Pubblicità

Ciao Kiki

di - 22/11/2021

È giunta ieri mattina la tristissima notizia della scomparsa prematura di Kiki Guindani, la storica caporedattrice di Windsurf Italia. Kiki è stata una delle persone più conosciute e rispettate nel nostro ambiente, ha portato avanti e seguito con passione e dedizione la sua rivista per poi passare lo scettro ad altri professionisti per “ritirarsi” e dedicarsi ad altro e alle proprie passioni.
Abbiamo letto tantissimi e bellissimi messaggi e articoli su Kiki pubblicati in rete proposti da tantissimi di noi, in questo momento non abbiamo altro da aggiungere. Abbiamo letto tanti ricordi su di lei che ci hanno fatto fare un piacevole tuffo nel passato.
Non potrò mai dimenticare la prima volta che ho sentito parlare di lei. Probabilmente saranno passati 25 anni… avevo appena iniziato a lavorare nel mondo del windsurf e il mio titolare mi aveva consigliato di contattare Kiki Guindani per proporgli dei miei articoli per farmi conoscere. La avevo chiamata al telefono e penso di aver sentito una delle più belle voci di sempre, così calma, propositiva, solare, professionale. Ne ero rimasto letteralmente folgorato; solo anni dopo la incontrai dal vivo, cosa che purtroppo si è ripetuta raramente negli anni a seguire. Ma sicuramente di quella telefonata non me ne potrò mai dimenticare e anche se non l’ho mai fatto di persona, posso ora solo scrivere: GRAZIE KIKI.

Le nostre più sentite condoglianze a Giacomo, suo figlio ed ai suoi cari.

Ciao a tutti, sono Fabio Calò (ITA-720), ho iniziato a fare windsurf all’età di 13 anni e da quel momento è diventata la mia più grande passione, la mia vita e il mio lavoro. Campione italiano Wave nel 2013 e 2015. Vivo a Torbole sul Garda e respiro l’aria del windsurf 365 giorni all’anno.