UCI e Shimano rafforzano le iniziative solidali

    0

    Shimano Inc., che certamente non necessita di presentazioni, ha donato 50 gruppi Ultegra Di2 al Programma di Solidarietà UCI volto a formare i meccanici dei Team Ciclistici provenienti dai paesi emergenti. Sempre attiva e prolifica questa collavorazione tra l’UCI e il marchio nipponico.

    Dopo la sua elezione, il Presidente dell’UCI David Lappartient, ha creato la Commissione di Solidarietà UCI per i paesi emergenti,  con l’obiettivo di promuovere lo sviluppo del ciclismo nelle aree di tutto il mondo. I punti cardine di questa commissione includono la formulazione di raccomandazioni al comitato di gestione dell’UCI e sono stati votati favorevoli da tutti i membri e costituiscono parti essenziali dell’agenda UCI 2022.

    Un esempio: in media, l’UCI World Cycling Centre di Aigle accoglie ogni anno, oltre 120-130 membri di altrettanti paesi, a cui impartisce ogni genere di formazione, compresa quella specifica per i meccanici del ciclismo. È fondamentale che siano istruiti sulla componentistica e soprattutto su come smontare e montare i componenti stessi sulla bicicletta. In un modo più concreto, questi set saranno in parte utilizzati per costruire biciclette per i tirocinanti in competizione con i programmi mondiali Under 23 degli uomini e delle donne.

    “È solo grazie al sostegno di leader del settore come Shimano Inc. che saremo in grado di fare una grande differenza in tutto il mondo. Oltre a supervisionare la competizione ciclistica, l’UCI ha anche la responsabilità di promuovere e sviluppare lo sport a livello globale. Questa donazione servirà come parte del programma educativo che l’UCI World Cycling Centre offre alle nostre federazioni nazionali per formare i meccanici del ciclismo. Come parte del nostro programma globale di donazione di biciclette, una volta che le biciclette saranno state assemblate, verranno spedite e donate alle Federazioni nazionali dei paesi emergenti. Apprezziamo molto la donazione di Shimano e siamo molto entusiasti del supporto dell’azienda. Non vediamo l’ora di impegnarci ulteriormente con altri leader del settore per aiutarci ad adempiere alle nostre responsabilità istituzionali “, ha affermato David Lappartient.

    Hennie Stamsnijder, Shimano Europe Sports Marketing team leader: “Non solo siamo appassionati di bici da corsa ma molti di noi hanno anche beneficiato del coaching a livello nazionale. Questa è la nostra opportunità di restituire qualcosa alla scena delle corse, supportare i molti eroi che operano dietro le quinte e indirettamente sostenere i giovani talenti emergenti del ciclismo in tutto il mondo. Siamo orgogliosi di sostenere l’UCI in questo modo “

    Per saperne di più e sostenere l’azione di solidarietà UCI: internationalrelations@uci.ch

    Articolo precedenteMagnetic Days, home training di nuova concezione
    Articolo successivoCambio di Management in casa Vibram
    Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui