Land Rover Discovery, con chiave intelligente Activity Key

Nuova Land Rover Discovery, all terrain per famiglie sportive

13/07/2017

La Nuova Discovery si presenta rinnovata nel design e ancora più versatile, capace di ospitare in totale comfort 7 passeggeri, oltre che grandi carichi, come quelli che possono essere costituiti dalla nostra inseparabile attrezzatura sportiva. Prefigurata dal Concept Discovery Vision nel 2014, riassume alcune degli elementi chiave del DNA Discovery, come il tradizionale tetto rialzato, si riveste di un look dinamico e seducente, oltre che sfoggiare tecnologie senza confronti.

 

Activity Key, pensata anche per chi fa sport d’acqua

A chiunque faccia windsurf capita puntualmente: arrivi in spiaggia, armi la vela, indossi la muta, sei pronto ad entrare in acqua per non perdere nemmeno un’onda… E ora, dove metti le chiavi dell’auto?

Con l’Activity Key della nuova Discovery questo non è più un problema. Privo di batteria, impermeabile fino a 30 metri e resistente a temperature da -50 a +125°, Activity Key è un robusto bracciale indossabile anche in acqua mentre fai sport. Lascia le chiavi nel veicolo, disabilitale e blocca la chiusura avvicinando il polso con il bracciale alla D del distintivo Discovery, vai a surfare. Goditi la session, al tuo ritorno Activity Key ti consentirà di riprendere possesso del tuo Discovery.

 

 

Un design rivoluzionario

Superfici raffinate e proporzioni ottimizzate sono il frutto dell’armonico connubio tra le superfici scolpite anteriori e l’inedito angolo acuto del parabrezza, le fiancate dai volumi ottimizzati e le caratteristiche nervature degli archi passaruota, elemento desunto dalla Discovery Sport e che aggiunge dinamismo a un profilo decisamente aerodinamico. Il design del montante C conferisce maggiore tensione all’insieme, e il già citato tetto rialzato si traduce in un surplus di spazio per i passeggeri della terza fila di sedili. I tetti panoramici disponibili consentono poi di accrescere la luminosità dell’abitacolo. Il portellone posteriore in unico pezzo facilita le operazioni di carico e scarico, e offre notevole riparo dagli elementi; il nuovo Powered Inner Tailgate comprende inoltre un pannello ripiegabile nel vano bagagli funzionale alla ritenuta del carico in fase di apertura e può diventare all’occorrenza un comodo sedile. Un tocco di modernità è aggiunto dal prezioso design dei fari. Dal livello SE in su, gli allestimenti comprendono luci con elementi Light Pipe che variano dal bianco all’ambra quando sono azionati gli indicatori di direzione. Sette gruppi di LED si illuminano in differenti combinazioni per garantire cinque modalità d’impiego, così da adattarsi alle più disparate situazioni. Molto ampia è anche la scelta delle colorazioni della carrozzeria, ben 14, con l’opzione del tetto a contrasto; sono disponibili 14 stili di cerchi in lega, inclusi per la prima volta quelli da 21 e 22”, e il nuovo Aero da 20”.

 

 

Raffinatezza hi-tech

Design moderno, materiali di qualità, come pelle Windsor con cuciture a contrasto e legno Natural Shadow Oak dei rivestimenti, e tecnologie all’avanguardia sono celati nell’abitacolo della Nuova Discovery. La consolle centrale è un concentrato di efficienza, con comandi facilmente intuibili e interruttori ridotti al minimo per non distogliere l’attenzione del guidatore. La configurazione della seconda e terza fila di sedili è facilmente gestibile grazie all’Intelligent Seat Fold con pulsanti all’interno del portellone, sul montante C, tramite il touchscreen o a distanza con uno smartphone. Ogni millimetro in cabina è poi sfruttato per ricavarne portaoggetti aggiuntivi a favore di tutti gli occupanti del veicolo, che possono sfruttare ben 6 prese a 12 Volt e fino a 7 porte USB.

 

 

C’è spazio per tutti

4.970 mm di lunghezza, 2.220 mm di larghezza (specchietti estesi), 1.846 mm di altezza: queste le dimensioni di Nuova Discovery, che risulta perciò più lunga ma più stretta e bassa rispetto al passato, a fonte di un passo accresciuto di 38 mm, a favore di maggiore spazio in cabina. I passeggeri possono regolare a piacere lo spazio per il carico e le gambe nella seconda fila di sedili, e accedere agevolmente alla terza, capace di ospitare adulti alti fino a 1,90 m, oltre che di assicurare mediante punti di ancoraggio ISOFIX seggiolini per bambini. Il vano bagagli dispone, dietro la seconda fila di sedili, di un volume totale di carico di 1.231 litri, aumentabile a 2.500. Con tutti e 7 i sedili montati è comunque di 258 litri. Grazie all’Auto Access Height è infine più facile salire a bordo: allo spegnimento del veicolo, e ulteriormente all’apertura della portiera, le sospensioni pneumatiche producono un abbassamento dell’altezza della Nuova Discovery, che una volta messa in moto torna ad offrire la solita Posizione di Guida Dominante.

 

Tecnologia e praticità

Tutta l’eccellenza ingegneristica di casa Land Rover è stata riversata nella Nuova Discovery, un vero e proprio concentrato di tecnologia sia per quanto riguarda le dotazioni sia per i moderni motori Ingenium. Le tradizionali capacità all-terrain della famiglia Discovery si coniugano con una dinamica su asfalto all’avanguardia, raffinatezza, versatilità e massimo comfort. Dell’Intelligent Saet Fold per la gestione dei sedili posteriori e del Powered Inner Tailgate. Parlando di connettività, tramite il touchscreen da 10” è poi possibile accedere all’InControl Pro e alla sua ampia gamma di app, per stare connessi, costantemente e ovunque: il sistema infotainment è intuitivo e veloce, compatibile con TV digitale, include la connettività 3G per massimo 8 dispositivi, il Bluetooth è di serie su tutta la gamma, e sono disponibili funzioni di navigazione satellitare aggiornate, compresa quella che “impara” i percorsi più usuali.

 

 

Cuore sportivo, campione nell’off-road

La base della Nuova Discovery è l’innovativo, robusto e leggero pianale SUV Full-Size in alluminio, lega utilizzata anche per la cellula di protezione e le fiancate, e per il 50% proveniente da materiale riciclato. Anche lo chassis è dotato di componenti dal peso contenuto, per un valore complessivo alla bilancia del veicolo a vuoto di 2.099 kg. Gli equipaggiamenti annoverano efficienti motori Jaguar Land Rover a 4 o 6 cilindri, diesel o benzina. I diesel 2.0 litri Ingenium offrono livelli ridotti di consumi ed emissioni di CO2, senza detrimento per la possente coppia. I leggeri motori in alluminio Ingenium presentano un monoblocco rigido e iniettori disaccoppiati per bassi livelli di vibrazioni e rumore. Tutti i motori sono abbinati a una trasmissione automatica ZF a 8 rapporti, controllabile manualmente tramite i paddle sul volante, oppure dalla manopola al centro della consolle, e si avvalgono di avanzate tecnologie funzionali alla riduzione dei consumi, alla dolcezza nei cambi di marcia e a una vivace reattività. L’avanzata architettura delle sospensioni e l’ultima generazione di sterzo servoassistito elettricamente in funzione della velocità assicurano prestazioni e comfort su asfalto pari alle capacità all-terrain.

I doppi bracci oscillanti ampiamente spaziati delle sospensioni anteriori concorrono a questo obiettivo insieme alla soluzione Integral Link di quelle posteriori: morbida quando serve, per migliorare la comodità e la resistenza agli impatti, ma più rigida in curva, per ottimizzare la risposta allo sterzo e la compostezza della scocca. Da sottolineare l’ampia possibilità di regolazione delle sospensioni pneumatiche. A favore della dinamica e della sicurezza dello sterzo giocano il Dynamic Stability Control (DSC) e l’Elettric Power-Assisted Steering. Salita, discesa od ostacoli impegnativi, nulla è proibito alla Nuova Discovery grazie alla sua particolare geometria, alla disponibilità del 4×4 permanente, con due gamme di velocità o, in alternativa, con differenziale Torsen e trasmissione a gamma singola di velocità. Lanciato sulla Range Rover Evoque, esordisce sulla Nuova Discovery l’All-Terrain Progress Control (ATPC), che consente di affrontare terreni particolarmente difficili a velocità ridotta, concentrandosi sullo sterzo e lasciando al sistema il controllo di motore e freni. L’ultima generazione del Terrain Response 2 di Land Rover gestisce poi automaticamente le condizioni di marcia per tarare opportunamente le funzioni del veicolo in base al tipo di fondo. Non dimentichiamo infine le sospensioni pneumatiche integrali che migliorano la qualità del viaggio su strada e potenziano le capacità del veicolo nell’off-road, oltre a una suite di tecnologie all-terrain avanzate. In sintesi, nessuno spot in cui dare sfogo alla nostra passione sportiva è off limits alla guida della Nuova Land Rover.

 

 

Parola d’ordine: sicurezza

La tranquillità e il comfort del guidatore sono garantiti dall’insieme dei sistemi di sicurezza attiva e dagli apparati di assistenza alla guida presenti sulla Nuova Discovery. A cominciare dall’Autonomous Emergency Braking (AEB) che comprende anche la funzione di rilevamento dei pedoni e che si attiva fino all’arresto del veicolo, per proseguire con l’Hill Start Assist, che mantiene momentaneamente frenata la macchina per facilitare le partenze in salita, e l’Engine Drag Torque Control (EDC) che evita il blocco delle ruote quando si usa il freno motore su superfici dalla scarsa aderenza. Numerosi sono anche i sistemi avanzati di assistenza alla guida, tra cui citiamo, a titolo d’esempio, il Park Assist o il Blind Spot Monitor per il controllo di eventuali ostacoli nel punto cieco del veicolo.

Guarda la nuova Land Rover Discovery

 

Potrebbe interessarti anche

Commenti

edicola digitale