Boma asimmetrico per lo Speed

0

Nuova linea di boma dedicata allo Speed che nasce con la collaborazione e grande esperienza del Principe Andrea Baldini ITA-223: AL360 Asymmetric Carbon Boom. 

 

AL360 staff commenta: “Dopo numerosi test  abbiamo visto il nostro Boma Asimmetrico con successo anche nelle mani di altri  riders come ad esempio Farrel O’Shea  che ha fatto 51.2kts a Luderitz: record Inglese. Con questo nuovo Boma si è raggiunto un livello di qualità elevatissimo: riduzione del peso del 45% e una rigidità superiore del 30% rispetto al Boma standard di Carbonio. La caratteristica principale di questo boma Asimmetrico sta proprio nella sua forma: non avendo nulla nella parte sottovento permette alla vela di lavorare libera al 100% nei run di speed che sono al gran lasco.”

 

Ma sentiamo l’opinione del Principe:
“Con i boma normali quando si naviga di gran lasco e con la vela molto libera di bugna la stecca che attraversa il Boma (la 7 sulle vele a 8 stecche o la 6 su quelle a 7) va a toccare il boma sottovento e quindi inesorabilmente sfalsa il profilo e il centro velico, creando una sensibile instabilità… e non è quello che vorresti quando una raffica di 60 nodi ti viene incontro e sei già al limite della tolleranza delle sollecitazioni.

 

Nello speed si è figli delle singole raffiche… se tutto è in equilibrio la raffica ci fa accelerare … non ne sentiamo il peso ma solo l’accelerazione che ci regala…. Altrimenti ci mette fuori controllo e invece di accelerare perdiamo nodi e la possibilità raggiungere i nostri obiettivi.
Per questo con Al360 abbiamo lavorato sullo sviluppo di un Boma Asimmetrico che sia ultra sicuro (caratteristica fondamentale per non morire J ) e che permetta al vento di essere nostro amico anche nelle sue manifestazioni più violente!”

Articolo precedenteParli tedesco? QParks sta cercando proprio te!
Articolo successivoSliding Fire: l’avventura di Sam Smoothy e Victor & Xavier De Le Rue sul vulcano Monte Yasur
Ciao a tutti, sono Fabio Calò (ITA-720), ho iniziato a fare windsurf all’età di 13 anni e da quel momento è diventata la mia più grande passione, la mia vita. Finiti gli studi universitari ho iniziato a lavorare in un negozio di windsurf a Torino, poi agente di commercio e nel 2006 è iniziata la mia grande avventura con la redazione di 4Windsurf e poi anche di 4Sup. Sono stato campione italiano Wave di windsurf nel 2013 e 2015, altri ottimi risultati agonistici gli ho ottenuti anche nel freestyle sia in Italia che in Europa. Dal 2017 sono il direttore di una delle scuole più importanti del Lago di Garda, il PierWindsurf. Trasmetto la mia passione con progetti dedicati ai giovani come il Progetto Serenity di Malcesine, e organizzo Wave Clinics nel periodo invernale. Vivo a Torbole sul Garda e respiro l’aria del windsurf 365 giorni all’anno.