Pubblicità
Home Windsurf Video La tavola gonfiabile e il rig ripiegabile di RRD
Pubblicità

La tavola gonfiabile e il rig ripiegabile di RRD

0

RRD oggi pubblica online i suoi innovativi prodotti destinati al Entry Level:  Airwindsurf Freeride e Airwindsurf Rig. Si tratta di un tavola da Windsurf gonfiabile e un rig performante e con la caratteristica di poter essere ripiegato e ospitato nel bagagliaio di una utilitaria! Entrambi questi prodotti sono già stati approfonditi sulle pagine di 4Windsurf dei numeri scorsi e anche su queste frequenze. Vi proponiamo un riassunto e il video ufficiale.

https://www.4actionsport.it/windsurf/2015/10/12/rrd-air-windsurf/

RRD AIRWINDSURF SAIL
Avevamo già presentato sui numeri scorsi l’innovativo progetto di Tavole freeride gonfiabili della Factory Grossetana RRD. Ebbene, sulla scia di un progetto che sembrerebbe a dir poco “esaltante”, anche il sail designer John Skye ha dato un suo interessante contributo, sviluppando un rig performante e con l’incredibile caratteristica di poter essere ripiegato e ospitato comodamente nel bagagliaio di una FIAT Panda! Rivoluzionario!

RRD_SA16-4677

L’idea di sviluppare una gamma di vele ad hoc per la nuova tavola RRD Airwindsurf è venuta a John Skye proprio dopo una sorprendente uscita planante con la tavola gonfiabile. L’obiettivo era quello di sviluppare un rig performante, ma che potesse essere alloggiato nel bagagliaio di un’auto, assieme alla sacca dell’Airwindsurf. Quindi prendendo come riferimento il bagagliaio di una FIAT Panda (112x54x48 cm), John si è dovuto organizzare per sviluppare una vela il cui componente più lungo misurasse 112 cm una volta smontata la vela, il che per una vela freeride 7m che ha una lunghezza del boma di circa 2 metri non è esattamente una cosa semplice.

RRD_SA16-4682

Lo sviluppo è partito dalla Xtra Sail, la vela all-round semplice e performante che si è dimostrata vincente anche in questa versione ripiegabile. Le vele sono state disposte parallelamente in modo che sia più semplice l’operazione di arrotolamento. Inoltre la vela è caratterizzata da un ferzo longitudinale in Dacron che permette di piegarla in due senza danneggiare il monofilm.
E le stecche? John ha brillantemente risolto il problema realizzando delle stecche con un innesto simile a quello utilizzato nelle tende da campeggio, così le stecche si possono dividere in due e la vela può essere ripiegata a metà prima di essere arrotolata.

Anche il boma e l’albero sono stati modificati: il boma può essere diviso in due parti, mentre l’albero è stato diviso in 5 parti!
La cosa più sorprendente è che nonostante tutte queste soluzioni particolari, le performance generali della vela sono rimaste lo stesso di altissimo livello, anzi chi ha avuto la possibilità di provare in acqua la combinazione tavola e vela è rimasto a dir poco sorpreso!

RRD_SA16-4723

La vela sarà disponibile in 3 misure (7m, 6m, 5m), mentre l’albero sarà disponibile in due versioni, una PRO (Carbon 80%) più leggera e performante, e una Standard (Carbon 35%) più economica. Dentro allo zaino che contiene il rig troverete: vela, albero in 5 pezzi, boma (170-220) in due pezzi, caricabasso e prolunga con piede d’albero.

Queste le caratteristiche tecniche della vela: http://www.robertoriccidesigns.com/equipment/shop/airwindsurf-rig-mk1/

E quelle della tavola: http://www.robertoriccidesigns.com/equipment/shop/airwindsurf-freeride/

RRD_SA16-5593

FOTO Dave White

Articolo precedenteVideo: Richie Rude – This is Home
Articolo successivoJust Passing Through ep 7: in Francia con Roby D’Amico
Ciao a tutti, sono Fabio Calò (ITA-720), ho iniziato a fare windsurf all’età di 13 anni e da quel momento è diventata la mia più grande passione, la mia vita. Finiti gli studi universitari ho iniziato a lavorare in un negozio di windsurf a Torino, poi agente di commercio e nel 2006 è iniziata la mia grande avventura con la redazione di 4Windsurf e poi anche di 4Sup. Sono stato campione italiano Wave di windsurf nel 2013 e 2015, altri ottimi risultati agonistici gli ho ottenuti anche nel freestyle sia in Italia che in Europa. Dal 2017 sono il direttore di una delle scuole più importanti del Lago di Garda, il PierWindsurf. Trasmetto la mia passione con progetti dedicati ai giovani come il Progetto Serenity di Malcesine, e organizzo Wave Clinics nel periodo invernale. Vivo a Torbole sul Garda e respiro l’aria del windsurf 365 giorni all’anno.
Pubblicità
Advertisement