A Natale fai un regalo al Pianeta!

0

All’interno del nuovo store online, LifeGate propone di mettere sotto l’albero regali responsabili a sostegno di progetti ambientali e a tutela della biodiversità.

Riduzione della plastica nei mari, difesa della biodiversità, salvaguardia delle foreste. A Natale LifeGate invita a scegliere regali responsabili che uniscono al piacere di riceverli, il nobile obiettivo di aiutare il Pianeta.

All’interno del nuovo store online è possibile acquistare il miele di Bee My Future che sostiene l’allevamento di 14 alveari grazie al lavoro di un apicoltore selezionato dall’Associazione partner del progetto, Apam – Associazione produttori apistici della provincia di Milano. Coloro che hanno a cuore la salute dei nostri mari potranno invece preferire i bicchieri e la borraccia di LifeGate PlasticLess®, l’iniziativa che si pone l’obiettivo di ripulire le nostre acque dalle plastiche con l’installazione dell’innovativo dispositivo Seabin in tutti i porti italiani. Ideato da due australiani e prodotto da Poralu Marine, partner di LifeGate, il “cestino dei mari” è in grado di catturare dalla superficie dell’acqua circa 1,5 chilogrammi di detriti al giorno ed è già stato attivato in 49 aree portuali, nei laghi di Como e Lugano, nel Regno Unito a Portishead e in Grecia ad Atene.

LifeGate offre inoltre l’opportunità di tutelare per un anno un’area di foresta nell’Amazzonia brasiliana attraverso l’adesione a Foreste In Piedi. Realizzata in collaborazione con Icei e Avive, e mira a prevenire e contrastare la deforestazione, gli incendi dolosi, attività di caccia illegali e altri reati ambientali, attraverso la salvaguardia di un’area di 560 ettari che il Brasile ha dato in concessione d’uso alle 27 famiglie della comunità di San Pedro.

Tutte le iniziative sostenibili promosse da LifeGate sono consultabili al link.

Articolo precedenteThe mid-Decemer swell
Articolo successivoQuattro chiacchiere con il CEO di Bianchi
Eva è nata e cresciuta a Roma, dove ha studiato giurisprudenza per capire che è una persona migliore quando non indossa un tailleur. Ha lasciato la grande città per lasciare che il vento le scompigliasse i capelli sulle montagne delle Alpi e presto ha scoperto che la sua passione per l’outdoor e scrivere di questa, poteva diventare un lavoro. Caporedattrice di 4outdoor, collabora con diverse realtà del settore outdoor. Quando ha finito di lavorare, apre la porta della baita in cui vive per sciare, correre, scalare o per andare a fare altre gratificanti attività come tirare il bastone al suo cane, andare a funghi o entrambe le cose insieme.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui