Home Running Eventi Anna Incerti all’assalto di Nagoya

Anna Incerti all’assalto di Nagoya

0

Una settimana dopo la bella impresa di Daniele Meucci, secondo a Otsu, la maratona italiana torna a impegnarsi nello Iaaf Road Label grazie ad Anna Incerti, invitata a partecipare domenica alla Nagoya Women’s Marathon. Per la siciliana delle Fiamme Azzurre, in Giappone già da martedì per assorbire il cambio di fuso orario, si tratta della terza trasferta in terra nipponica, dopo i Mondiali del2007 quando finì 17esima e la Maratona di Osaka del 2011 dove fu quarta. L’azzurra cercherà un risultato di prestigio e soprattutto un crono importante in una gara del circuito Gold che si preannuncia molto qualificata anche perché non schiacciata dalla presenza delle africane, pur molto valide fra quelle invitate dagli organizzatori. Basti pensare che sono ben 13 le maratonete iscritte con personali inferiori alle 2h30’. Il miglior tempo d’iscrizione appartiene a Eunice Jepkirui Kirwa, kenyana naturalizzata per il Bahrain,vincitrice nel 2014 dei Giochi Asiatici e con un personale di 2h21’41” ottenuto ad Amsterdam nel 2012. Contro di lei la campionessa uscente Mariya Konovalova, russa che nel 2013 a Chicago corse in 2h22’46” e la padrona di casa Ryoko Kizaki, quarta ai Mondiali a Mosca nel 2013 che proprio a Nagoya nello stesso anno aveva stabilito il suo PB in 2h23’34” aggiudicandosi la gara (nella foto), a dimostrazione che sulle strade della gara si può correre molto forte. Attenzione anche all’etiope Aheza Kiros, 2h24’30” a Dubai nel 2013 e all’ucraina Olena Burkowska, 2h27’07” ad Hannover nel 2013. Da considerare che la gara per le giapponesi vale come qualificazione per i Mondiali di Pechino: lo standard federale è 2h22’30”, ancora non centrato da nessun’atleta: tra coloro che proveranno a guadagnarsi una maglia per la prova iridata anche due debuttanti con tempi di valore sulla mezza, Rei Ohara e Risa Takenaka. La gara partirà alle 9:00 ora locale, nella notte italiana.