Casper Steinfath al Nautic Sup Paris

0

Domenica 6 dic 2015, Parigi, Francia – Quest’anno ha segnato il 6 ° anniversario del Nautic SUP Paris Crossing e Casper Steinfath è tornato ancora una volta a dominare, piazzandosi al secondo posto assoluto tra un enorme numero di concorrenti sul suo Naish Javelin 12’6 ” X24 carbon. La gara è stata un enorme successo con clima più caldo rispetto agli anni prima e una leggera brezza per una pagaiata piacevole.

IMG_20151206_214010

E ‘incredibile vedere quanto questo evento è cresciuto da quando ha cominciato nel 2010. Il primo evento ha visto 100 paddlers che hanno sfidato il clima invernale e remato dove nessuno aveva remato prima. Ogni anno, da allora, il numero dei partecipanti si è aumentato, fino a diventare la più grande SUP race nel mondo. Naish è orgogliosa di sponsorizzare questo evento altamente ricercato, che fornisce ai paddlers di tutti i livelli l’opportunità unica di correre attraverso il cuore di Parigi, sulla Senna.

IMG_20151208_100544

Paddlers  PRO, come Casper Steinfath, partecipano al Nautic SUP Paris Crossing alla fine della loro stagione agonistica, oltre ai numerosi partecipanti N1SCO del circuito europeo. N1SCO sta per “Naish International SUP Class Organization”, ossia una  Naish ONE-design racing class dove tutti i riders competono esclusivamente con il  gonfiabile ONE 12’6. Inoltre, Naish SUP offre a tutti partecipanti del Nautic Paris Crossing la possibilità di affittare la sempre popolare Naish ONE, che per la gara di quest’anno ha visto oltre 50 tavole in acqua. In base alla classifica generale è stata poi stilata la classifica della N1SCO ranking.

Abbiamo raggiunto Casper Steinfath del Team Naish riders,  che ha partecipato alla manifestazione, per ottenere la sua visione del  SUP-racing. Casper spiega: “E ‘stata un’esperienza davvero speciale essere sulla linea di partenza Domenica mattina alle 8 di mattina accanto ad oltre 500 altri canoisti. Era freddo e buio, ma essere in compagnia di così grandi paddlers provenienti da tutto il mondo ha portato sicuramente un grande e caldo sorriso sul mio volto. E ‘stato uno degli ambienti più belli che abbia mai sperimentato prima, durante e dopo la gara. In memoria dei tragici attentati a Parigi, hanno tenuto un 1 minuto di silenzio prima del briefing gara. In quel momento mi sono sentito veramente parte di una grande famiglia che si prende cura l’uno dell’altro. “

IMG_20151208_100412

La gara è andata molto bene per Casper, che ha tagliato il traguardo in seconda posizione contro molti paddlers internazionali. Il francese Titouan Puyo e Casper si staccati subito dopo l’inizio della 15 km di gara. Casper racconta come lui e Titouan hanno mantenuto il loro vantaggio: “Abbiamo avuto il nostro bel da fare con un forte gruppo alle nostre spalle che ha fatto di tutto per riprenderci. Abbiamo fatto tutto il possibile per tenerli a bada. Abbiamo fatto gioco di squadra cambiando a turno, così abbiamo potuto tenere un ritmo elevato e ancora riposare allo stesso tempo. Come abbiamo passato la Torre Eiffel e visto il traguardo 2 km più avanti ci siamo resi conto che gli inseguitori non potevano più catturarci. Da qui è diventato uno sprint davvero difficile tra Titouan e me, giù il resto della Senna. Ho dato tutto quello che avevo. Siamo andati fianco-fianco colpo per colpo, tutta la strada fino alla fine. Ho spinto più forte che potevo e sentivo il mio corpo sul punto di esplodere, ma purtroppo non ho avuto più energia gli ultimi 100 metri e ho finito per tagliare il traguardo al secondo posto. “

IMG_20151208_100208

Alla fine, il 2015 Nautic SUP Crossing è stato un enorme successo. Congratulazioni a Matthieu Le Vaillant, che al primo posto nella Naish ONE e terzo nella Leisure Class una classe di 370 persone. Complimenti enormi per Casper Steinfath che ha preso il secondo posto nella classe Pro di 90 concorrenti. Dopo l’evento, Casper tra le sue conclusioni: “Mi sono sentito veramente soddisfatto della mia gara e sento che l’allenamento della passata stagione sta davvero cominciando a pagare. Dopo aver ripreso fiato ed essermi guardato attorno, penso a quanto sono fortunato nel vivere la mia passione, qui e ora. Sono super grato per tutte le esperienze speciali e amicizie che il SUP mi ha dato. Non vedo l’ora di vedere cosa c’è in serbo per la prossima stagione e dare tutto me stesso. Grazie Parigi e arrivederci al prossimo anno! “

CasperPool