Protezioni da sci e snowboard, il paraschiena

Usato da tantissimi in moto è ancora troppo snobbato sulla neve. L’importanza del paraschiena

24/01/2019
scritto da Marco Melloni

Se, come dicevamo nell’introduzione, le protezioni per le moto sono diventate quasi uno standard per i motociclisti, sciatori e snowboarder fanno ancora fatica a considerarle accessori di grande utilità.

Fra le protezioni, quella che protegge la parte più delicata del nostro corpo è senz’altro il paraschiena, materiali e design fanno la differenza e prima di un acquisto è bene sapere cosa offre il mercato. Ecco qualche dritta per orientarvi nella scelta.

 

La vestibilità del paraschiena Dainese Flexagon Waiscoat

 

I paraschiena sono certificati?

Prima dell’acquisto è bene dare un’occhiata all’etichetta.

La certificazione per i paraschiena è la CE/EN 1621-2, sia per i dispositivi per lo sci che per la moto.

Tale certificazione si differenzia su 2 livelli in base alla forza residua:

Livello 1: Forza residua media massima 18kN, forza massima per singolo impatto 24 kN
Livello 2: Forza residua media massima 9kN, forza massima per singolo impatto 12 kN

Dove i paraschiena omologati che assicurano maggior protezione sono quelli di Livello 2.

Una volta verificata la certificazione del paraschiena si possono scegliere diversi modelli: ne esistono infatti di rigidi e di flessibili con un numero variabile di placche protettive, con le bretelle o a gilet, o anche con la protezione per l’osso sacro.

 

La flessibilità del paraschiena Dainese Flexagon Waiscoat

 

Come funziona il paraschiena

Sostanzialmente è guscio protettivo in materiale plastico che, soprattutto nella zona delle vertebre e poi nel costato dorsale, distribuisce e assorbe gli impatti su una zona più ampia di quella di impatto.

 

Come indossare correttamente il paraschiena

Dovendo proteggere in caso di urti con ostacoli fissi, mobili o altri sciatori, il paraschiena deve vestire in modo aderente. Per questo è importante che sia della propria taglia, che sia allacciato correttamente in vita, e che sia indossato sopra il primo strato tecnico a contatto con la pelle e non sopra il tipico pile morbido. Questo è consigliabile non solo per evitare che si muova ma anche per evitare l’eccessiva sudorazione, sebbene i moderni paraschiena siano dotati di sistemi passivi di ventilazione.

 

Non uno scudo in plastica ma concentrati di innovazione

Il paraschiena, nato come accessorio da indossare singolarmente, si è evoluto in varie forme e oggi lo troviamo anche integrato in differenti tipi di giacche o “freestanding” da inserire ad esempio in uno zaino.

 

La parte frontale in Polartec Powerwool per la protezione Dainese Flexagon PL Waistcoat

 

Flexagon PL Waistcoat di Dainese è un paraschiena integrato in un giubbino smanicato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dainese, leader nella progettazione di protezioni per la moto ha poi cominciato a sviluppare per i settori bike e neve, modificando i propri prodotti in base alle specifiche esigenze.

Dainese Flexagon PL Waistcoat, disponibile anche in versione interamente in microfibra con protezioni del costato, è il risultato di anni di evoluzione nel settore paraschiena. Lo scudo protettivo è in schiuma Memory Foam Crash Absorb, caratterizzato da un peso molto contenuto e da una grande flessibilità, perfette per seguire i movimenti di piegamento e torsione del busto. Nella  versione PL ha la pettorina realizzata in tessuto Polartec Powerwool, un filato misto in lana e sintetico, dall’alto potere calorico, ottima elasticità in quattro direzioni e altamente traspirante. Una cintura con velcro, removibile, in vita blocca la protezione in posizione. La combinazione di materiali e design all’avanguardia garantisce un prodotto che può essere indossato anche a pelle, super confortevole e super protettivo.

 

Completamente differente per materiale e concezione è il paraschiena di Koroyd EOP 1.0. Si tratta di una sottilissima e leggerissima “lamina” in Honeycomb inseribile nel comparto idrator di qualsiasi zaino. E’ l’unico prodotto di questo tipo ad avere la certificazione CE/EN 1621-2 e conserva le due caratteristiche uniche di Koroyd: leggerezza e capacità di ventilazione.

Una lamina di Koroyd sottoposta a flessione

Ecco come si presenta il paraschiena Koroyd EOP 1.0

Info: Koroyd – Dainese

 

Fra le protezioni più importanti per sciare troviamo poi i caschi da sci e snowboard

Potrebbe interessarti anche

Commenti