Pubblicità
Home Windsurf Eventi Campionato Italiano Classe Windsurfer a Olbia
Pubblicità

Campionato Italiano Classe Windsurfer a Olbia

0

La manifestazione alla sua 47esima edizione è organizzata dal Circolo Nautico Olbia Regatta Village sulla spiaggia di Pittulongu. Già pervenute più di 150 iscrizioni di atleti nazionali e internazionali.

OLBIA. Tavolara e le acque cristalline del tratto costiero tra Olbia e Golfo Aranci saranno la cornice perfetta per il 47esimo Campionato Italiano Windsurfer.
Dal 16 al 19 settembre, infatti, centinaia di atleti nazionali e internazionali approderanno in Sardegna per partecipare ad uno degli eventi più importanti della stagione agonistica.
Slalom, Course Race, Long Distance, Freestyle sono le discipline nelle quali si cimenteranno i partecipanti, in un contesto naturalistico di straordinaria bellezza. Qui normalmente è lo scirocco il vento che disegna le migliori condizioni, ma non solo, perché questo tratto di costa è spesso investito anche da venti provenienti dai quadranti occidentali che regalano sempre grandi emozioni ai praticanti di questo meraviglioso sport.
Lo sa bene Mario Peralda, windsurfista della prima ora e presidente del Circolo Nautico di Olbia, organizzatore della manifestazione: “Devo dire che tutto è partito grazie all’entusiasmo di un gruppo di giovani windsurfisti olbiesi che ha poi trovato terreno fertile nelle vecchie glorie locali. Olbia e la Sardegna hanno avuto sempre una grande tradizione in questa disciplina velica. E’ stato facile trovare rapidamente un accordo con i responsabili della classe windsurfer, una collaborazione nata in mare, con il boma in mano.
I partecipanti iscritti, ad oggi, sono oltre 150. Numeri che rievocano i fasti dei campionati, mondiale e nazionale, disputati nel 1982 a Cala Bitta negli anni d’oro del windsurf. Possiamo quindi certamente parlare di un grande ritorno, che sta attirando l’attenzione non solo di regatanti master, ma soprattutto dei più giovani, che trovano in questa classe una tavola semplice ed economica, ma anche tecnica: un attrezzo ideale per mettere insieme spirito agonistico e voglia di stare insieme dando a tutti le stesse possibilità”.
E sarà proprio così, perché in queste regate, tavole e attrezzatura sono uguali per tutti, come avviene nelle classi olimpiche. Oggi il campionato Windsurfer è ridiventato uno dei più partecipati nell’ambito della Federazione Italiana Vela. Ad Olbia arriveranno anche atleti provenienti da Francia, Spagna, Olanda, Finlandia, Russia, Svizzera e Austria che non gareggeranno per l’assegnazione del titolo italiano, ma per la classifica generale.
Uno dei motivi del boom di iscrizioni è dovuto anche al fatto che l’organizzazione ha reso possibile il noleggio dell’attrezzatura: un vero plus per chi non avesse ancora a disposizione la tavola o volesse viaggiare “leggero”.

Gli atleti in gara
La flotta dei locals olbiesi sarà capitanata da Angelo Usai e poi Roberto Soro, Nicola Campus e Franco Deiana, per citarne alcuni. Il gruppo del Windsurfing Club di Cagliari arriverà con la campionessa Giulia Clarkson, Alberto Congiu, Alberto Diaz (plurititolato campione degli anni ‘80) e Fred Pilloni, vice campione del mondo e campione europeo Iq Foil. Non mancherà il nutrito gruppo di atleti siciliani dello storico circolo Albaria capitanato da Vincenzo Baglione che ha nei cugini Marco e Massimiliano Casagrande e nella russa naturalizzata palermitana Katerina Babikova le sue punte di diamante. Temibili anche i windsurfisti laziali con Andrea Marchesi, Luca Pacitto, Edoardo Thermes, i fratelli Pavolini, la naturalizzata romana Céline Bordier, già campionessa mondiale nel 1992 in Sud Africa. Da menzionale l’agguerrita pattuglia dei toscani con i due campioni italiani in carica Alessandro Torzoni (anche campione del mondo in carica cat.C) e Marco Costagli (cat.B). Tra gli outsider spiccano i giovanissimi del Pescara Team capitanati dal sempre verde Andrea Papa già allenatore della nazionale giovanile.
Lo spettacolo non sarà solo in mare, ma anche in spiaggia, dove Riccardo Baita, altro storico windsurfista romano e speaker ufficiale della manifestazione, animerà il Regatta Village, il quartier generale in stile “californiano” che verrà allestito nel pieno rispetto della filosofia green ai bordi della spiaggia.

Gli sponsor
Il Circolo Nautico Olbia è riuscito ad organizzare l’evento grazie alla sensibilità della Fondazione di Sardegna, del Comune di Olbia, della, Federazione Italiana Vela e dell’International Windsurfer Class Association.
Sponsor ufficiali della manifestazione sono: San Carlo, Taula Group, Euro Co.MI Mercedes Benz, First Bunker yacht fuel service, La Cantina del Vermentino di Monti, Wella, Acqua Smeraldina, Hotel Pozzo Sacro, Kapriol Italian Design, Cantina Gallura Tempio Pausania, Seabounty Tourist Services, Tecnoverde Garden e G-Tender, F.lli Uccula, Unipol SAI – Conti Assicurazioni.

Articolo precedenteLenzerheide: in World Cup DH sventola il tricolore francese
Articolo successivoGranfondo di Casteggio 2021, forza e coraggio
Ciao a tutti, sono Fabio Calò (ITA-720), ho iniziato a fare windsurf all’età di 13 anni e da quel momento è diventata la mia più grande passione, la mia vita. Finiti gli studi universitari ho iniziato a lavorare in un negozio di windsurf a Torino, poi agente di commercio e nel 2006 è iniziata la mia grande avventura con la redazione di 4Windsurf e poi anche di 4Sup. Sono stato campione italiano Wave di windsurf nel 2013 e 2015, altri ottimi risultati agonistici gli ho ottenuti anche nel freestyle sia in Italia che in Europa. Dal 2017 sono il direttore di una delle scuole più importanti del Lago di Garda, il PierWindsurf. Trasmetto la mia passione con progetti dedicati ai giovani come il Progetto Serenity di Malcesine, e organizzo Wave Clinics nel periodo invernale. Vivo a Torbole sul Garda e respiro l’aria del windsurf 365 giorni all’anno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità