Home Running Eventi Gli azzurri ad Abu Dhabi: pronti per la prima tappa WTS

Gli azzurri ad Abu Dhabi: pronti per la prima tappa WTS

0

Direttamente dal sito della Federazione Italiana Triathlon ecco il gruppo dei nostri azzurri ad Abu Dhabi, pronti per iniziare la stagione agonistica 2016, importantissima e cruciale, essendo anno olimpico.

Convocati e scelti dal DT Mario Miglio: Alessandro Fabian (C.S.Carabinieri), Davide Uccellari (G.S.Fiamme Azzurre), Andrea Secchiero (G.S.Fiamme Oro), Delian Stateff (G.S. Fiamme Azzurre), Annamaria Mazzetti (G.S.Fiamme Oro), Alice Betto (G.S.Fiamme Oro), Charlotte Bonin (G.S.Fiamme Azzurre).

Foto_Gruppo_azzurro_in_Wts_1_tappa

Dal sito della Federazione, alcune info su questa tappa così importante, al via il 5 marzo:

“Le start list di Abu Dhabi indicano presenze ‘stellari’: il fuoriclasse spagnolo, Mario Mola, che lo scorso anno ad Abu Dhabi vinse nel percorso su distanza sprint, realizzando il più veloce tempo di corsa sui 5km, record poi migliorato dallo stesso Mola in un’altra successiva prova mondiale. Vincitore della Grand Final a Chicago ed argento mondiale alle spalle di Gomez, Mola si presenta tra i favoriti del circuito mondiale ed a Rio. Insieme a lui, la ‘scuola’ spagnola schiera Fernando Alarza , altra ‘punta’ per questa forte nazione: lo scorso anno fu per otto volte nella top ten.
Tra i migliori atleti gara, anche il sudafricano fortissimo corridore Richard Murray 4° assoluto nella WTS 2015 e 2° sul podio proprio ad Abu Dhabi. Tra i favoriti della start list maschile, l’australiano Bailie, il messicano Crisanto Grajales ed i portoghesi Pereira e Silva. Da tenere d’occhio anche il giovane talento Dorian Coninx (FRA), i fratelli russi Polyanskyi, l’altro sudafricano Henri Schoeman e lo svizzero Sven Riederer, che si è già aggiudicato la qualificazione alla sua 4^ Olimpiade.
Parlando invece degli assenti nell’evento degli Emirati Arabi, a scegliere di entrare in scena più tardi nel palcoscenico del Campionato del Mondo, i due campionissimi iridati, lo spagnolo Javier Gomez (5 volte campione del mondo) e la statunitense Gwen Jorgensen (2 volte campionessa mondiale e vincitrice l’anno scorso anche ad Abu Dhabi).

abudhabi_55

Tra le donne, la gara si preannuncia combattutissima: presente fra tutte la campionessa olimpica 2012 e già con il pass per Rio in mano, grazie alla vittoria dei primi Giochi Europei a Baku, la svizzera, Nicola Spirig che esordirà quest’anno lasciandoci ancora a ‘bocca asciutta’ nel tanto atteso confronto con l’altra imbattibile campionessa, la Jorgensen. In gara le forti statunitensi, protagoniste lo scorso anno di tanti podi: Sarah True, 3^ assoluta della world triathlon series, alle spalle della vincitrice connazionale Jorgensen e dell’argento neozelandese Andrea Hewitt; insieme a True, anche la Katie Zaferes, 5^ assoluta nella WTS 2015 ed ora proiettata ad assicurarsi un posto alle Olimpiadi.
Sabato occhi puntati anche sulla ‘kiwi’ Hewitt , che oltre ad essersi aggiudicata il bronzo mondiale 2015 è sicuramente tra le più esperte e ‘solide’ triatlete in campo assoluto; sarà un momento davvero delicato per la Hewitt che rientrerà nel mondo della WTS dopo aver perso il suo compagno di vita ed allenatore , il francese Laurent Vidal, – 5° alle Olimpiadi di Londra e che si era ritirato da due anni dall’attività agonistica – stroncato da un infarto a soli 31 anni, lo scorso 10 novembre. L’ITU in suo ricordo, dedicherà in questo evento il pettorale n.1 della start list maschile.
Tra le più competitive, ci saranno le componenti del team britannico, in particolare Jodie Stimpson e Helen Jenkins, che si giocano in questa prima parte di stagione mondiale, la terza carta olimpica a disposizione (Non Stanford e Vicky Holland sono state infatti già selezionate per Rio). Ed ancora, sicure protagoniste di questa tappa di Abu Dhabi nonché dello scenario internazionale, l’olandese Rachel Klamer e l’atleta delle Bermuda Flora Duffy, che hanno concluso entrambi l’anno scorso,nella top ten del circuito mondiale.

abudhabi_2

Per tutte le altre informazioni, cliccate qui sul sito Fitri.

Foto Azzurri: Roberto Tamburri