Pubblicità
Home Running News Vernissage per la Royal Half Marathon di domenica
Pubblicità

Vernissage per la Royal Half Marathon di domenica

0

Vernissage per la Royal Half Marathon di domenica

Presso la Sala Juvarra del Comune di Torino, è stata presentata la quarta edizione della Royal Half Marathon, corsa podistica organizzata dall’Asd Il Giro d’Italia Run in programma domenica 8 dicembre 2013.

Nella Torino che non sta mai ferma, si rinnova l’appuntamento di fine anno con la “Royal Half Marathon”, la corsa dal percorso più suggestivo tra quelli offerti dal panorama podistico torinese, nonché l’ultimo grande evento podistico cittadino del 2013, in programma domenica 8 dicembre.

Organizzata dall’Asd Il Giro d’Italia Run, la quarta edizione della “Royal Half Marathon” viaggia verso il record di presenze, dopo i quasi 2.000 iscritti del 2012, con un notevole numero di podisti provenienti da fuori provincia e da fuori regione. Tra le novità un inedito punto di partenza e di arrivo, piazza Vittorio Veneto, uno dei salotti più belli di Torino.

La scelta. Il desiderio degli organizzatori di offrire una location suggestiva e centrale si sposa con la possibilità di rendere il tracciato, molto più piano e dunque veloce rispetto a quello delle passate edizioni, lasciando comunque invariata la possibilità di riscoprire molti dei luoghi artistici, naturali e storici più suggestivi di Torino: la Chiesa della Gran Madre, la Mole Antonelliana, le rive del Po, il parco del Meisino, la Basilica di Superga, il Ponte Vecchio a San Mauro, passaggi che fanno della Royal Half Marathon una vera cartolina, mobile e nobile, della città.

Tre distanze, un unico traguardo: la solidarietà. Nelle scorse tre edizioni la Royal Half Marathon ha “corso” al fianco della esplorazione scientifica, devolvendo parte del ricavato a Telethon, fondazione che da oltre vent’anni sostiene in Italia la ricerca sulla distrofia muscolare e altre malattie genetiche. Quest’anno l’evento sostiene invece la Marco Berry Onlus Magic for Children, impegnata a sostenere la costruzione

dell’ospedale pediatrico Mohamed Aden Sheikh Children Teaching Hospital di Hargeisa, nella regione del Somaliland(www.marcoberryonlus.org). Una parte del ricavato verrà investito per comprare mattoni (ne restano ancora 4.128 dei 53.334 che servono a costruire il nosocomio), al costo di 10 euro cadauno.

“Il nostro progetto nasce due anni fa a Torino – spiega il conduttore televisivoMarco Berry -. Nel gruppo c’è il professor Piero Abbruzzese, che è stato primario di cardiochirurgia infantile al Regina Margherita, oltre a Daniele Regge primario di radiologia a Candiolo. Un aspetto fondamentale è la trasparenza, per chi come me ci mette la faccia, ma anche cuore, anima e cervello.

Mohamed Aden Sheikh era un medico somalo, consigliere comunale della giunta Castellani. Aveva un sogno, quello di premiare la zona della Somalia che rifiuta la guerra, il Somaliland, costruendo un ospedale pediatrico. La Somalia ha il più alto tasso del mondo di mortalità infantile. Prima di aver compiuto cinque anni di età, muoiono ben 250 bambini ogni 1.000 per dissenteria, infiammazioni respiratori, poliomielite e meningite.

Il 29 gennaio 2012 abbiamo messo il primo mattone dell’ospedale progettato dall’architetto Giorgio Rosenthal. Un anno dopo, il 26 gennaio 2013, abbiamo inaugurato i primi 800 mq della struttura, aprendo per la prima volta le porte ai pazienti. Lo scorso giugno abbiamo quindi completato i 1.600 mq complessivi dell’edificio, ora aperto 24 ore su 24. Da gennaio a oggi sono stati già visitati gratuitamente più di 10.000 bambini”.

Oltre alla Royal Half Marathon (21,097 km, competitiva e no, iscrizioni a 25 euro), che anche quest’anno ospiterà il Campionato Italiano dei Medici Veterinari, con il patrocinio dell’AMVI, si disputano la Gara Breve (6 km, non competitiva, iscrizioni a 10 euro) e la Monge Pet Race (6 km, non competitiva iscrizioni a 5 euro), la corsa in compagnia dei nostri piccoli amici a quattro zampe, riservata ai bipedi umani con

quadrupedi al guinzaglio. I dettagli:

1) Mezza Maratona (21,097 Km) – Percorso: Partenza Piazza Vittorio Veneto (esedra angolo lungo Po Cadorna), Lungo Po Diaz fino, discesa ai Murazzi, attraversamento Ponte Vittorio Emanuele I, Lungo Po Machiavelli, ponte di Corso Regina Margherita, Lungo Po Antonelli sul viale alberato pedonale, passerella che porta al monumento a Coppi, svolta a sinistra in Corso Casale, ponte di Sassi sulla pista ciclabile/pedonale, viale lungo il fiume parallelo a Viale Agudio, Strada del Meisino, San Mauro, Viale Leo Lanfranco, Via Cesare Battisti, Via IV Novembre, Ponte Vecchio, pista ciclabile fino al quartiere Bertolla (Piazza Monte Tabor), passaggio pedonale della curva delle Cento Lire, Strada del Meisino, ponte di Sassi, viale lungo il fiume parallelo a Corso Casale, Monumento a Coppi, Corso Casale, Viale Michelotti, Piazza Gran Madre, Ponte Vittorio Emanuele I, Piazza Vittorio Veneto.

2) Gara Breve (6 Km) – Corsa aperta a tutti, non competitiva. Percorso: Piazza Vittorio Veneto, Lungo Po Diaz, Ponte di Corso Regina Margherita, Lungo Po Antonelli, Passerella del monumento a Fausto Coppi, svolta a destra in viale Michelotti, piazza Gran Madre, Ponte Vittorio Emanuele I, piazza Vittorio Veneto.

3) Monge Pet Race (6 Km) – Per chi ama correre in compagnia del proprio animale domestico. Stesso percorso della Gara Breve. Unica manifestazione del genere a Torino, con l’approvazione dell’Ordine dei Medici Veterinari di Torino e provincia.

Sul fronte delle presenze si segnala anche quest’anno una nutrita partecipazione extraregionale, con molti atleti forti di primati personali sulla “mezza” inferiori a 1h12’ tra gli uomini e a 1h20’ tra le donne. In una gara dove è protagonista la solidarietà, l’organizzazione bandisce la pratica degli ingaggi per portare al nastro di partenza top runners di grido. Ciononostante, la bellezza del percorso e il prestigio della manifestazione attirano comunque atleti importanti che, come sempre, decidono soltanto all’ultimo la propria partecipazione. Fu proprio il caso dei vincitori della scorsa edizione della Royal Half Marathon, Benazzouz Slimani (Cus Parma) e Ana Capustin (Cus Torino). Il marocchino naturalizzato italiano Slimani fece segnare un crono di 1h08’47”, anticipando sul traguardo Abdelhadi Laaouina (Atletica Susa) ed Ezio Tallone (Dragonero), mentre la romena naturalizzata italiana Capustin chiuse la sua fatica dopo 1h20’22”, seguita da Grazia Cammalleri (Podistica Tranese) e Stefania Cherasco (Dragonero).

Ufficio Stampa Il Giro d’Italia RUN