Pubblicità
Home Outdoor Running Europei di cross, azzurri in cerca di gloria
Pubblicità

Europei di cross, azzurri in cerca di gloria

0

Ultimo grande evento della stagione internazionale, gli Europei di cross a Chia riportano la rassegna continentale in Italia per la terza volta. Una rassegna che non da tutti è apprezzata: chi da una parte la ritiene l’unica vetrina internazionale accessibile ai continentali altrimenti schiacciati dalla superiorità africana, chi invece un ostacolo alla preparazione della nuova stagione e un’incrinatura nel movimento del cross che non ha più nei Mondiali biennali il suo fulcro, almeno per i corridori europei che infatti spesso disertano la rassegna iridata.

La nazionale italiana si presenta in Sardegna con una squadra completa per le tre categorie, sulla carta con ambizioni limitate ma con due buone carte nella propria mano, costituite dal fatto che si gioca in casa e che se sul piano individuale sarà difficile portare a casa qualcosa, proprio questo fattore può costituire una base tattica per costruire qualcosa di buono a livello di squadra, soprattutto nelle prove maschili. Certamente la defezione dell’ultim’ora di Veronica Inglese, punta azzurra che proprio pensando a Chia aveva lavorato duro per tre settimane in Eritrea ma che è stata messa fuori gioco da una banale influenza, incrina sotto il profilo qualitativo ma soprattutto morale le possibilità dell’Italia, ma c’è spazio per far bene.

La punta azzurra è senza dubbio Yemane Crippa, reduce da due vittorie consecutive fra gli junior. Questa volta però Yemane esordisce fra gli Under 23 con tutte le incognite del caso in una categoria che ha negli spagnoli e in particolare in Carlos Mayo il riferimento assoluto, con il belga Isaac Kimeli di chiare origini kenyane pronto a far saltare il banco. Molto interessante e incerta la prova junior, dove Yohanes Chiappinelli cerca spazio in una gara dove desta curiosità la rappresentativa israeliana infarcita di atleti etiopi. Fra gli Elite la Turchia parte nettamente favorita anche senza il campione uscente Ali Kaya, l’Italia con La Rosa e Rachik può fare molto bene soprattutto con la squadra.

Allenamenti azzurri a Chia sotto la guida di Stefano Baldini (foto FB)

Passiamo alle donne: la gara principale, quella Elite, ha il suo faro nella turca Yasemin Can, campionessa europea sui 10000 e sfidata nell’occasione da atlete che si sono messe in luce nelle classiche d’inizio stagione, come la spagnola Trihas Gebre e l’ex campionessa europea,l’irlandese Fionnuala Britton-McCormack,ma attenzione anche all’indomabile campionessa uscente, la britannica Gemma Steel e all’esordio fra le assolute della belga Louise Carton. Nelle altre prove attenzione alla tedesca Konstanze Klosterhalfen, junior della quale si dice un gran bene. Le gare sono tutte previste domenica con inizio alle 10:15  diretta su Rai Sport.