Pubblicità
Home Running Video Garmin corre con Chau Smith 7 maratone in 7 giorni
Pubblicità

Garmin corre con Chau Smith 7 maratone in 7 giorni

0

Chau Smith, una donna incredibile, anzi, una runner incredibile che Garmin ha accompagnato per 7 giorni, correndo insieme a lei ben 7 maratone, ma vediamo un po’ com’è andata esattamente e conosciamo meglio questa grandissima performer.

Chau Smith corre più veloce dei suoi anni già da tempo. Oggi ha 74 anni ma quello che sorprende ancora di più è che non assume farmaci, non segue una dieta speciale e, se volesse, potrebbe correre per 80 km al giorno. Iniziamo a conoscere questa donna senza tempo, amante dello sport e dell’avventura che ha corso 7 maratone in 7 continenti in 7 giorni.

Alcuni dicono che l’età sia solo un numero. Sei d’accordo e, in tal caso, quanto ti senti “giovane”?

Non ho mai dato molta importanza alla mia età. Mio padre è stato giustiziato dai francesi nel 1947, costringendo mia madre a nascondersi, e io sono nata senza un certificato. La mia nascita non è stata nemmeno registrata legalmente fino a tre anni dopo, quando mia madre si è sentita abbastanza sicura per farlo. Devo sorridere quando la gente mi chiede la mia età perché spesso pensa che ne abbia una cinquantina. L’unico effetto che la mia età ha avuto sulla corsa è che ogni anno sono un po’ più lenta.

Hai iniziato a correre quando avevi circa 40 anni. Che cosa ti ha spinto a iniziare?

Mio marito, Michael, era già un maratoneta quando ci siamo sposati nel 1983. Durante le sue corse di allenamento lo seguivo in bici. Nel 1993, i miei quattro fratelli e le loro famiglie (25 persone in totale) hanno iniziato ad arrivare negli Stati Uniti, dopo una lunga procedura di ricongiungimento familiare. Lo stress emotivo e finanziario di trovare loro una sistemazione mi ha pesato molto. L’avvio della mia attività è stato un ulteriore fattore di stress. Ho sviluppato problemi alla schiena e al collo. Stavo per sottopormi a un intervento chirurgico alla schiena quando ho abbandonato la bici e ho iniziato a correre con mio marito. Il dolore è scomparso e all’improvviso mi sono sentita bene. La corsa è diventata la mia panacea.

Quali sono state le sfide più impegnative quando hai iniziato a correre e come le hai superate?

Come molti altri runner, trovare ogni giorno il tempo per allenarmi, dovendo lavorare per vivere e, nel mio caso, gestire quattro famiglie di immigrati, è stata una delle mie sfide più impegnative. Durante il giorno, aiutavo i fratelli a trovare un lavoro, promettendo di fare da interprete se un datore di lavoro li avesse assunti. Ho iscritto i miei nipoti a scuola e di notte li aiutavo a fare i compiti. Di conseguenza, mi allenavo alle 4:00 di mattina o dopo le 21:00.

Se vuoi leggere il resto dell’intervista…VAI QUI!

 

 

 

 

 

Articolo precedenteLIMONE SKYRUNNING EXTREME 2021 a Maguet e Dragomir
Articolo successivoConclusi i mondiali Techno 293 con tanti podi per l’Italia
Daniele Milano nasce una buona cinquantina di anni fa in Valle d’Aosta. Cresciuto con la montagna dentro, ha sempre vissuto la propria regione da sportivo. Lo sci alpino è stato lo sport giovanile a cui ha affiancato da adolescente l’atletica leggera. Nei primi anni 90 la passione per lo snowboard lo ha letteralmente travolto, sia come praticante che come giornalista. Coordinatore editoriale della rivista Snowboarder magazine e collaboratore per diverse testate sportive di settore ha poi seguito la direzione editoriale della testata Onboard magazine, affiancando sin dal lontano 2003 la gestione dell’Indianprk snowpark di Breuil- Cervinia. Oggi Daniele è maestro di snowboard e di telemark e dal 2015 segue 4running magazine, di cui è l’attuale direttore editoriale e responsabile per il canale web running. Corre da sempre, prima sul campo di atletica leggera vicino casa e poi tra prati e boschi della Valle d’Aosta. Dal 2005 vive un po’ a Milano con la propria famiglia, mentre in inverno si divide tra la piccola metropoli lombarda e Cervinia. “La corsa è il mio benessere interiore per stare meglio con gli altri”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui