Home Mtb News Vittorie italiane nelle prime classiche di pre-autunno

Vittorie italiane nelle prime classiche di pre-autunno

0

Vittorie italiane nelle prime classiche di pre-autunno

La stagione delle Granfondo riparte con una domenica d’inizio settembre straricca d’impegni: il principale è quello della Marathon Bike della Brianza, prova del circuito Nobili Mtb e della Coppa Lombardia Overland che ha visto il dominio della coppia della TX Active Bianchi con Tony Longo e il colombiano Leonardo Paez che si sono giocati la vittoria in volata, con successo del trentino. All’atto conclusivo si sono presentati in tre, con Johnny Cattaneo che era pronto a rovinare la festa del duo targato Bianchi, ma una caduta all’ultima curva gli ha impedito di giocarsi le sue carte. Cattaneo ha chiuso terzo ma a fine gara il responso dei medici è stato impietoso: stagione finita per un’effrazione al coccige. La gara femminile come da pronostico è stata vinta da Elena Gaddoni (FRM Factory) che ha dato dieci minuti alla ticinese Sofia Pezzatti (Tre Valli Biasca), terza la tricolore master Mara Fumagalli (Spreafico).

Doppietta del Carraro Team nella GranParadisoBike, recuperata a Cogne dalla primavera quando era stata annullata per maltempo. La classica per antonomasia del calendario valdostano ha visto Martino Fruet vincere sui 45 km del percorso in 1h43’08” arrivando insieme al compagno di colori Giuseppe Lamastra, terza piazza per Michael Pesse (Cicli Lucchini.com) a 1’19”. Serena Calvetti (Torpado Surfing Shop) si è aggiudicata la classifica femminile in 2h05’02” con Roberta Gasparini (Team Performance Pedali di Marca) a 1’55” e Cindy Casadei (Tmf Mtb) a 5’54”.

Alla Straccabike il neocampione del mondo Master Mirco Balducci voleva bagnare con un successo la sua fresca maglia iridata, ma a guastargli la festa è stato Francesco Casagrande, l’ex pro che si è aggiudicato per distacco la classica di Pratovecchio, valida per l’Mtb Tour Toscana e il Tour 3 Regioni Scott. Il portacolori della Cicli Taddei ha imposto il suo ritmo già nella prima parte di gara mentre Balducci è risalito nella seconda parte per andare a prendere Rocchetti e Corsetti e chiudere secondo a quasi 5 minuti da Casagrande, battendo in volata Rocchetti. Tra le donne successo della mamma della Ciclissimo Bike Pamela Rinaldi che sulla salita più lunga era riuscita a riprendere ed a staccare Barbara Genga, la quale perdeva pure la seconda posizione che è andata a Monia Conti.

A Castellarano, nel Memorial Catalini valido per l’Emilia Bike Cup, successo sui 38 km per Massimo Balduini (Sportbike Cicloparma Maté) in 1h44’05” con suo figlio Matteo (Pedale Fidentino) secondo con lo stesso tempo, terzo Daniele Malusardi (Green Devils) a 1’14”. La gara femminile è andata alla veneta Anna Ferrari (Adventure Bike) in 2h05’52” con 8’18” su Lisa Bacchiavini (Pata Raschiani) e 20’01” su Annarita Cavulla (Imola Bike).

Restiamo in Emilia, a Marzabotto per la tappa del circuito Gessi&Calanchi Bike, il Trofeo Amedeo Nerozzi andato al plurivincitore della challenge Mattia Capece (Ktm Forti e Liberi) che in 1h35’10” ha preceduto di 2’12” Maurizio Galamini (Velociraptor) e di 2’58” Damiano Tedeschi (Due Ruote). Gara femminile a Miria Visani (Due Ruote) in 2h07’02” con Elisabetta Carboni (Green Devils) a 5’06” e Tania Chillo (Due Ruote) a 18’23”.

Riuscita prima edizione per la Granfondo Parco Nazionale d’Abruzzo, prova Acsi che sul percorso di 47 km ha visto prevalere Leandro Rotondi (F.Moser Cycling Team) in 1h51’01” con 3’34” su Gianni Cipollone (Cycling Team Iziro) e 5’40” su Guido Cappelli (Nw Sport). Prima donna Loredana Varlese (BIkextreme Racing Team) in 2h40’11”, alle sue spalle Patrizia Campagna (Racing Bike Terracina) a 29’25”.

Scendiamo ancora per la GF Altissimo Molise, tappa del Trofeo dei Parchi Naturali a Pescopennataro dove a svettare è stato il lombardo Pierluigi Bettelli (Bi&Esse Lee Cougan) che ha avuto ragione in 1h48’22” del lucano Vito Buono (Team Eurobike) staccato di 3” solo nel finale, poi i suoi compagni di squadra Mattia Penna e Vittorio Oliva a 4” e il campano Luigi Ferritto (Frw Oronero) a 5”, per una gara risoltasi solo nelle ultime battute. Prima donna Nina Gulino (Team Bike Ragusa) in 1h52’20” con oltre un’ora e 20 minuti su Manuela De Iuliis (Team Kyklos Abruzzo) e Federica Cocco (Bike Store Isernia).