Giovini campione italiano Formula Wndsurfing 2020

0

Nelle acque di Torre Annunziata Alessandro Giovini ITA-196, dell’Adriatico Wind Club di Porto Corsini, si è aggiudicato, al termine di tre giorni di gare, il titolo di nuovo campione italiano 2020 di Formula Windsurfing e contestualmente vince anche la terza ed ultima tappa di Coppa Italia di Formula Fin & Open Foil 2020, in quanto la classifica era valevole per entrambe le manifestazioni. Classifica che ha visto salire sul podio, al secondo posto, Dario Mocchi ITA-8080 della Lega Navale di Varese, che per un soffio non è riuscito nell’impresa di scavalcare Giovini, di cui diremo più avanti, mentre sul gradino più basso è salito Francesco Leoni ITA-378, stesso circolo di appartenenza del vincitore. Primo under 20 Michele Laurenza ITA-9114 del Centro Velico Vindicio, primo dei master Carlo Lignola ITA-98 del Canottieri Napoli, mentre Giovini si aggiudica anche la classifica gran master, e infine primo veteran Luciano Treggiari ITA-5 del Club Velico Ecoresort Le Sirenze. Giovini succede nell’albo d’oro della specialità a Christopher Frank.

I primi due giorni di gare di venerdì e sabato sono stati caratterizzati da un vento molto leggero, ai limiti, con due prove nel primo giorno e tre nel secondo, dove Giovini è riuscito, grazie alla sua esperienza, a conquistare la vetta della classifica e diversi atleti sono stati in difficoltà nel portare a termine le prove. Al termine del primo giorno la classifica era Giovini, Laurenza e Leoni, mentre al termine del secondo giorno, secondo e terzo posto si invertivano. Il terzo giorno, con vento medio forte e onda formata, pur con qualche buco, tra i 12 e i 20 nodi, ha rimescolato un po’ le carte, con prove difficili dove c’è stata molta tattica: Mocchi ha vinto tutte e tre le prove disputate mentre Giovini si difendeva, ma non sono bastate per un soffio all’atleta lombardo per scavalcarlo in classifica. Ottima l’organizzazione del Circolo ospitante, il Circolo Nautico Arcobaleno a.s.d. Torre Annunziata, che ha dovuto fare tutto in poco più di dieci giorni, per recuperare il Campionato che inizialmente doveva svolgersi a Formia, ma poi annullato per Covid. Questo era probabilmente l’ultima opportunità perché si potesse svolgere la gara, con la consueta passione degli atleti ed organizzatori unita alla grande responsabilità dimostrata da tutti, in questi complicati frangenti per ogni manifestazione sportiva.

ufficio stampa AICW Leonardo Colapietro

Articolo precedente“Nel cuore delle storie” con la 9a edizione del Blogger Contest
Articolo successivo“Woanders”, Leon Jamaer nel Mare del Nord
Ciao a tutti, sono Fabio Calò (ITA-720), ho iniziato a fare windsurf all’età di 13 anni e da quel momento è diventata la mia più grande passione, la mia vita. Finiti gli studi universitari ho iniziato a lavorare in un negozio di windsurf a Torino, poi agente di commercio e nel 2006 è iniziata la mia grande avventura con la redazione di 4Windsurf e poi anche di 4Sup. Sono stato campione italiano Wave di windsurf nel 2013 e 2015, altri ottimi risultati agonistici gli ho ottenuti anche nel freestyle sia in Italia che in Europa. Dal 2017 sono il direttore di una delle scuole più importanti del Lago di Garda, il PierWindsurf. Trasmetto la mia passione con progetti dedicati ai giovani come il Progetto Serenity di Malcesine, e organizzo Wave Clinics nel periodo invernale. Vivo a Torbole sul Garda e respiro l’aria del windsurf 365 giorni all’anno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui