4 chiacchiere con Malte Reuscher post lockdown

0

Abbiamo raggiunto il top rider Malte Reuscher per una breve intervista sui suoi prossimi programmi alla luce della cancellazione di gran parte delle regate nazionali e internazionali slalom a causa del Covid-19.

Ciao Malte, niente gare quest’anno. Trovi la stessa motivazione ad allenarti rispetto agli altri anni?
Si, in un periodo come questo il desiderio di fare windsurf è lo stesso ma dal momento che le gare scarseggiano dedico anche parte del mio tempo al lavoro e alle mie relazioni sociali.

Ora che soprattutto voi professionisti non viaggiate più come prima per allenamenti e gare, occupi in maniera diversa il tuo tempo? Hai cambiato le tue abitudini?
Sfrutto questo momento per migliorare ciò che è la mia vita extra windsurf, quindi stabilimento balneare, bar ristorante e chiaramente la mia scuola di windsurf con mio fratello Kai Colombi.

Senti che senza lo stress sia organizzativo che psicologico delle gare, hai trovato anche più tranquillità o qualche lato positivo?
Non ero abituato a un lungo periodo di pausa, e stare a casa mi ha fatto anche piacere, ho fatto più windsurf che quando giro il mondo per regatare, ma anche tanti cappuccini al mio bar in spiaggia.

Hai già pensato a come occuperai la tua estate?
Lavoro, windsurf e se c’è qualche gara sicuro vado a farla.

Hai qualche nuovo progetto o idee in mente?
Sì, qualche idea nuova l’avrei, ma finché non sappiamo con certezza l’evolversi di questo covid sto fermo.

Che consiglio daresti ai lettori di 4windsurf per continuare ad essere motivati, ispirati?
Visto che amiamo il mare, il nostro sport, sfruttare ogni singolo momento per divertirsi e migliorarsi, anche perché l’avversario non sta a guardare!

Articolo precedenteVitamine del gruppo B necessarie per il ciclista
Articolo successivoWind alert: 5-6 settembre
Ciao a tutti, sono Fabio Calò (ITA-720), ho iniziato a fare windsurf all’età di 13 anni e da quel momento è diventata la mia più grande passione, la mia vita. Finiti gli studi universitari ho iniziato a lavorare in un negozio di windsurf a Torino, poi agente di commercio e nel 2006 è iniziata la mia grande avventura con la redazione di 4Windsurf e poi anche di 4Sup. Sono stato campione italiano Wave di windsurf nel 2013 e 2015, altri ottimi risultati agonistici gli ho ottenuti anche nel freestyle sia in Italia che in Europa. Dal 2017 sono il direttore di una delle scuole più importanti del Lago di Garda, il PierWindsurf. Trasmetto la mia passione con progetti dedicati ai giovani come il Progetto Serenity di Malcesine, e organizzo Wave Clinics nel periodo invernale. Vivo a Torbole sul Garda e respiro l’aria del windsurf 365 giorni all’anno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui