Home Running Eventi GARMIN TRIO SIRMIONE, tra storia e sport.

GARMIN TRIO SIRMIONE, tra storia e sport.

0

IMG_5225

Una grande emozione: solo in questo modo posso descrivere la partecipazione alla mia prima distanza olimpica al Garmin Trio Sirmione, andato in scena il 25 giugno

Schermata 2016-07-06 a 10.01.21Schermata 2016-07-06 a 09.58.54

La piccola penisola, famosa per un turismo estivo decisamente slow, è stata letteralmente presa d’assalto da più di 900 triatleti provenienti da tutta Europa.

DSC_4657

 

L’ambiente è stato di quelli veri, fatto soprattutto di ragazzi come me che hanno trovato nella triplice disciplina non solo uno sport, ma una vera e propria ragione di vita.

DSC_4658

 

 

Il caldo afoso, con cielo coperto, ci ha tenuto compagnia con tenacia fino alla seconda parte di gara. Lasciata la bicicletta in zona cambio due, la famigerata T2, siamo stati costretti a percorrere gli ultimi 10 chilometri della frazione podistica sotto ad un forte temporale, che ha lasciato indenni solamente i primi arrivati della categoria maschile. Ma, come dice il mio preparatore: “Mollare mai!”.

Schermata 2016-07-06 a 09.58.28

La gara

Dopo aver fatto l’ultimo controllo alle zone cambio, verifico che tutto sia a posto ancora una volta, ma è più una routine scaramantica che altro. La frazione di nuoto parte dalla Spiaggia del Prete, all’interno delle mura del Castello Scaligero, una vera figata. Il percorso è un rettangolo che mi fa nuotare fin sotto al ponte levatoio del castello. Sono un guerriero!

s082

Esco dal lago che sto ancora nuotando, faccio un respiro lungo una vita e cerco di ritrovare gli appoggi giusti per non andare giù come un piombo. Magicamente riacquisto l’equilibrio verticale perso nella frazione di nuoto, guardo avanti… le prime bici, cerco il numero dietro la sella e via a pedalare.

Schermata 2016-07-06 a 09.59.49

La bici mi ha provato non poco, e purtroppo dopo il secondo chilometro pago probabilmente lo scotto dell’ultima parte fatta con un rapporto troppo duro. Le gambe non ne vogliono sapere, il circuito verso il centro storico deve essere fatto due volte, e dopo il primo giro un po’ di gente comincia a passarmi. Sto andando davvero troppo piano. Poi la luce, forse l’ennesimo gel o l’acqua in testa, ma calcolato che mancano ancora circa 5 km… rinasco!

Schermata 2016-07-06 a 09.59.40

L’arrivo è sul piazzale del Porto, davanti al Castello Scaligero, che rende ancora più suggestivo il momento in cui taglio la finish line. Ho un sorriso a 32 denti che conosco solo io, di quelli che partono da dentro e ti fanno sentire per pochi istanti un eroe.

Schermata 2016-07-06 a 09.58.16

Articolo precedenteJP SUPER SPORT 2017, LA PRESENTAZIONE DI WERNER GNIGLER
Articolo successivoVideo: Campionati Italiani DH 2016, Abetone
Daniele Milano nasce una buona cinquantina di anni fa in Valle d’Aosta. Cresciuto con la montagna dentro, ha sempre vissuto la propria regione da sportivo. Lo sci alpino è stato lo sport giovanile a cui ha affiancato da adolescente l’atletica leggera. Nei primi anni 90 la passione per lo snowboard lo ha letteralmente travolto, sia come praticante che come giornalista. Coordinatore editoriale della rivista Snowboarder magazine e collaboratore per diverse testate sportive di settore ha poi seguito la direzione editoriale della testata Onboard magazine, affiancando sin dal lontano 2003 la gestione dell’Indianprk snowpark di Breuil- Cervinia. Oggi Daniele è maestro di snowboard e di telemark e dal 2015 segue 4running magazine, di cui è l’attuale direttore editoriale e responsabile per il canale web running. Corre da sempre, prima sul campo di atletica leggera vicino casa e poi tra prati e boschi della Valle d’Aosta. Dal 2005 vive un po’ a Milano con la propria famiglia, mentre in inverno si divide tra la piccola metropoli lombarda e Cervinia. “La corsa è il mio benessere interiore per stare meglio con gli altri”