4 chiacchiere con Bruno Martini post lockdown

0

Abbiamo raggiunto il top rider local di Torbole e portacolori del Circolo Surf Torbole, Bruno Martini per una breve intervista sui suoi prossimi programmi alla luce della cancellazione di gran parte delle regate nazionali e internazionali slalom.

Ciao Bruno, niente gare quest’anno. Trovi la stessa motivazione ad allenarti rispetto agli altri anni?
Di certo non ho la stessa motivazione rispetto ad un anno normale, é stato molto deludente per me questo periodo di quarantena forzata.
Mi trovavo in uno stato di forma che non avevo mai avuto prima dove non lo ho potuto mettere in pratica.
Riprendere gli allenamenti non é stato facile, appunto perché nella mia testa non avevo un obiettivo ben preciso ma comunque ho sempre cercato di allenarmi al meglio.

Ora che soprattutto voi professionisti non viaggiate più come prima per allenamenti e gare, occupi in maniera diversa il tuo tempo? Hai cambiato le tue abitudini?
Bhe sono stato tanto più a casa, e sono andato in bicicletta a swattare, ma oltre a questo non ho fatto molto.

Senti che senza lo stress sia organizzativo che psicologico delle gare, hai trovato anche più tranquillità o qualche lato positivo?
Sicuramente questo periodo ha dato a modo a tutti di pensare, l’ho vista come un’opportunitá per migliorarmi e lavorare sui miei difetti.
Ma no non mi é piaciuto molto questo periodo, a me piace correre, ho voglia di emergere tra più forti e non di sedermi e cazzeggiare.

Hai già pensato a come occuperai la tua estate?
Non penso troppo in la nel futuro, ma mi concentrerò sui miei allenamenti visto che abbiamo un italiano Slalom e un italiano Foil da correre.

Hai qualche nuovo progetto o idee in mente?
No per il momento nulla di che, credo forse di organizzare uno stage di Slalom e di Foil al Circolo Surf Torbole.

Che consiglio daresti ai lettori di 4windsurf per continuare ad essere motivati, ispirati?
Un consiglio che posso darvi e di non farsi influenzare da niente e da nessuno, se avete questa bellissima passione come me, non importa quanti soldi o quante energie ci mettete, non saranno mai soldi o energie sprecate se é ciò che veramente volete.

Articolo precedenteSURF JAM 2020: appuntamento a settembre
Articolo successivoBontrager Rally WaveCel il test
Ciao a tutti, sono Fabio Calò (ITA-720), ho iniziato a fare windsurf all’età di 13 anni e da quel momento è diventata la mia più grande passione, la mia vita. Finiti gli studi universitari ho iniziato a lavorare in un negozio di windsurf a Torino, poi agente di commercio e nel 2006 è iniziata la mia grande avventura con la redazione di 4Windsurf e poi anche di 4Sup. Sono stato campione italiano Wave di windsurf nel 2013 e 2015, altri ottimi risultati agonistici gli ho ottenuti anche nel freestyle sia in Italia che in Europa. Dal 2017 sono il direttore di una delle scuole più importanti del Lago di Garda, il PierWindsurf. Trasmetto la mia passione con progetti dedicati ai giovani come il Progetto Serenity di Malcesine, e organizzo Wave Clinics nel periodo invernale. Vivo a Torbole sul Garda e respiro l’aria del windsurf 365 giorni all’anno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui