Pubblicità
Home Outdoor Video I Classici del Boulder – Mammut presenta ‘Midnight Lightning’
Pubblicità

I Classici del Boulder – Mammut presenta ‘Midnight Lightning’

0

Quest’anno la serie di Mammut sui classici dell’arrampicata continua… dopo aver presentato 6 tiri classici e 3 multipitch, quest’anno è il momento di riscoprire i boulder che hanno fatto la storia!

Il bouldering adesso è un trend-sport ma non è sempre stato così, infatti fino agli anni ’70 non era considerata una disciplina a se stante all’interno della scalata, ed era visto solo come un allenamento per affrontare le grandi pareti.

A differenza dei tiri di arrampicata (con la corda), il boulder consiste in un piccolo numero di movimenti che esigono grande tecnica e forza. Ma non è riducibile tutto a questo: per risolvere i cosiddetti “problemi” ci vogliono creatività e forza mentale.

Nel primo episodio di “Climbing the Classics” non si può che non parlare di un sasso che ha fatto la storia, prima americana, poi mondiale. Parliamo di ‘Midnight Lightning‘ V8 (7B/+) a Yosemite, USA.

Questo blocco è stato aperto da Ron Kauk nel 1978 nel cuore del Camp 4, dove si stava scrivendo appunto la storia dell’arrampicata. E dove si sta ancora scrivendo, se si guarda alla recente impresa di Alex Honnold.

“7 movimenti per l’eternità”: questo sasso di granito porta lo scalatore su piccoli appigli fino alla “lightning hold”, questi poi deve tenere i nervi saldi per affrontare la ribaltata sia tecnica che mentale, per uscire dal blocco.

In questo video ‘Midnight Lightning‘ viene ripetuto da David Sjöquist, giovane membro del Mammut Pro Team America.

Articolo precedenteSUP in notturna sul Lago di Garda
Articolo successivoSurf: ecco i nuovi campioni italiani Juniores FISW
Eva è nata e cresciuta a Roma, dove ha studiato giurisprudenza per capire che è una persona migliore quando non indossa un tailleur. Ha lasciato la grande città per lasciare che il vento le scompigliasse i capelli sulle montagne delle Alpi e presto ha scoperto che la sua passione per l’outdoor e scrivere di questa, poteva diventare un lavoro. Caporedattrice di 4outdoor, collabora con diverse realtà del settore outdoor. Quando ha finito di lavorare, apre la porta della baita in cui vive per sciare, correre, scalare o per andare a fare altre gratificanti attività come tirare il bastone al suo cane, andare a funghi o entrambe le cose insieme.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità