La AICW ci aiuta, ma noi?

0

Venerdi scorso il vice-presidente AICW (Associazione Italiana Classi Windsurf) l’avv. Cristiano Cricco Siringo ha pubblicato una lettera aperta con uno spunto di riflessione che qui sotto vi proponiamo.
Cristiano si è fatto portavoce nelle scorse settimane di una utilissima iniziativa che ha chiarito molti dubbi sulla possibilità di tornare in acqua per noi windsurfisti con l’inizio della fase 2 di questa emergenza sanitaria causata dal coronavirus. Cristiano contattando i vari referenti per le regioni aveva redatto un testo con le indicazioni per la pratica sportiva per ogni regione, CLICCA QUI.
La AICW anche in questa situazione ha dimostrato di essere dalla nostra parte, perchè anche noi non posiamo dare il nostro piccolo contributo per sostenere l’Associazione. Magari potrebbe tornarci utile ancora una volta in futuro…?

Articolo precedenteSEAYnday brunch con Alessandro Piu
Articolo successivoScusi, ma quanto è grande il serbatoio?
Ciao a tutti, sono Fabio Calò (ITA-720), ho iniziato a fare windsurf all’età di 13 anni e da quel momento è diventata la mia più grande passione, la mia vita. Finiti gli studi universitari ho iniziato a lavorare in un negozio di windsurf a Torino, poi agente di commercio e nel 2006 è iniziata la mia grande avventura con la redazione di 4Windsurf e poi anche di 4Sup. Sono stato campione italiano Wave di windsurf nel 2013 e 2015, altri ottimi risultati agonistici gli ho ottenuti anche nel freestyle sia in Italia che in Europa. Dal 2017 sono il direttore di una delle scuole più importanti del Lago di Garda, il PierWindsurf. Trasmetto la mia passione con progetti dedicati ai giovani come il Progetto Serenity di Malcesine, e organizzo Wave Clinics nel periodo invernale. Vivo a Torbole sul Garda e respiro l’aria del windsurf 365 giorni all’anno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui