Pubblicità
Home Running Eventi GRIGNE SKYMARATHON, Pettorali verso il sold out!

GRIGNE SKYMARATHON, Pettorali verso il sold out!

0

La GRIGNE SKYMARATHON 2021 va verso il sold out dei suoi 280 pettorali, mentre il direttivo al gran completo, composto dal Team Pasturo i Falchi Lecco e GSA Cometa, sta raccogliendo le ultime adesioni.

Si ringrazia Maurizio Torri per le fotografie messe a disposizione

Tappa italiana delle Skyrunning World Series

Pettorali verso il sold per la seconda tappa italiana di Skyrunning World Series, la coppa del mondo delle corse a fil di cielo. Nonostante ai concorrenti sia stato richiesto un curriculum selettivo, che tiene conto dell’esperienza alpinistica e di un certo livello di performance in gara, il tetto massimo di 280 partecipanti è quasi stato raggiunto. In giorni il direttivo composto da Team Pasturo, Falchi Lecco e GSA Cometa sta infatti raccogliendo le ultime adesioni. Entro il 20 di agosto le preiscrizioni dovranno essere regolarizzate, next stop la gara in programma domenica 19 settembre.

Sulle strade del Trofeo Scaccabarozzi

E non sarà una gara come tante altre. La Grigne Skymarathon, ricalcata sul percorso del Trofeo Scaccabarozzi, è infatti una delle super classiche dello skyrunning italiano e internazionale. Non a caso nella lista partenti figurano atleti provenienti da 20 differenti nazioni. Ad attendere i quasi 300 corridori selezionati un vero concentrato di skyrunning.

42k…3900 D+

42km e 3900m d+ con passaggio ai 2184m della Grigna Meridionale e ai 2410 di quella Settentrionale. Tratti molto corribili che si alterneranno ad altri tecnicissimi sono il giusto mix che in passato hanno esaltato campioni del calibro di Mario Poletti, Fabio Meraldi, Kilian Jornet, Emanuela Brizio, Corinne Favre

La parola a Antonio Rossi

«I sentieri sulle cime lecchesi torneranno ad essere protagonisti a livello mondiale grazie al contributo di Regione Lombardia – ha dichiarato «Antonio Rossi, Sottosegretario alla Presidenza Sport, Olimpiadi 2026, Grandi Eventi di Regione Lombardia -. La Grigne SkyMarathon porterà sulla sponda orientale del Lago di Como 280 atleti italiani e stranieri che si sfideranno in una gara che promette di stupire, sia per l’alto livello agonistico, sia per la spettacolarità dell’arco prealpino con vista sul Lario. Da lecchese sono estremamente soddisfatto che i fondi regionali abbiano aiutato Alberto Zaccagni e il suo Team Pasturo ad organizzare il grande evento di skyrunning in memoria di Davide Invernizzi. L’obiettivo post pandemia da coronavirus è far tornare le montagne lecchesi sotto i riflettori degli amanti delle corse per promuovere le bellezze del territorio anche in chiave turistica».

In memoria di Davide Invernizzi

Dietro le quinte, nel pieno rispetto delle normative vigenti, il comitato organizzatore sta lavorando per un evento che si preannuncia altamente spettacolare: «La gara sarà in memoria di Davide Invernizzi, ma ricorderà anche l’amico Matteo Tagliabue con premio speciale al primo passaggio maschile/femminile in Grignetta – ha confermato Alberto Zaccagni -. Stiamo lavorando con impegno supportati da varie associazioni, 3 guide alpine e oltre 200 volontari anche per rimettere in sicurezza il percorso. L’itinerario della Grigne Skymarathon serve anche ai numerosi escursionisti che ogni giorno salgono in quota; non dimentichiamo che unisce in un vero fil rouge ben 8 rifugi. Riproporre questa storica competizione, che ad anni alterni si avvicenderà con la ZacUP, è una bella sfida. Che non sarebbe stato facile lo sapevamo sin dall’inizio, ma siamo motivativi e convinti. All appuntamento manca poco più di un mese, ci faremo trovare pronti».

Se volete saperne di più, andate QUI!

 

 

 

Articolo precedenteOberalp: impegno costante per tutelare ambiente e persone
Articolo successivoValle d’Aosta, 3 attività Outdoor per scoprirla
Daniele Milano nasce una buona cinquantina di anni fa in Valle d’Aosta. Cresciuto con la montagna dentro, ha sempre vissuto la propria regione da sportivo. Lo sci alpino è stato lo sport giovanile a cui ha affiancato da adolescente l’atletica leggera. Nei primi anni 90 la passione per lo snowboard lo ha letteralmente travolto, sia come praticante che come giornalista. Coordinatore editoriale della rivista Snowboarder magazine e collaboratore per diverse testate sportive di settore ha poi seguito la direzione editoriale della testata Onboard magazine, affiancando sin dal lontano 2003 la gestione dell’Indianprk snowpark di Breuil- Cervinia. Oggi Daniele è maestro di snowboard e di telemark e dal 2015 segue 4running magazine, di cui è l’attuale direttore editoriale e responsabile per il canale web running. Corre da sempre, prima sul campo di atletica leggera vicino casa e poi tra prati e boschi della Valle d’Aosta. Dal 2005 vive un po’ a Milano con la propria famiglia, mentre in inverno si divide tra la piccola metropoli lombarda e Cervinia. “La corsa è il mio benessere interiore per stare meglio con gli altri”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità