine, si sta lavorando a un altro interessante progetto: una grande settimana di ciclismo internazionale nella Marca nel luglio 2013, un fantastico volano turistico. Ovvero “La Pina cycling marathon” la prima domenica, “La Terre Rosse” il weekend successivo: ciclismo su strada e mountain bike, la famiglia Pinarello e Pedali di Marca unite per un’indimenticabile festa del pedale. Con il Montello a fare da trait d’union.

Mattia Toffoletto – La Tribuna di Treviso