Pubblicità
Home Prodotti Scarpe ALTRA LONE PEAK 3.0, la scarpa da trail running inimitabile!

ALTRA LONE PEAK 3.0, la scarpa da trail running inimitabile!

0
Altra Lone Peak 3.0
Altra Lone Peak 3.0

Il marchio Altra ci ha sempre incuriosito molto. Il motivo? Sicuramente uno shape completamente diverso da buona parte di tutte le calzature da running, trail e triathlon presenti sul mercato. Da una semplice curiosità è nato il test delle Altra Lone Peak 3.0. Inoltre il #4 di 4running ha come protagonista Michele Graglia (presente anche nella foto di copertina della rivista), fortissimo ultra trail runner italiano, testimonial Altra.

Mattia De Guio, foto Tommaso Pession
Mattia De Guio in azione con le Altra Lone Peak 3.0 – foto Tommaso Pession

Abbiamo testato a lungo il nuovo modello da trail running Altra Lone Peak 3.0 insieme al nostro tester Mattia De Guio. Lo sviluppo della Altra Lone Peak 3.0 trae ispirazione da una delle catene montuose più rocciose e impervie degli Sati Uniti.

E’ stata disegnata espressamente per affrontare il terreno aggressivo della gara di ultra trail Wasatch 100. La Altra Lone Peak 3.0 presenta le caratteristiche significative di Altra Running ovvero la combinazione di suola ed intersuola ZeroDrop e della larga FootShape™ toe box, caratteristica inconfondibile dei modelli del brand dedicati al trail.

La tecnologia StoneGuard™ offre protezione contro sassi e altri residui, mentre la suola esterna TrailClaw™ permette una trazione unica in salita e discesa per rispondere alle diverse difficoltà legate al fondo stradale più o meno sconnesso. La release 3.0 della Altra Lone Peak 3.0 è un upgrade del modello precedente e presenta suola ed intersuola completamente rinnovata, una tomaia più resistente, colori inediti e un peso più contenuto.

Altra Lone Peak 3.0
Altra Lone Peak 3.0

Ecco il commento in diretta della Altra Lone Peak 3.0 di Mattia de Guio 

PESO RILEVATO: 294 g (n. 9,5 US).

DESIGN: Scarpa dalla forma un po’ particolare, perché molto larga davanti. A prima vista sembra comoda.

FINITURE: Studiata nei minimi dettagli, è piuttosto strutturata. Molto utile risulta il velcro/gancio per fissare le ghette.

CHIUSURA: Classica con stringhe che avvolgono bene il piede.

IMPATTO INIZIALE/SETUP PRIMA USCITA: Risulta immediatamente molto comoda e ammortizzata. Drop zero e tecnologie innovative dell’intersuola consentono di mantenere una buona postura a lungo e di avere una tecnica di corsa migliore.

COMFORT: È stata creata proprio per questo motivo, infatti la parte anteriore è larga e garantisce alle dita dei piedi di mantenere la posizione naturale anche per lunghe distanze.

TRASPIRABILITÀ: Discreta. La tomaia in Neoshell non permette inoltre all’acqua di entrare.

GRIP: La suola in Trailclaw, tecnologia di Altra, ha tasselli piuttosto marcati e posizionati proprio sotto i metatarsi per offrire buona tenuta sia in salita sia in discesa.

STABILITÀ: Molto buona in piano e in salita, ma la scarpa risulta meno stabile su terreni tecnici se si aumenta il ritmo. Questo a causa della parte anteriore tanto larga, che è molto comoda ma un po’ ingombrante.

DEFORMABILITÀ: Molto buona, soprattutto se consideriamo che la suola è alta 25 mm.

PROTEZIONE: Discreta.

CAPACITÀ DI AMMORTIZZARE: Ottima. Costruita con materiali riciclati, la suola esterna garantisce un impatto minimo e una conseguente spinta in avanti su ogni superficie.

Articolo precedenteLakai Extra Flare: Raven Tershy
Articolo successivoWe All Rock Festival 2017
Daniele Milano nasce una buona cinquantina di anni fa in Valle d’Aosta. Cresciuto con la montagna dentro, ha sempre vissuto la propria regione da sportivo. Lo sci alpino è stato lo sport giovanile a cui ha affiancato da adolescente l’atletica leggera. Nei primi anni 90 la passione per lo snowboard lo ha letteralmente travolto, sia come praticante che come giornalista. Coordinatore editoriale della rivista Snowboarder magazine e collaboratore per diverse testate sportive di settore ha poi seguito la direzione editoriale della testata Onboard magazine, affiancando sin dal lontano 2003 la gestione dell’Indianprk snowpark di Breuil- Cervinia. Oggi Daniele è maestro di snowboard e di telemark e dal 2015 segue 4running magazine, di cui è l’attuale direttore editoriale e responsabile per il canale web running. Corre da sempre, prima sul campo di atletica leggera vicino casa e poi tra prati e boschi della Valle d’Aosta. Dal 2005 vive un po’ a Milano con la propria famiglia, mentre in inverno si divide tra la piccola metropoli lombarda e Cervinia. “La corsa è il mio benessere interiore per stare meglio con gli altri”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità