Pubblicità
Home Sup News Il primo protocollo Sup Rescue by 4Sup
Pubblicità

Il primo protocollo Sup Rescue by 4Sup

0

starboard sup rescue

SUP RESCUE Testo di Nicola Abatescianni, Giuseppe Cuscianna e 4Sup

Il Surf Rescue è una tecnica di salvataggio in mare che integra le procedure base di salvamento con l’utilizzo di tavole da surf o sup omologate e appositamente studiate per garantire stabilità e sicurezza. Dal 1997 il “Surf Rescue” opera in tutto il mondo per soccorrere persone in difficoltà. Viene utilizzato sulle spiagge delle Hawaii, Malibu, Sydney o di Sylt e l’intero Mar Baltico.

starboard sup rescue cinghie

L’attrezzatura è costituita da una tavola con determinati requisiti strutturali: cinghie di protezione su ambo i lati, maniglie multiple per consentire alla persona soccorsa di aggrapparsi, volume e caratteristiche di linee d’acqua che la rendono adatta per prestazioni professionali in tutte le acque e che le conferiscono un ottimo bilanciamento.

Nella sequenza di esempio è stata utilizzata la Ocean Rescue di Starboard e esistono in commercio altre attrezzature simili di altri marchi. La procedura che andrete a visionare è una simulazione di salvataggio in acque ferme, ha lo scopo didattico-illustrativo, ma se non siete un rescue man evitate di soccorrere qualcuno mediante tecniche a voi sconosciute.

nicola abatescianni durante un salvamento in una grotta

Il rider in azione è Nicola Abatescianni, ed è un vigile del fuoco esperto con diversi brevetti di salvataggio ministeriali e civili. Quello che andremo a fare sarà esplicare alcune manovre che potranno esservi utili nel caso qualcuno si sia fatto male. Per vostra informazione, Nicola sta presentando un documento al ministero degli Interni sulla formazione e la sicurezza degli operatori di sicurezza balneari, integrando una tavola da sup di salvataggio. Nella Foto Nicola durante un intervento in una grotta.

rockerline ocean rescue starboard

La tavola ha delle maniglie sulla coperta, ha uno scoop accentuato e una rocker line molto spinta ma è ben bilanciata al centro. È una tavola molto resistente e nel caso ci sia un peso sulla prua la tavola varia leggermente il proprio assetto cruising.

4sup sup rescue by nicola abatescianni 01

 

Come possiamo vedere nelle prime immagini la tavola presenta delle maniglie laterali che agevolano l’ingresso in acqua dando così la possibilità di lanciarsi e quindi di avere già velocità.Afferrate la tavola dalle maniglie e ed entrate in acqua lanciandoti sulla tavola entrando gia in planata sull’acqua, stando attenti a non farvi male.

4sup sup rescue by nicola abatescianni 02

Pagaiate per avvicinarvi alla persona da salvare stando molto attenti. In prossimità della persona da salvare potete optare per un tuffo frenato o calarvi in acqua normalmente dalla tavola.

4sup sup rescue by nicola abatescianni 03

Avvicinatevi alla persona nuotando con la pagaia tra le mani, afferratela come se la doveste salvare a nuoto, per avvicinarvi alla tavola, qualora vi foste allontanati molto.

4sup sup rescue by nicola abatescianni 04

Una volta arrivati alla tavola prendete la maniglia opposta alla posizione in cui vi trovate e capovolgete la tavola, facendo attenzione alla vostra e all’incolumità della persona che state salvando.

4sup sup rescue by nicola abatescianni 05

Ruotate la tavola con una mano mentre con l’altra tenete la testa fuor d’acqua alla persona da salvare. Fate attenzione a questa operazione in quanto può essere fatta solo se avete pieno controllo della tavola, della pagaia e siete esperti nuotatori.

4sup sup rescue by nicola abatescianni 06

Appena ruotata la tavola salite e mezzo busto su di essa per iniziare la manovra che vi porterà a sistemare il salvato sulla tavola.

4sup sup rescue by nicola abatescianni 07

Prendete le mani della persona e portatele sul bordo opposto alla posizione in cui vi trovate, cercate di posizionare il mento sul bordo della tavola facendo attenzione che non si schiacci la lingua, e mantenendo le mani passate sopra la tavola senza lasciare le mani della persona in difficoltà.

4sup sup rescue by nicola abatescianni 08

Una volta fatta distendere la persona con il viso poggiato sulla tavola, impugnate il bordo opposto della tavola dalla posizione in cui vi trovate, e spostando il peso del corpo alle vostre spalle, fate ribaltare la tavola. Opponete il peso per far routare la tavola e se siete abbastanza esperti potete utilizzare il ginocchio per far ancora più presa opposta. La manovra è molto fisica e dura, questa esercitazione è stata fatta in acqua ferme ed in assenza di corrente.

4sup sup rescue by nicola abatescianni 09

Girata la tavola il salvato si ritroverà di pancia sulla tavola, salite a cavalcioni per sistemare l’incoscente.

4sup sup rescue by nicola abatescianni 10

4sup sup rescue by nicola abatescianni 11

A questo punto salite sulla tavola e girate il corpo della persona salvata col volto in aria, portate le gambe sulla tavola e la testa che poggia sui 3⁄4 anteriori della tavola per bilanciarla successivamente con il vostro peso.

4sup sup rescue by nicola abatescianni 12

Posizionata la persona, preparatevi a iniziare la manovra di rientro, iniziate a pagaiare in ginocchio ed una volta raggiunta la velocità desiderata alzatevi per imprimere più forza nella pagaiata.

4sup sup rescue by nicola abatescianni 13

Una volta arrivati a riva, dovrete coordinare i lavori di sollevamento del sup per poter portare la persona salvata dai soccorritori che nel mentre saranno arrivati.

4sup sup rescue by nicola abatescianni 14

Due persone la solleveranno mediante le maniglie di dietro e altrettante utilizzando le maniglie davanti.

Vogliamo ricordarvi che questa manovra è stata studiata nel 2010 da Nicola Abatescianni e presentata al ministero degli interni nel 2012. La valutazione di tale protocollo ha però dei requisiti fondamentali imprescindibili:

– Essere un esperto waterman praticando almeno 3 sport su tavola
– Essere in possesso di brevetto di bagnino
– Essere a conoscenza delli tecniche base di salvamento
– Avere una buona resistenza
– Avere sangue freddo

In America il corso di baywatch prevede una selezione molto dura ed un corso di un anno molto estenuante. Ci aspettiamo che in Italia fra qualche anno possa essere lo stesso…nel mentre vi annunciamo che a breve ci potrebbe essere la prima gara di salvamento in Italia.

Pubblicità