Home Windsurf News 4 chiacchiere con Valter Scotto

4 chiacchiere con Valter Scotto

0

Valter Scotto è un nostro amico di vecchia data e collaboratore. Organizzatore insieme ad Andre Ippolito del Windfestival, di cui 4Windsurf è media partner. In novembre Valter si era seriamente infortunato in un incidente in acqua a Tenerife. Lo abbiamo visto di recente in azione ad Hookipa seguito dalla macchina fotografica del suo amico e compagno di viaggio Andrea Giudici. Abbiamo contattato Valter appena tornato dal suo viaggio e fatto qualche domanda.

1

12

Ciao Valter, prima di tutto come sta la tua schiena, abbiamo saputo che questo autunno ti eri infortunato seriamente?
Ciao, si a novembre mi sono rotto due vertebre però adesso tutto sommato mi sento decisamente meglio. Non posso dirti che sono al 100% però sono soddisfatto.

Prima del tuo incidente avevi già programmato la vacanza a Maui?
Si avevamo programmato la vacanza io, Andrea Giudici e Vittorio (“Passoscuro”), precisamente alla cena del Windfestival.

10

Hai quindi poi fatto tutto il possibile per arrivare pronto all’appuntamento di Hookipa e possiamo vedere dalle foto che ci sei riuscito bene?
Si dopo l’incidente ero quasi sicuro di non poter fare questo viaggio però poi con un po’ di fortuna e con un po’ di testa dura sono riuscito a portare a termine il sogno di Maui!

Prima volta a Maui?
No è la seconda volta che vengo a Maui.

Hookipa è come te la aspettavi?
Mi è piaciuta da subito. Ha il suo fascino più per il culto di Maui che per se stessa, ma è solo una mia riflessione.

Quanto ci hai messo ad entrare e godere del “Maui Time”?
Per quanto riguardano le onde sono molto difficili soprattutto prendere quel Time di girare sul lip al momento che frange!

8

On shore mure a sinistra con il ventone del Cabezo, a mure a dritta side off dove la planata ad uscire non è una cosa importante per Hookipa. Come ti sei trovato?
Per quanto riguarda il fatto di navigare sempre mure a sx devo confessarti che mure a dritta mi difendo abbastanza bene anche perché mi piace molto navigare di destra. Ho trovato belle condizioni a volte anche parecchio grandi, però sono stato contento soprattutto per i nuovi materiali che mi sono portato e ho potuto provare con tranquillità e facendo i cambi che ritenevo opportuni e alla fine il risultato è stato ottimo. Per i due proto 2017 99 che con Gianni abbiamo fatto, un 77/85 tri fin con in linee non proprio per Maui è un poppa abbastanza larga che però si sono comportate decisamente bene. Sono molto contento del bel compromesso che siamo riusciti ad ottenere. In secondo luogo non meno importante le nuove K-Onda di Challenger con un paio di modifiche che la rendono ora bella reattiva e molto più leggera del 2016. Anche in questo caso devo ringraziare Bad (Claudio Badiali) perché abbiamo una bella sintonia nel capirci quando dobbiamo fare dei cambi sulle vele e le riusciamo a mettere a punto veramente in fretta, sono quindi molto soddisfatto dei miei materiali di quest’anno.

Prossimi obiettivi?
Altri obbiettivi in assoluto il Windfestival che si svolgerà il 30 settembre e 1-2 ottobre 2016 a Diano Marina. Poi la prossima tappa è la partecipazione alla Defi Wind dove andiamo a promuovere sia il Windfestival che il Progetto TF7.
Vi ringrazio per l’intervista auguro a tutti di continuare a divertirsi in mare ciao ragazzi Valter TF7.

3

PRESS RELEASE  TF7 Action Sport
È ufficiale la partecipazione del padrino del Windfestival Valter Scotto, col pettorale n°97, alla  Defi Wind, l’ormai storica long distance giunta alla 16a edizione, che si svolgerà dal 5 al 8 Maggio 2016 a Gruissan.
L’ideatore del Windfestival e fondatore del progetto TF7 sarà presente alla manifestazione francese con il socio Andrea Ippolito, insieme al main sponsor 99NoveNove, per promuovere la manifestazione, patrocinata e fortemente voluta dal Comune di Diano Marina per il 5° anno consecutivo.

7

FOTO Andrea Giudici

Articolo precedenteIl dopo lavoro di Julien Taboulet
Articolo successivoPrevisioni onde ponte: swell consistente in arrivo!
Ciao a tutti, sono Fabio Calò (ITA-720), ho iniziato a fare windsurf all’età di 13 anni e da quel momento è diventata la mia più grande passione, la mia vita. Finiti gli studi universitari ho iniziato a lavorare in un negozio di windsurf a Torino, poi agente di commercio e nel 2006 è iniziata la mia grande avventura con la redazione di 4Windsurf e poi anche di 4Sup. Sono stato campione italiano Wave di windsurf nel 2013 e 2015, altri ottimi risultati agonistici gli ho ottenuti anche nel freestyle sia in Italia che in Europa. Dal 2017 sono il direttore di una delle scuole più importanti del Lago di Garda, il PierWindsurf. Trasmetto la mia passione con progetti dedicati ai giovani come il Progetto Serenity di Malcesine, e organizzo Wave Clinics nel periodo invernale. Vivo a Torbole sul Garda e respiro l’aria del windsurf 365 giorni all’anno.