Home Ciclismo News Un mese fa la Granfondo fi’zi:k scorrazzava circa 2.000 granfondisti nel Vicentino

Un mese fa la Granfondo fi’zi:k scorrazzava circa 2.000 granfondisti nel Vicentino

0

Un mese fa la Granfondo fi’zi:k scorrazzava circa 2.000 granfondisti nel Vicentino

È passato un mese esatto da quando la Granfondo fi’zi:k ha visto radunarsi a Zanè, nel Vicentino, circa 2.000 appassionati delle ruote magre per la sua 2.a edizione. Una giornata da incorniciare, premiata dal bel tempo e dai commenti entusiasti degli atleti, compresi quelli dei vincitori Matteo Cappè e Marina Ilmer (primi nella gara di 149 km) e Marco Fochesato e Serena Gazzini (89 km). A rendere possibile la perfetta riuscita della gara è stata anche la collaborazione con il Comune di Zanè, che ha permesso l’allestimento del quartier generale in loco, oltre ovviamente al lavoro del corposo staff di collaboratori e volontari. Dopo aver messo in archivio le imprese sportive, per i vertici delle GF fi’zi:k è l’ora dei bilanci e, soprattutto, tempo di tener fede alle promesse fatte. Gli organizzatori della gara vicentina avevano infatti previsto di donare 1 Euro per ciascun iscritto all’associazione bellunese “Insieme si può” (http://www.365giorni.org), con lo scopo di sostenere i progetti benefici in Uganda, un bel regalo che è stato consegnato qualche giorno fa. A fare da cornice alla consegna ufficiale del premio ci ha pensato un evento d’eccezione come il Giro d’Italia, che in più tappe ha interessato i territori del Veneto. In particolare la data del 24 maggio, giornata della cronoscalata Belluno-Nevegal, ha presentato la circostanza più adatta per la consegna ufficiale della donazione, in una giornata adatta ad unire sport e beneficenza. Il direttivo di fi’zi:k ha fatto dunque visita alla sede dell’associazione che si trova a Belluno, consegnando la somma e incontrando i volontari che si impegnano quotidianamente sul campo. Dopo le cinquanta selle autografate da Vincenzo Nibali e Ivan Basso (le ultime sono ancora disponibili sul sito www.fizik.it) messe in vendita per la costruzione di una scuola elementare a Kampala (Uganda), si è rafforzata, dunque, la collaborazione tra l’azienda vicentina e “Insieme si può”, una bella sinergia che testimonia come lo sport possa spesso e volentieri fare del bene in senso lato. “Il popolo del ciclismo è da sempre generoso – ha commentato Alessandro Durigo, il nuovo presidente dell’associazione bellunese – è importante però che si muovano anche le aziende in prima persona,  meglio ancora se, come nel caso di fi’zi:k, cercano di dare continuità alle donazioni. Come dice il nostro slogan (365 giorni, ndr), il nostro impegno dura 365 giorni l’anno.” Ora per la Granfondo fi’zi:k non resta che guardare al futuro, e il team organizzatore ha già iniziato a volgere le energie verso l’edizione 2012.