Pubblicità
Home Windsurf Eventi Eurocup, Trofeo Neirotti ed Italian Slalom Tour a Torbole sul Garda
Pubblicità

Eurocup, Trofeo Neirotti ed Italian Slalom Tour a Torbole sul Garda

0

Eurocup, Trofeo Neirotti ed Italian Slalom Tour a Torbole sul Garda dal 23.04 al 26.04. 2015.

L’evento iniziale della stagione Windsurfing Euro-Cup 2015 è appena terminato. 48 concorrenti provenienti da 12 nazioni diverse hanno partecipato al Garda Trentino Euro-Cup a Torbole presso il Circolo Surf Torbole. Su tre dei quattro giorni di regata è stato possibile eseguire le gare portando a termine 5 tabelloni e quindi con la possibilità dei due scarti. Il Circolo Surf Torbole sul Lago di Garda si è rivelato ancora una volta essere un luogo ideale per questo tipo di grandi eventi. Sebastian Kordel (GER-220) è il vincitore del primo evento Windsurfing Euro-Cup della stagione 2015, con Vincent Langer (GER-1) e Bruno Martini (ITA-160) in seconda e terza posizione. Max Loncrini, del team Starboard, ci aggiorna sulla gara.

11160043_10152716351617397_3130992852057261458_o

Si è appena terminato un lungo weekend di regate a Torbole dove il vento non è per niente mancato e dove si sono riusciti a portare a termine 5 tabelloni slalom per questo primo appuntamento agonistico della stagione, molti i nomi di fama internazionale che hanno partecipato a questo evento.

Day 1
Il vento da sud entra subito nelle prime ore del mattino, si intuisce subito che sarà una giornata intensa di regate, chiuse le iscrizioni si fissa la prima possibile partenza per le 13:00, molti riders sono indecisi su che attrezzatura montare perché sotto il Ponale, dove verrà posizionato il campo di regata il vento raggiunge raffiche di 25 nodi, la maggior parte dei regatanti entra in acqua con la 7,9 e la tavola media. Il vento è nucleare tanto che le raffiche raggiungono punte oltre i 30 nodi, ho deciso di usare la mia 7,2, vela che solitamente utilizzo solo con il vento da nord al mattino. Si concludono i primi due tabelloni, in testa abbiamo Bruno Martini, quest’anno da subito in grandissima forma che con un 3° ed un primo posto riesce a raggiungere il vertice della classifica lasciandosi dietro l’olandese Daldorf Ingmar e il tedesco Vicent Langer.

11169706_10152715725432397_2224211940623441085_o

Day 2
Anche il secondo giorno di gara è molto intenso, la classica Ora entra ancora una volta decisa ma meno intensa del primo giorno, il vento soffia dai 15 ai 20 nodi, molti regatanti sono molto stanchi dal giorno prima, ma la lotta per i primi 5 posti della classifica è molto accesa, da notare molti riders che partecipano regolarmente al Pwa quali  Andrea Cucchi, Andrea Rosati, Bora Kozanoglu, Sebastian Koerdel, Andrea Ferin e tanti altri, è stato molto stimolante competere contro molti professionisti soprattutto per i più giovani. In testa alla fine del secondo giorno dopo 4 tabelloni ed uno scarto abbiamo Vincent Langer, in seconda posizione Daldorf Ingmar e a seguire Sebastian KoErdel, Bruno Martini  scivola in 5 posizione ma sempre primo degli italiani.

 11187408_10152716348447397_2107866409480862764_o

Day 3
Il terzo giorno il vento si fa attendere, comunque nella bellissima struttura del Circolo Surf Torbole non ci si annoia mai, alle 16:00 quando ormai le speranze sono perse entra una leggera brezza e il comitato di regata senza esitare entra in acqua, riusciamo a concludere un 5° tabellone e davanti abbiamo Sebastian Koerdel, in seconda posizione Vincent Langer ed in terza Bruno Martini.
Dopo aver fatto 5 tabelloni c’è la possibilità di scartare le due prove peggiori.

11194582_10152716463262397_5736517329814418194_o

Day 4
Per l’ultimo giorno di regata le previsioni non sono delle migliori, ma come abbiamo visto, al Garda tutto può succedere, si può regatare con una leggera brezza di 11 e 12 nodi fino ad arrivare ad un vento oltre i 30 come nel primo giorno di gara, entriamo in acqua verso le 12:00 anche se con un tempo incerto, visto la pioggia prevista. Si riescono a fare la prima e la seconda heat, ma poi tutto viene annullato per mancanza di vento. La prima Euro Cup della stagione è stata vinta da Sebastian Koerdel seguito da Vincent Langer e Bruno Martini che a soli 21 anni riesce a farsi un notevole spazio fra i Big Internazionali.
Per quanto riguarda il Trofeo Neirotti ed Italian Slalom tour vince Bruno Martini, in seconda posizione Andrea Rosati ed in terza Marco Begalli.

11187408_10152718046877397_7132692771237954903_o

Personalmente è stato molto bello potersi confrontare con dei big internazionali e soprattutto con degli amici, molti dei quali incontrati a Tenerife per l’allenamento invernale; penso che ognuno di noi in questi 4 giorni di regata abbia fatto un pensiero ad Alberto Menegatti, la sua mancanza si è fatta sentire ma quando il primo giorno di regata c’è stato un vento nucleare… sicuramente ce lo ha mandato lui.

ITA4LEGENDSNEVERDIE.

CLASSIFICA FINALE ITALIAN copia FINAL RESULTS EUROCUP SLA copia

TESTO Max Loncrini
FOTO Moan/CST

 

PRESS RELEASE AICW

Bruno Martini vince il XX trofeo Neirotti e la prima tappa dell’Italian Slalom Tour 2015. Terzo in Eurocup.

Bruno Martini ITA-160 RRD si aggiudica la ventesima edizione del trofeo Neirotti, svoltasi nel weekend a Torbole, sul Lago di Garda. Martini, che gareggia proprio per il Circolo Surf Torbole e conosce bene il lago, si è aggiudicato anche la prima tappa dell’Italian Slalom Tour 2015 davanti ad Andrea Rosati ITA-0 e Marco Begalli ITA-415. Per quest’ultima, primo Under 17 è giunto Francesco Scagliola ITA 353, primo Under 20 Gianmarco Meschini ITA 910, Rosati primo dei Master, Begalli primo GranMaster. Organizzato dal Circolo Surf Torbole insieme a Vela Garda Trentino e Associazione Italiana Classi Windsurf, il trofeo Neirotti di quest’anno era valido anche come come prima tappa Euro-Cup 2015, il campionato europeo di slalom IFCA, ed è stata vinta dal tedesco Sebastien Koerdel, davanti al connazionale Vincent Langer e Bruno Martini. Ottimi i piazzamenti di Rosati, giunto sesto, e Begalli, nono. Sono stati 49 gli iscritti proventieni dai vari paesi europei per un weekend ricco di soddisfazioni in termini di puro spettacolo agonistico, grazie alle condizioni meteo che ha regalato giornate di vento molto sostenuto, con punto ben oltre i 20 nodi, con gli atleti che volavano sulla superficie del lago. Cinque alla fine i tabelloni completati in quattro giorni di regate, si è cominciato giovedì 23 fino a domenica 26 aprile, due dei quali vinti dagli italiani Martini e Andrea Cucchi. Nell’albo d’oro del Neirotti Bruno Martini succede ad Andrea Ferin.

Per me é stata una gara molto importante – spiega Bruno Martini – perchè era la prima gara di stagione dopo che ho trascorso piu di due mesi a Tenerife, per di più nel mio lago. Dopo di che, sappiamo tutti cosa è successo alla Canarie questo inverno (riferendosi alla scomparsa dell’amico Alberto Menegatti, ndr), per questo motivo avevo un po di rabbia dentro per un grande amico che mi ha dato tanto, quindi ci tenevo a difendere il nome del lago e del circolo e in qualche modo fare le sue “veci”. Il primo gioro di gara è stato impressionante, un vento che arrivava a soffiare a 30 nodi, e sinceramente con il vento forte mi sento molto più rilassato ed a mio agio. La mia prestazione è stata buona, non impeccabile ma buona mi sentivo sicuro e veloce ed ho cercato di scaricare tutta la tensione e gli allenamenti accumolati durante l’invernoIl secondo giorno il vento era ancora forte ma instabile, rafficato, rendendo difficile la scelta dell’attrezzatuta visto la distanza del campo di regata dal Circolo, ho buttato via molte energie e ho perso 4 posizioni, ero stanco e un po demotivato. Il terzo giorno il vento sembra un pò uggioso ma alla fine entra costante e riusciamo a fare un tabellone: la partenza della finale vincenti viene ripetuta due volte, la tensione è alta, ma alla fine riesco a partire bene in barca e a scendere bene, battaglio un pò per la seconda posizione con Vincent Langer ma alla fine avendo lui l’interno boa mi vedo costretto a lasciarlo andare e cosi concludo in terza posizione. Giorno 4 non c’è vento, entriamo in acqua per provare ma cala completamente dopo nemmeno un ora, quindi si concludo così 2 terzi posti e un primo, soddisfatto aspettiamo la prossima a Sylt (seconda tappa di Euro-Cup 2015, ndr) dove si può fare meglio”.

 

Articolo precedenteQuando il Giro d’Italia può trarre vantaggio dalla granfondo
Articolo successivoPunta Ala apre le European Enduro Series
Ciao a tutti, sono Fabio Calò (ITA-720), ho iniziato a fare windsurf all’età di 13 anni e da quel momento è diventata la mia più grande passione, la mia vita. Finiti gli studi universitari ho iniziato a lavorare in un negozio di windsurf a Torino, poi agente di commercio e nel 2006 è iniziata la mia grande avventura con la redazione di 4Windsurf e poi anche di 4Sup. Sono stato campione italiano Wave di windsurf nel 2013 e 2015, altri ottimi risultati agonistici gli ho ottenuti anche nel freestyle sia in Italia che in Europa. Dal 2017 sono il direttore di una delle scuole più importanti del Lago di Garda, il PierWindsurf. Trasmetto la mia passione con progetti dedicati ai giovani come il Progetto Serenity di Malcesine, e organizzo Wave Clinics nel periodo invernale. Vivo a Torbole sul Garda e respiro l’aria del windsurf 365 giorni all’anno.
Pubblicità