Brooks dona 3.000 paia di scarpe per emergenza COVID-19

0
Brooks dona 3000 scarpe per emergenza COVID-19
Brooks dona 3000 scarpe per emergenza COVID-19

Lodevole iniziativa del marchio di calzature running americano Brooks che dona 3.000 paia di calzature al personale medico eruopeo, che si vede costretto a turni di lavoro sovrumani a causa dell’emergenza COVID-19. L’iniziativa sul vecchio continente segue quella negli Stati Uniti in cui Brooks ha donato 10.000 paia di scarpe.

La parola a Brooks

“In questo momento così difficile sappiamo benissimo che la pressione sul nostro sistema sanitario e su tutti i suoi  operatori è immensa e  non è facile raggiungere tutti coloro che hanno bisogno. Brooks comunque vuole dare il suo contributo. E anche se non possiamo correre insieme, possiamo restare uniti.”

3.000 paia di calzature donate al personale sanitario

Per supportare gli operatori del settore sanitario che sono in prima linea nella lotta contro il COVID-19, Brooks donerà 3.000 paia di scarpe. “In questo momento tutto il personale medico sta lavorando instancabilmente per ore e ore, in piedi, spiega Martina FogagnoloMarketing Manager di Brooks Italia. “Vogliamo, con questo gesto, offrire un sostegno per supportare chi sta lavorando così duramente per la nostra salute”.

Pagina online dedicata

Da domani 9 aprile 2020 a partire dalle ore 15:00 sarà online la pagina dedicata su https://www.brooksrunning.com/it_it/.

Sulla pagina, tutti gli operatori sanitari potranno inserire il proprio nome, indirizzo, misura delle scarpe e la struttura sanitaria per cui prestano servizio. In questo modo Brooks sarà in grado di inviare gratuitamente le calzature.

Dagli Stati Uniti all’Europa

Questa donazione è dedicata agli operatori dell’Italia, Spagna, Francia, Gran Bretagna, Austria, Svizzera, Germania, Irlanda e Belgio. Operazione che segue quella attuata negli Stati Uniti la scorsa settimana con la donazione di 10.000 paia di scarpe.

Articolo precedente5 cose più una che l’industria della MTB dovrebbe cambiare
Articolo successivoRiflettere, ripensare, riconnettersi: il messaggio di Salewa
Daniele Milano nasce una buona cinquantina di anni fa in Valle d’Aosta. Cresciuto con la montagna dentro, ha sempre vissuto la propria regione da sportivo. Lo sci alpino è stato lo sport giovanile a cui ha affiancato da adolescente l’atletica leggera. Nei primi anni 90 la passione per lo snowboard lo ha letteralmente travolto, sia come praticante che come giornalista. Coordinatore editoriale della rivista Snowboarder magazine e collaboratore per diverse testate sportive di settore ha poi seguito la direzione editoriale della testata Onboard magazine, affiancando sin dal lontano 2003 la gestione dell’Indianprk snowpark di Breuil- Cervinia. Oggi Daniele è maestro di snowboard e di telemark e dal 2015 segue 4running magazine, di cui è l’attuale direttore editoriale e responsabile per il canale web running. Corre da sempre, prima sul campo di atletica leggera vicino casa e poi tra prati e boschi della Valle d’Aosta. Dal 2005 vive un po’ a Milano con la propria famiglia, mentre in inverno si divide tra la piccola metropoli lombarda e Cervinia. “La corsa è il mio benessere interiore per stare meglio con gli altri”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui