Home Windsurf Eventi Conclusi i mondiali Techno 293 con tanti podi per l’Italia
Pubblicità

Conclusi i mondiali Techno 293 con tanti podi per l’Italia

0

Fantastica conclusione del Mondiale Techno 293 con tanta Italia sui podio di quasi tutte le categorie.

Oro negli under 17 con Alan Pilloni, due ori e due argenti negli under 13 con Mathias Bortolotti, Pierluigi Caproni e Medea Falcioni; bronzo negli under 15 con Anna Polettini e Rocco Sotomayor.

Il Circolo Surf Torbole, che oltre ad aver organizzato l’evento con la disputa del numero massimo di regate in programma, ha realizzato una splendida tripletta con i suoi atleti: oro di Mathias Bortolotti negli under 13, bronzo di Anna Polettini e Rocco Sotomayor negli under 15.

Il Circolo Surf Torbole – durante la premiazione del Mondiale Techno 293 – è stato insignito dall’International Windsurfing Association del “Ceri WIlliams Award”, riconoscimento assegnato a chi dimostri di ricercare l’eccellenza al servizio dello sport del windsurf e dei ragazzi che lo amano.

©MOAN

Ennesima alba sul Garda Trentino per l’ultima giornata del Campionato del Mondo Techno 293, evento organizzato dal Circolo Surf Torbole in collaborazione con la classe Internazionale e la Federazione Italiana Vela, che per 4 mattine sulle 6 in programma ha mandato in acqua i 300 regatantio provenienti da 21 nazi ni la mattina presto per sfruttare tutto il vento possibile, particolarmente forte in questa stagione nella prima parte della giornata. Una scelta che se da una patrte è stata “faticosa” per tutti, ha comunque ripagato con un numero alto di regate, rispettando pienamente il programma. Un mondiale che fino all’ultimo giorno ha lasciato molte posizioni da podio incerte e che per l’Italia ha portato un numero altissimo di medaglie, sette in tutto. Solo nella categoria under 17 femminile l’Italia non ha conquistato la medaglia, ma – fattore sicuramente positivo – tra i più giovani ha dominato.

Il commento di Mauro Cove, tecnico della Federazione Italiana Vela:”Grande mondiale per condizioni trovate e regate disputate con ogni intensità di vento, dal leggero al molto forte. Ottima organizzazione che ha lasciato tutti contenti. Pilloni ha dominato il campionato mostrando una solidità che neanche la rottura del boma in una prova ha potuto scalfire. Una consistenza che è molto rara in ragazzi della sua età. Molto bravi anche Graciotti e Forani, ma anche Colasanti e Medde fra le ragazze, che hanno sfiorato il podio: segno che il futuro passaggio sul foil potrà avere continuità per il windsurf italiano. I podi U13 e U15 dimostrano un lavoro continuo e molto professionale dei coach dei circoli italiani. Dario Pasta, l’allenatore del Circolo Surf Torbole, con uno storico di tre atleti sui podi internazionali, diventa uno dei più vincenti allenatori italiani nel windsurf giovanile”.

©MOAN

Under 13
Quello dei più piccoli è stato il podio più combattuto, che fino all’ultima prova vedeva i due avversari di sempre, Mathias Bortolotti del Circolo Surf Torbole e Pierluigi Caproni, a soli 1,3 punti uno dall’altro. Dopo le due prove della mattina infatti hanno dovuto aspettare il vento da sud del pomeriggio per concludere un Campionato davvero appassionante. L’atleta del Circolo Surf Torbole Bortolotti è riuscito a mantenere la concentrazione e sebbene secondo alle spalle di Caproni nell’ultima prova, si è aggiudicato il titolo con 0,7 punti di vantaggio da un bravissimo Caproni, già Campione europeo 2021. terzo under 13 il turco Mercanogru. ma un’altra grande soddisfazione arriva in campo femminile con l’anconetana Medea Falcioni prima e sesta assoluta: un oro che ha dimostrato la grinta di Medea, che si è presa la soddisfazione di vincere in assoluto una prova con vento forte. Due estoni al secondo e terzo posto.

Under 15
Sia nella categoria maschile che femminile netta vittoria rispettivamente dell’israeliano Itamar Levi, che della polacca Maria Rudowicz. Tra i maschi secondo posto del russo Nesterenko e terzo dell’atleta del Circolo Surf Torbole Rocco Sotomayor, che ha combattuto fino all’ultima pompata con il polacco Guzlecki e il turco Artun Senol. Tra le ragazze podio con un certo distacco da una posizione del podio e l’altra: alle spalle della vincitrice polacca la spagnola Azul Sanchez Vallejo e terza l’altra atleta del Circolo Surf Torbole Anna Polettini, ottima terza nell’ultima prova del Campionato, che le ha permesso di consolidare il bronzo. Ottimo quarto della sarda Teresa Medde.

Under 17
Alan Pilloni negli ultimi due giorni ha dato a zampata finale al titolo, stravinto con 25 punti di vantaggio sul greco Kalpogiannakis. terzo il britannico Shaw, che è riuscito a tenere alle sue spalle l’italiano Graciotti, non brillante nelle ultime due prove (9-8). Nella top ten anche Francesco Forani, ottimo sesto assoluto.
La categoria femminile under 17 è l’unica in cui l’Italia non è riuscita a conquistare una posizione del podio: doppietta ceka con Nela Sadilkova e Kristyna Chalupnikova e terzo posto della spagnola Bàrbara WInau Ordinas. Nella top ten le italiane Carola Colasanto e Angelina Medde, rispettivamente sesta e settima.

Durante la premiazione grande emozione per il riconoscimento assegnato dall’International Windsurfing Association in ricordo del suo fondatore Ceri WIlliams al Circolo Surf Torbole: motivazione del premio sono i valori perseguiti dal Circolo Surf Torbole, in special modo nel 2020 e nel 2021, stagioni in cui le attività sportive, educative e didattiche hanno mantenuto standard di eccellenza, malgrado le enormi difficoltà incontrate nella pandemia e nonostante eventi atmosferici che avrebbero portato alla chiusura del club (in riferimento alla tempesta di quest’estate che ha abbattuto sulle rastrelliere del circolo, tre cipressi secolari durante la Coppa Italia Techno 293.

©MOAN

classifiche: https://worlds2021.techno293.org/results (cliccare nel menù in alto “RESULTS”)

Articolo precedenteGarmin corre con Chau Smith 7 maratone in 7 giorni
Articolo successivoGood Call, viaggio nel Western Australia con il team Billabong
Ciao a tutti, sono Fabio Calò (ITA-720), ho iniziato a fare windsurf all’età di 13 anni e da quel momento è diventata la mia più grande passione, la mia vita. Finiti gli studi universitari ho iniziato a lavorare in un negozio di windsurf a Torino, poi agente di commercio e nel 2006 è iniziata la mia grande avventura con la redazione di 4Windsurf e poi anche di 4Sup. Sono stato campione italiano Wave di windsurf nel 2013 e 2015, altri ottimi risultati agonistici gli ho ottenuti anche nel freestyle sia in Italia che in Europa. Dal 2017 sono il direttore di una delle scuole più importanti del Lago di Garda, il PierWindsurf. Trasmetto la mia passione con progetti dedicati ai giovani come il Progetto Serenity di Malcesine, e organizzo Wave Clinics nel periodo invernale. Vivo a Torbole sul Garda e respiro l’aria del windsurf 365 giorni all’anno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità