Pubblicità
Home Running Eventi Jornet e Wyder conquistano l’Annapurna!
Pubblicità

Jornet e Wyder conquistano l’Annapurna!

0
Davide Magnini, che spettacolo di atleta. Corre forte in salita, imprendibile in discesa!
Davide Magnini, che spettacolo di atleta. Corre forte in salita, imprendibile in discesa!

Kilian Jornet e Judith Wyder vincono in Nepal, contro tutti i top Trailer più forti al mondo, l’Annapurna Trail Marathon, tappa finale della GOLDEN TRAIL WORLD SERIES, aggiudicandosi sia la tappa nepalese che il circuito GTWS. Si è così conclusa la seconda stagione della GTWS in cui sono stati incoronati i campioni uomini e donne.

Kilian Jornet, è lui l'uomo da battere per la stagione 2020! Atleta Salomon probabilmente da quando è nato..., in questi anni costellati di imprese incredibili, ha saputo arricchire il brand francese di Running vero, laddove la performance dell'atleta si confonde con l'immagine indelebile di questo grande uomo.
Kilian Jornet, è lui l’uomo da battere per la stagione 2020! Atleta Salomon probabilmente da quando è nato…, in questi anni costellati di imprese incredibili, ha saputo arricchire il brand francese di Running vero, laddove la performance dell’atleta si confonde con l’immagine indelebile dell’uomo.

Jornet & Wyder forti tra i più forti

Tra gli uomini si conferma campione assoluto Kilian Jornet, che ha preceduto un incredibile Davide Magnini, con al terzo posto il norvegese Stian Angermud e quarto il  francese Thibaut Baronian.

Davide Magnini, che spettacolo di atleta. Corre forte in salita, imprendibile in discesa!
Davide Magnini, che spettacolo di atleta. Corre forte in salita, imprendibile in discesa!

I primi 10 uomini e donne nella classifica a punti si sono guadagnati il diritto di affrontare l’alta quota dell’Himalaya in questa gara di 42 km che include 3.560 metri di dislivello e raggiunge i 3.753 metri. Una gara durissima, che ha visto emergere di prepotenza tra le donne una Judith Wyder davvero in forma che ha messo dietro una fantastica Silvia Rampazzo, che può dirsi sicuramente molto soddisfatta per una stagione stratosferica.

Judith Wyder, irresistibile anche per la nostra Silvia Rampazzo, seconda di tappa e seconda assoluta del circuito mondiale
Judith Wyder, irresistibile anche per la nostra Silvia Rampazzo, seconda di tappa e seconda assoluta del circuito mondiale

Magnini e Rampazzo, l’Italia che vince…quasi

Silvia Rampazzo e Davide Magnini, entrambi secondi classificati di tappa  e secondi della classifica ufficiale, concludono così una stagione di altissimo livello tecnico e umano. Abituati a soffrire, non si sono certo fatti spaventare dai pendii oltre i 4000 metri dell’Annapurna, dimostrando una classe 100% made in Italy che ci rende fieri.

silvia-rampazzo-ambassador-suunto
Silvia Rampazzo, la fortissima atleta, non disdegna mai un sorriso, anche nelle fasi più dure in gara. Eccola in un selfie a regola d’arte, durante uno dei suoi allenamenti quotidiani.

Silvia Rampazzo e Davide Magnini…da cannibali di successo, avremmo voluto vederli entrambi sul gradino più alto del podio, ma un risultato così ci fa ben sperare per il futuro! Di Silvia e Davide si parlerà ancora molto negli anni a venire…ne siamo sicuri!

Le parole del fuoriclasse Kilian Jornet prima della gara

“Il livello di ogni singola gara della Golden Trail World Series è stato estremamente alto, e questa sarà la gara con la top 10 di uomini e donne: nessuno in campo sarà ‘lento’ tra runner molto esperti e molti giovani atleti. La gara non ha dislivelli particolarmente alti per essere in Nepal, ma in qualsiasi altra parte del mondo sarebbe un numero molto elevato, 4.000 metri e questo influisce sicuramente sulle nostre prestazioni durante la corsa, ma tutti gli atleti in gara sono abituati ad allenarsi e correre in quota”.

 

Articolo precedenteIl calore diventa sostenibile con The North Face
Articolo successivoAikurt Direttore Creativo di GORE Wear
Daniele Milano nasce una buona cinquantina di anni fa in Valle d’Aosta. Cresciuto con la montagna dentro, ha sempre vissuto la propria regione da sportivo. Lo sci alpino è stato lo sport giovanile a cui ha affiancato da adolescente l’atletica leggera. Nei primi anni 90 la passione per lo snowboard lo ha letteralmente travolto, sia come praticante che come giornalista. Coordinatore editoriale della rivista Snowboarder magazine e collaboratore per diverse testate sportive di settore ha poi seguito la direzione editoriale della testata Onboard magazine, affiancando sin dal lontano 2003 la gestione dell’Indianprk snowpark di Breuil- Cervinia. Oggi Daniele è maestro di snowboard e di telemark e dal 2015 segue 4running magazine, di cui è l’attuale direttore editoriale e responsabile per il canale web running. Corre da sempre, prima sul campo di atletica leggera vicino casa e poi tra prati e boschi della Valle d’Aosta. Dal 2005 vive un po’ a Milano con la propria famiglia, mentre in inverno si divide tra la piccola metropoli lombarda e Cervinia. “La corsa è il mio benessere interiore per stare meglio con gli altri”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità