Home Outdoor News Eco-terapia: la natura è medicina
Pubblicità

Eco-terapia: la natura è medicina

0

Qualche tempo fa le ragazze di 4actiongirl hanno portato sotto i riflettori un argomento molto caro agli amanti dell’outdoor. Foresta-Terapia, Bagno nella Natura o Eco-Terapia, stiamo comunque parlando del medicinale più naturale presente al mondo: il contatto con la natura.

Entrando nel dettaglio, in questo articolo utilizzeremo il termine eco-terapia, il quale è stato utilizzato per la prima volta nel 1996 da Howard Clinebell nel suo libro intitolato Ecotherapy con riferimento ai poteri rigenerativi della natura, capace di migliorare l’umore, e alleviare l’ansia, lo stress e la depressione. L’ecoterapia è oggi impiegata anche come cura per trattare altri disturbi della salute come l’obesità, l’ipertensione e il diabete.

oresta

Si sa che l’esposizione ai raggi del sole favorisce la produzione della vitamina D, aiutando ad alleviare la depressione. Ma questo è soltanto uno dei benefici offerti dal contatto diretto con Madre Natura. Secondo uno studio del 2007 condotto dall’Università dell’Essex, nel Regno Unito, fare attività fisica in campagna riduce la depressione in circa il 70% dei casi. I ricercatori hanno scoperto che anche solo cinque minuti immersi in un ambiente naturale, facendo per esempio una semplice camminata a piedi oppure del giardinaggio nel cortile di casa, migliora l’umore, l’autostima e la motivazione, e aiuta a gestire la rabbia e lo stress.

Inoltre, nel 2010 sono state condotte diverse ricerche in Giappone relative al metodo shinrin-yoku (espressione traducibile in “trarre beneficio dell’atmosfera della foresta” oppure in “bagno nella foresta”), e i ricercatori hanno scoperto che i vari elementi dell’ambiente boschivo quali l’odore del legno, il suono prodotto dal flusso dell’ acqua che scorre e, più in generale, il paesaggio donano una sensazione di rilassamento e riducono lo stress.

Nei partecipanti allo studio si è verificato un abbassamento dei livelli di cortisolo , una riduzione della frequenza cardiaca e una diminuzione della pressione sanguigna. Questi miglioramenti sono con ogni probabilità dovuti ai fitoncidi, ovvero gli oli essenziali presenti nel tronco delle piante, che rilasciano tali sostanze per difendersi dall’attacco di parassiti e insetti, e per preservarsi dal marciume.

È quindi possibile godere dei benefici degli alberi semplicemente facendo una bella camminata nei boschi e respirando profondamente l’aria naturalmente ricca di sostanze immunostimolanti. Per scoprire qualche informazioni in più cliccare su www.piuvivi.com