Luca Guglielmetti è il runner italiano dell’ASICS Beat The Sun

0

E’ Luca Guglielmetti l’amatore italiano che completerà la squadra Sud Europa dell’Asics Beat The Sun 2016. Sarà l’atleta di Cantù a rappresentare l’Italia nella staffetta più estrema attorno al Monte Bianco, in programma il prossimo 21 giugno.

Luca Guglielmetti, sarà lui a rappresentare l'Italia alla Asics Beat The Sun 2016 Luca Guglielmetti, sarà lui a rappresentare l’Italia alla Asics Beat The Sun 2016

 

ASICS Beat the Sun è una staffetta unica con otto squadre intercontinentali. Le squadre competono tra loro nel tentativo di percorrere il giro del Monte Bianco tra l’alba e il tramonto, il 21 giugno, il giorno più lungo dell’anno.

Competere con il tempo da una parte e la natura dall’altra!

Le squadre hanno solo 15 ore, 41 minuti e 35 secondi per coprire 130 km. Ogni corridore dovrà completare due sezioni comprese tra 4,5 km e 17 km, attraverso varie altitudini e diversità di terreno – tra cui strade bianche, asfaltate e sentieri alpini – e attraversando tre nazioni: Francia, Italia e Svizzera.

Migliaia di corridori si sono iscritti con il sogno di essere tra i 50 semifinalisti selezionati da esperti ASICS ed entrare a far parte dei 24 amatori, selezionati dallo stesso team, per prendere parte a questa particolare sfida.

Tre amatori e tre atleti professionisti costituiranno ciascuna delle otto squadre intercontinentali, con tre squadre provenienti dall’ Europa, due dall’America e una dall’Oceania, Asia e Africa.

Queste le parole del runner amatore che rappresenterà l’Italia, Luca Guglielmetti:

image-3 Luca in azione con Xavier Chevrier

Mi sono iscritto per gioco ma dentro di me ci ho sempre sperato. Appena ho appreso di essere in semifinale e dopo aver partecipato ai due giorni di allenamento con Xavier Chevrier, ho

pensato che in qualsiasi modo sarebbe andata a finire avevo comunque avuto l’opportunità di confrontarmi con dei veri professionisti, ma ho contiuato a incrociare le dita fino al giorno in cui mi hanno detto che il vincitore ero io. Ero incredulo, ma subito ho iniziato a pensare alla sfida che mi aspetta. Mi sento pronto e allenato e a livello caratteriale sono una persona che non molla mai. Quindi anche in questo caso daró il massimo per la mia squadra.”

Articolo precedenteVideo: Five AM
Articolo successivoQuarta edizione del Progetto Bonelli in Windsurf
Daniele Milano nasce una buona cinquantina di anni fa in Valle d’Aosta. Cresciuto con la montagna dentro, ha sempre vissuto la propria regione da sportivo. Lo sci alpino è stato lo sport giovanile a cui ha affiancato da adolescente l’atletica leggera. Nei primi anni 90 la passione per lo snowboard lo ha letteralmente travolto, sia come praticante che come giornalista. Coordinatore editoriale della rivista Snowboarder magazine e collaboratore per diverse testate sportive di settore ha poi seguito la direzione editoriale della testata Onboard magazine, affiancando sin dal lontano 2003 la gestione dell’Indianprk snowpark di Breuil- Cervinia. Oggi Daniele è maestro di snowboard e di telemark e dal 2015 segue 4running magazine, di cui è l’attuale direttore editoriale e responsabile per il canale web running. Corre da sempre, prima sul campo di atletica leggera vicino casa e poi tra prati e boschi della Valle d’Aosta. Dal 2005 vive un po’ a Milano con la propria famiglia, mentre in inverno si divide tra la piccola metropoli lombarda e Cervinia. “La corsa è il mio benessere interiore per stare meglio con gli altri”