Pubblicità
Home Outdoor Itinerari Dolomiti, Tre Cime è dire poco. Capitolo 2
Pubblicità

Dolomiti, Tre Cime è dire poco. Capitolo 2

1

SECONDO TREKKING

Il secondo giorno puntiamo al cuore del comprensorio Dolomiti Tre Cime, con il furgone da Dobbiaco ci inoltriamo nella valle di Landro, risalendo al lago di Misurina verso il parcheggio delle Tre Cime 2.320 m.

La giornata a dispetto delle previsioni è soleggiata e da dove siamo possiamo vedere il meraviglioso panorama che abbraccia le cime sopra Cortina D’Ampezzo.

 

Ci incamminiamo di buon passo puntando ad ovest, aggireremo le Tre Cime in senso orario. Oggi a farci da guida è Elisabeth Egarter, Maestra di sci e Accompagnatrice di Sesto, una ragazza piena di energia espertissima di questi luoghi.

I panorami sono meravigliosi e il sentiero consente di ammirare le Tre Cime da tutte le angolazioni, accentuando di volta in volta gli strapiombi, i tetti, le cenge e la conformazione rocciosa stratificata che disegna una texture superficiale fatta di enormi cubi.

 

Il trekking si snoda facile fra piccoli dislivelli e quasi al rifugio incrocia le postazioni dei soldati risalenti alla grande guerra, qui Austriaci ed Italiani se le davano di santa ragione, bivaccando estate ed inverno nelle trincee o in piccoli anfratti di roccia.

Arriviamo al Rifugio Locatelli 2.405 m per l’ora di pranzo. E’ affollatissimo, d’altronde parcheggiando dove abbiamo parcheggiato noi (oppure arrivandoci col bus) e aggirando le Tre Cime da Est, è davvero un trekking facile e veloce.

 

 

La terrazza del rifugio è il view point perfetto da cui scattare foto verso le Tre Cime, da qui chiunque può fare la classica cartolina. il Locatelli però è l’ideale punto di partenza anche per il Sasso di Sesto 2.617 m, raggiungibile in meno di un’ora a piedi, oppure per la ferrata che si snoda sul Monte Paterno 2.744 m, in parte all’interno delle gallerie scavate dagli alpini durante la guerra (se vi capiterà di farla, ricordatevi di portare una Pila Frontale, le gallerie sono davvero buie).

Dopo pranzo rientriamo percorrendo il sentiero che raggiunge le Tre Cime da Est, fino al Rifugio Auronzo e al parcheggio contiguo.

 

Vai al Capitolo 1

 

Guarda la mappa del Trekking o scaricale da Movescount

Vai al Capitolo 3

Torna al Capitolo 1

 

Info Utili – Giorno 2 

Km percorsi trekking: circa 10

Punto di partenza e di arrivo trekking: Parcheggio Rif. Auronzo

Altitudine partenza e arrivo trekking: 2.320 – 2.405 m

 

Dove abbiamo pranzato:

Rifugio Locatelli

 

Dove abbiamo cenato  a San Candido:

Ristorante Wiesthaler – San Candido

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui