Pubblicità

Hai mai bevuto un albero? con Selvatiq puoi

0
selvatiq

Che sapore hanno un habitat alpino e uno mediterraneo? Hai mai bevuto un albero? Selvatiq presenta le nuove sode Mediterranean Coast e Alpine Forest.

Si tratta di bevande analcoliche realizzate in cooperazione e nel pieno rispetto dell’ambiente per un’esperienza di gusto inedita e all’insegna della responsabilità.

La proposta di beverage non convenzionale di Selvatiq si arricchisce di due nuove proposte: il brand presenta le sode Mediterranean Coast e Alpine Forest, due bevande rivoluzionarie nel concetto e nelle caratteristiche, sintesi dei valori fondanti della filosofia e dell’attività dell’azienda, tra ricerca scientifica e sostenibilità.
Selvatiq nasce dall’incontro tra Valeria Margherita Mosca, fondatrice di Wood*ing wild Food Lab – il più importante laboratorio di ricerca sull’utilizzo del cibo selvatico per l’alimentazione umana, di cui fa parte anche Stefano Tosoni, esperto di progetti speciali rivolti alla sostenibilità – e Charles Lanthier, imprenditore esperto nel lancio di bevande non convenzionali. Dopo aver presentato, a febbraio scorso, la prima linea di Wild Nomadic Spirits (che comprende un gin, un vermouth e un bitter), le attività di ricerca e lo spirito di avventura hanno portato i creatori del brand sulle coste più selvagge del Mediterrano e nelle foreste alpine.
selvatiq
Il risultato sono due bevande analcoliche dai sapori inediti, a base di foglie di fico e abete rosso. Come vuole la filosofia del brand, le nuove sode sono la concretizzazione di un concetto rivoluzionario: realizzare un prodotto frutto della reale sinergia tra uomo e ambiente.

Dalle coste del Mediterraneo alle foreste alpine

La soda Mediterranean Coast nasce dalle foglie degli alberi di fico selvatico, che colorano e popolano abbondanti le coste mediterranee. Il raccolto prende le mosse dall’idea di dare nuova vita alle foglie di un albero invasivo, generalmente utilizzato per i suoi frutti; un approccio che aiuta a riflettere sul confronto con la biodiversità, la sua tutela e l’utilizzo delle differenti parti di piante selvatiche che sono diventate in alcuni casi tipiche delle colture estensive. Le caratteristiche delle foglie, facilmente riconoscibili grazie alla particolare forma, danno vita a un estratto naturale che rende la bevanda analcolica piacevole e suggestiva. Una soda fresca e aromatica dai toni fruttati e sorprendentemente tropicali che ricordano l’acqua di cocco, la vaniglia e la nocciola.
 
Più fresca e citrica, balsamica e leggermente amara, Alpine Forest porta nel sapore e negli ingredienti tutti i colori e gli odori della foresta alpina: è infatti prodotta utilizzando proprio ciò che chi tutela e salvaguarda questo ambiente naturale ritiene necessario eliminare. I rami freschi di abete rosso vengono raccolti proprio dove gli enti forestali li radunano o dove cadono spontaneamente, in una sinergia perfetta tra uomo e foresta.
Grazie alle note piacevolmente aromatiche, al gusto inedito e alla composizione a base di soli ingredienti naturali, le sode Mediterranean Coast e Alpine Forest si rivolgono agli amanti della natura e delle attività all’aria aperta, ma anche a chi desidera un’esperienza di gusto ricercata, bilanciata e una scelta sostenibile. Le nuove bevande analcoliche sono pensate per essere gustate lisce, fredde e on the rock in qualsiasi momento della giornata, oppure in miscelazione per un long drink accattivante, magari proprio con il Selvatiq Beyond Gin, per l’esperienza di un gin tonic wild e sostenibile.

La scelta clean label di Selvatiq

Realizzate con base di estratto naturale di foglie di fico e aghi di abete rosso raccolte a mano direttamenrte negli habitat in cui sono abbondanti, le sode Selvatiq sono al 100% naturali e senza conservanti. Vantano una composizione eccezionale per la naturalità degli ingredienti e le caratteristiche organolettiche; oltre all’estratto caratterizzante, le sode sono addizionate solo di acqua minerale, zucchero di canna bio (in quantità modeste, solo 4 gr per 100 ml, per una bevanda non solo piacevole al palato ma anche sana), e succo di limone biologico, con una leggera gasatura, che ne amplifica il potere dissetante completando la piacevole esperienza al palato.
 selvatiq

 

Responsabilità, il miglior ingrediente delle bevande Selvatiq

La responsabilità è il più nobile degli ingredienti che compongono le proposte Selvatiq; con la creazione di ciascuna bevanda, grazie al particolare approccio, il brand non si limita a rispettare l’ambiente, ma si impegna attivamente per salvaguardarlo, con l’obiettivo di favorire e proteggere l’identità e la biodiversità di ogni territorio. La sostenibilità di ogni bevanda passa per la scelta e l’utilizzo degli ingredienti, studiati, selezionati e raccolti con un approccio conservativo e in un’ottica di cooperazione con la natura, ma anche nelle lavorazioni, che prevedono unicamente ingredienti biologici e naturali. L’attenzione nei confronti dell’ambiente continua anche a valle della produzione, con scelte di packaging dalle caratteristiche virtuose: vetro riciclato per gli spirits e alluminio 100% riciclabile per le lattine, fino ad un pack no-glue, tanto che l’etichetta delle nuove sode è applicata a mano con due piccoli adesivi ai lati.

selvatiq

Mediterranean Coast e Alpine Forest sono solo le prime sode di una serie di altre bevande rappresentative di tanti habitat diversi con sapori nuovi e stupefacenti, frutto di una cooperazione sempre più profonda con l’ambiente naturale.

Naviga il sito web ufficiale!

Articolo precedenteCanyon Ultimate CF SLX Tino Pohlmann Design
Articolo successivoNuovo DPCM: niente Surf per Piemonte, Lombardia e Valle d’Aosta
Eva è nata e cresciuta a Roma, dove ha studiato giurisprudenza per capire che è una persona migliore quando non indossa un tailleur. Ha lasciato la grande città per lasciare che il vento le scompigliasse i capelli sulle montagne delle Alpi e presto ha scoperto che la sua passione per l’outdoor e scrivere di questa, poteva diventare un lavoro. Caporedattrice di 4outdoor, collabora con diverse realtà del settore outdoor. Quando ha finito di lavorare, apre la porta della baita in cui vive per sciare, correre, scalare o per andare a fare altre gratificanti attività come tirare il bastone al suo cane, andare a funghi o entrambe le cose insieme.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui