Pubblicità
Home Sup Foto I castelli dell’Alto Adriatico
Pubblicità

I castelli dell’Alto Adriatico

0

All’estremo nord del bacino Mediterraneo c’è un luogo ricco di storia e di antichi castelli, è il golfo di Trieste. Grazie al SUP è possibile esplorare le sue differenti coste ed andare alla scoperta di tre castelli a picco sul mare. Il più antico e più a nord di tutti è il Castelvecchio. Le rovine di questa rocca del X secolo faranno rivivere antiche storie e leggende come quella della Dama bianca, una nobile castellana che per sventura venne trasformata in pietra visibile solo dalla costa con il SUP.

Passando per lo scoglio di Dante, luogo di meditazione del famoso poeta che sembra abbia passato qui parte del suo tempo, si arriva sotto al castello di Duino. Costruito nel 1389 da Ugone di Duino, allora Capitano di Trieste, dopo molte vicissitudini è da più di 420 anni di proprietà della famiglia Thurn und Taxis. Proprio sotto al castello troviamo la spiaggia del Principe o spiaggia impossibile, perché raggiungibile solo dal mare. Tutto attorno si può navigare tra le falesie della Riserva Naturale tanto amate dal poeta Rainer Maria Rilke ricordandosi che bisogna tenersi ad una determinata distanza delimitata da boe ben visibili. Undici chilometri più a sud est, passando per la suggestiva costiera Triestina, si arriva al castello di Miramare. Voluto dall’Arciduca d’Austria Massimiliano d’Asburgo e da sua moglie Carlotta, questo castello del 1855 in stile eclettico ci farà godere di pagaiare sul mare da dove risalta nel mezzo di un parco con alberi rarissimi. Andando poi in direzione Trieste, dalle rive è possibile scorgere il castello di San Giusto oppure dal Mandracchio di Muggia un altro castello del 1300. Ma questa è un’altra storia e noi ci fermiamo qui ricordando di controllare sempre le previsioni Meteo prima di andare in SUP da queste parti perché qui navighiamo nel Regno della Bora.

TESTO E FOTO Sup Team Mano Aperta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità