GORE® Wear R7, il RUNNING corre nel futuro

0
DCIM106_VIRBVIRB0261-

Con tecnologie di prodotto all’avanguardia GORE® Wear acquisisce definitivamente un ruolo fondamentale nello sviluppo di abbigliamento sportivo innovativo, con capi funzionali dove l’imperativo categorico è performance sempre ai massimi livelli. Nasce così la nuova collezione da running GORE® Wear R7, perfetta in condizioni di estremo caldo, in cui le alte temperature dettano legge.

GORE® Wear R7, TEST in gara!

L’atleta GORE® Florian Neuschwander affronta con successo la sua prima 100 miglia, la leggendaria West Endurance Run in California, USA.
L’atleta GORE® Florian Neuschwander affronta con successo la sua prima 100 miglia, la leggendaria West Endurance Run in California, USA.

La Western Endurance Run di Florian Neuschwander 

La Western Endurance Run in California è la più antica corsa di 100 miglia al mondo. Inizia nella Squaw Valley e termina ad Auburn, attraversando i canyon e le terre selvagge della Sierra Nevada, con temperature che raggiungono i 40°C. In altre parole, anche i top runner possono solo sperare per il meglio, soffrire in silenzio e andare avanti.

Florian Neuschwander in azione con i capi della nuova linea GORE® Wear R7
Florian Neuschwander in azione con i capi della nuova linea GORE® Wear R7

Flo Neuschwander

Vincendo l’ultratrail a Malibu il runner professionista tedesco Flo Neuschwander si è qualificato per correre la gara.”Correre in questa gara leggendaria e avere un’opportunità su una distanza di 100 miglia è stato a lungo uno dei miei più grandi sogni. Ma devo ammettere che il percorso è stato estenuante. Sono caduto male quattro volte, ferendomi le dita dei piedi. E la notte mi sembrava durare per sempre. È stata la gara più lunga e più estenuante della mia vita fino ad ora. E’ stato completamente diverso da come speravo, ma sono riuscito a tagliare il traguardo! Non riesco ancora a credere di essere stato là su quel leggendario sentiero di 100 miglia al fianco dei migliori corridori del mondo. Almeno posso dire che ero in testa alla fine del primo tratto in salita e che ho corso i 300m più veloci nell’ultimo giro di pista prima di tagliare il traguardo”.

GORE® Wear R7 vince il caldo!

Una delle cose più impegnative della gara è stato il clima californiano: umido e caldo con temperature che raggiungono i 40°C. Senza pietà! Per la gara Flo ha indossato la collezione GORE® Wear R7 grazie alle sue eccezionali funzioni di raffreddamento e gestione dell’umidità. Il mix di materiali utilizzati per la sua costruzione rende ogni capo estremamente traspirante e permette un’asciugatura rapida. Progettati con cuciture piatte per evitare frizioni e sfregamenti, questi capi sono resistenti ed estremamente leggeri. Dopotutto, in una gara come questa non vuoi portare peso in più!

Consigli x l’utilizzo di GORE® Wear R7

Consigliamo inoltre di indossare uno strato base GORE® Wear da solo quando la temperatura sale. Secondo Flo Neuschwander e altri grandi atleti, tra cui Jonathan Albon del Regno Unito, niente batte la gestione del sudore di queste maglie strato base. Il polipropilene leggero e ad asciugatura rapida svolge un ottimo lavoro allontanando il sudore dalla pelle. Le pochissime cuciture piatte e il tessuto sottile, morbido e molto elasticizzato sono studiati per creare capi lisci e incredibilmente confortevoli sulla pelle.

Il traguardo delle 100 miglia più antiche d'America
 Flo Neuschwander al traguardo delle 100 miglia più antiche d’America, la Western Endurance Run si è dimostrata perfetta per testare al meglio la validità dei nuovi capi della linea GORE® Wear R7

…e se questo articolo vi ha giustamente solleticato il palato…INFO QUI!

#AlwaysEvolve  #GOREwear

 

Articolo precedenteSpecialized S-Works Venge Sagan Collection
Articolo successivoOutdoor Portofino per un turismo ecocompatibile
Daniele Milano nasce una buona cinquantina di anni fa in Valle d’Aosta. Cresciuto con la montagna dentro, ha sempre vissuto la propria regione da sportivo. Lo sci alpino è stato lo sport giovanile a cui ha affiancato da adolescente l’atletica leggera. Nei primi anni 90 la passione per lo snowboard lo ha letteralmente travolto, sia come praticante che come giornalista. Coordinatore editoriale della rivista Snowboarder magazine e collaboratore per diverse testate sportive di settore ha poi seguito la direzione editoriale della testata Onboard magazine, affiancando sin dal lontano 2003 la gestione dell’Indianprk snowpark di Breuil- Cervinia. Oggi Daniele è maestro di snowboard e di telemark e dal 2015 segue 4running magazine, di cui è l’attuale direttore editoriale e responsabile per il canale web running. Corre da sempre, prima sul campo di atletica leggera vicino casa e poi tra prati e boschi della Valle d’Aosta. Dal 2005 vive un po’ a Milano con la propria famiglia, mentre in inverno si divide tra la piccola metropoli lombarda e Cervinia. “La corsa è il mio benessere interiore per stare meglio con gli altri”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui